Annus Mirabilis Annus Mirabilis

Annus Mirabilis

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

È una mattina del 1666 a Eyam, un piccolo e isolato villaggio di montagna del Derbyshire, in Inghilterra, e nel grazioso cottage in cui vive, Anna Frith ha appena finito di allattare il piccolo Tom e di scrutare amorevolmente Jamie, che gioca da solo accanto al focolare, spargendo ovunque pezzetti di rami. Riempita una brocca d'acqua fresca e tagliata una fetta di pane, Anna si avvia verso la scala della soffitta, per raggiungere la stanza dove dorme Mr. Viccars. Dal giorno in cui Sam Frith se n'è andato, sepolto da una valanga nel giacimento di piombo in cui lavorava, è trascorso un inverno intero. In primavera, George Viccars è venuto a bussare alla porta del cottage in cerca d'un alloggio e Anna, vedova a diciotto anni con due bambini, ha pensato bene che l'avesse mandato Dio. Viccars è un sarto girovago, conosce Londra e York, l'intensa vita portuale di Plymouth e il traffico di pellegrini di Canterbury. Ha visto mercanti di seta che hanno attraversato l'Oriente e fatto amicizia con produttori di merletti persino tra gli Olandesi; ha visto marinai di Barberia che si avvolgono il volto color rame in turbanti di intenso color indaco, e mercanti che hanno mogli tutte velate. Ed è straordinariamente gentile: ieri le ha fatto dono di un meraviglioso vestito di lana fine verde dorato, con l'orlo e i polsi ornati di pizzo genovese. Perché però ora l'accoglie con strani gemiti e non con la sua solita, contagiosa allegria? Anna entra nella stanzetta dal soffitto basso e per poco la brocca non le cade di mano. Il volto giovane e bello della sera precedente è scomparso. George Viccars giace con la testa spinta di lato da un bubbone grande quanto un maialino appena nato, un rigonfiamento di carne lucida e pulsante. Così, nelle pagine di questo romanzo, la peste giunge a Eyam, in una mattina del 1666. Inaspettata e innocente eroina, Anna deve affrontare la morte nella sua famiglia, la disintegrazione della sua comunità (non appena la peste penetra nelle loro case, gli abitanti di Eyam smarriscono la loro fede e si abbandonano a ottusità e superstizione) e il pericolo di un amore illecito. L'"Annus Horribilis" della peste, però, è destinato a trasformarsi in un "Annus Mirabilis", un anno di meraviglie.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 8

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.1  (8)
Contenuto 
 
4.1  (8)
Piacevolezza 
 
4.1  (8)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Annus Mirabilis 2017-01-29 19:26:32 Georgia
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Georgia    29 Gennaio, 2017

Un romanzo imprevedibile

Non mi ero mai soffermata nel periodo storico/tema della peste, nonostante io fossi un'appassionata di romanzi storici. E così ho scelto questo libro, un po' incantata dalla trama(che è un fatto avvenuto realmente)e dalla copertina... E' un romanzo che si legge tutto d'un fiato, avevo una voglia di scoprire cosa succedesse pagina dopo pagina. Per spiegare il romanzo, mi sono creata nella mia mente una struttura. Il romanzo si apre con la situazione attuale per poi utilizzare il flashback narrativo. La prima parte è dedicata alla presentazione dei personaggi del villaggio di Eyam. Conosciamo subito la storia di Anna Frith, una giovane ragazza madre, ma anche vedova. Conosciamo la sua storia personale, la sua infanzia e conosciamo anche il suo ospite: George Viccars, un sarto di Londra che sarà il portatore della peste nel piccolo villaggio. Il rettore Michael Montpellion, che è una sorta di sindaco del villaggio, prende una decisione importante : mettere il villaggio in quarantena e proibire l'importazione o l'esportazione DIRETTA di merci e degli abitanti di Eyam. Da questo momento in poi inizia la parte di mezzo, dedicata al modo in cui il rettore, la moglie Elinor e la domestica Anna Frith (che è appunto la voce narrante) devono prendersi cura degli abitanti. Si susseguono quindi moltissime vicende, la storia di tante famiglie affette dalla peste, i lutti che devono sopportare, le ribellioni degli abitanti, accuse di stregoneria che si susseguono tra coloro che cercano di preparare unguenti a base di erba per lenire i dolori della peste. Il ritmo della narrazione è abbastanza veloce e la storia comincia veramente a modellarsi. Non voglio fare alcuno spoiler, quindi dirò semplicemente che la storia poi prenderà una trama che sembra completamente diversa da quella principale. Infatti, questa è quella che chiamo "la parte finale " che comincia intorno alla pagina 280. Da questo momento in poi, la storia prende una piega che non pensavi assolutamente potesse realizzarsi. Ma sorvolata questa parte, (che penso sia dovuto ad un momento molto particolare in cui la scrittrice ha deciso che fosse arrivato il momento di un'ondata da 50 sfumature), la trama si sconvolge del tutto ed ha una fine che proprio non ti aspetti. Ed è proprio questo l'unico punto che voglio criticare di questo libro : la fine. E' una storia così intensa che ti coinvolge anche a livello stilistico ed invece la fine del romanzo risulta essere una trama molto velocizzata, magari qualche idea/spunto per un nuovo libro che la scrittrice ha deciso fosse meglio inserire proprio in questo romanzo. Non so quale sia stato il suo scopo nel finale che ha scelto di dare, ma secondo me stona totalmente con la trama. Può starci il momento di passione da 50 sfumature, ma sconvolge ancor di più ciò che succede immediatamente dopo. Il personaggio di Anna Frith non poteva assolutamente dipendere da un altro uomo, è stata forte ed indipendente in tutto il romanzo e non mi piace affatto il finale che ha scelto di darle, non degno di lei e della sua storia. A quanto ho letto, non è stata solo una sensazione mia, molti l'hanno pensata esattamente come me riguardo questo finale appuntato molto distrattamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Annus Mirabilis 2014-07-01 07:09:43 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    01 Luglio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La peste bubbonica

La scrittrice ha una grande capacità di descrivere le piccole cose, gli affetti, di fare entrare il lettore nella vita dei personaggi. Dal punto di vista stilistico la costruzione delle frasi, la capacità di attirare il lettore il romanzo grazie all'immediatezza del racconto è veramente notevole. Il romanzo è storico e alcuni personaggi Anna, Anys, Elinor sono belli e intensi. In generale i personaggi femminili sono quelli più riusciti. Il romanzo è storico e molti personaggi, quelli su cui l'autrice ha lavorato meno di fantasia, conservano il loro vero nome.
Anche se il libro mi è piaciuto moltissimo mi pare che ci siano degli eccessi nella storia che tolgono un po' di bellezza a un romanzo che sarebbe stato quasi perfetto. Gli eccessi sono soprattutto dalla metà in avanti. Se è bella la vicenda di Anys e anche credibile la caccia alla strega con le sue prevedibili conseguenze, riproporla in modo amplificato nella vicenda della matrigna di Anna mi è sembrato sbagliato, come mi è sembrata eccessiva la vicenda del padre di Anna e la sua morte spettacoloare. Anche il finale (a parte la fuga) secondo me tradisce un po' i personaggi. Avrei preferito che l'amicizia restasse amicizia, l'amore amore, l'affetto affetto.
La vicenda non aveva bisogno di orrori su orrori. La peste era più che sufficiente.
In ogni caso il libro è molto bello e uno nota queste cose proprio perchè la sensazione è di essere arrivati tanto vicini alla perfezione per poi essersene allontanati proprio a un pelo dal toccarla. Comunque la descrizione degli affetti e dei sentimenti delicati, l'amore per la vita e la cura delle piccole cose e delle persone è la cosa migliore e più affascinante del libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Annus Mirabilis 2013-06-27 13:38:21 calzina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
calzina Opinione inserita da calzina    27 Giugno, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

dalla cenere della peste nasce un romanzo

Tutto ha inizio nella primavera del 1665. Anna, questo il nome della protagonista, è una giovane mamma vedova di un altrettanto giovane minatore. Anna vive con i suoi due bambini in un piccola cittadina inglese ricca di miniere di piombo, Eyam.
La vedova è al servizio della famiglia del rettore del paese Mr. Mompellion, ma i suoi guadagni alquanto modesti, sono insufficienti per sostentare i suoi due piccoli. Perciò Anna è ben felice di affittare una stanza a George Viccars sarto londinese appena arrivato in città per sfuggire, dice lui, al grigiore della metropoli.
Ma la gioia di questo momento ben presto tramuterà la vita di Anna e quella del paese in una sofferenza. Ad Ayam arriva la peste.
Vorrei sottolineare che la storia narrata è effettivamente una storia vera. Veramente la piccola cittadina di Eyam a cavallo tra il 1665 e il 1666 fu colpita da una tremenda epidemia di peste. Veramente i cittadini di questa città decisero poi in modo completamente autonomo di mettersi in quarantena evitando l’uscita dal paese di merci e soprattutto di persone.
Questa decisione consapevole sicuramente preservò il contagio ai paesi limitrofi, ma questa scelta coraggiosa sarà anche un fardello a tratti insopportabile per la popolazione di questa piccola cittadina.
La bellezza di questo libro sta tutta nella semplicità dei fatti narrati. Come si può dare spiegazione a tante morti e a tanto dolore? Come può una madre o un padre sopravvivere al dolore della perdita di un figlio? Come può un nonno reggere al dolore nel dover seppellire il nipote?
Questo romanzo tratta il tema della morte e della malattia in maniera semplice, diretta, trasmettendo attraverso le parole tutto il dolore e l’angoscia che esse portano con se.
Ma Anna vive dignitosamente il proprio dolore forse perchè avvezza fin dall’infanzia. Con questo non voglio dire che Anna sia abituata al dolore, ma sicuramente ha già provato sulla sua pelle la sofferenza, e in qualche modo le sue vecchie cicatrici hanno alimentato la forza di volontà e di reazione che ha dentro se. Anna è una donna positiva, buona, dolce, dal cuore grande e dal carattere forte. Sicuramente l’autrice non avrebbe potuto inserire una protagonista dalle caratteristiche diverse. Se la protagonista avesse presentato un carattere meno positivo, probabilmente questo volume sarebbe stato difficile da affrontare, visti già i temi negativi trattati. Ma questo, forse, lo dico da persona positiva quale sono.
Incontrerete tanti cittadini di Eyam e vivrete al loro fianco questo terribile “annus mirabilis”. Di molti avrete pietà e di altri simpatia. Ma sicuramente di tanti avrete compassione. Ogni personaggio sarà ben caratterizzato e sarà per il lettore come vivere in questa comunità in questo terribile periodo.
Mi sono commossa in molti passaggi, mettete in conto che questo romanzo non vi strapperà un sorriso. Il finale poi sarà tutto a sorpresa, tenetevi forte perché il libro riserva una fine con i fiocchi, azzeccato secondo me. Il ritmo cambia completamente. Dall’oblio della malattia il ritmo diverrà serrato…ma di più non posso dire, pena spoiler.
Questo romanzo mi è piaciuto tantissimo. L’ho adorato dalla prima pagina fino all’ultima. L’ambientazione rurale seicentesca non ha potuto che affascinarmi, mi sono immersa completamente nelle atmosfere inglesi di questo libro, negli animali e nelle erbe, nei profumi della campagna. Mi ha lasciato talmente appagata che sembra quasi la scrittrice lo abbia scritto su misura per i miei gusti.
Vi consiglio la lettura di questo romanzo ma attenzione, non voglio dire che sia un capolavoro. Mi rendo conto che per tema trattato e ambientazione non può soddisfare i palati di tutti i lettori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
Annus Mirabilis 2013-04-16 14:08:42 marika_pasqualini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
marika_pasqualini Opinione inserita da marika_pasqualini    16 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

libro mirabilis

in questo libro viene descritta LA PESTE, in tutte le sue forme, fisiche, mentali, religiose, con tutte le sfumature che lascia dietro di sè: morte, reticenza, stregoneria, speranza, solidarietà, ... tutti i sinonimi e contrari che esistono in un dizionario. è un libro istruttivo, che ti ricordi anche con il passar del tempo. scritto veramente bene, senza tanti discorsi inutili o dettagli superficiali, anzi. è una storia avvincente, basato comunque su una storia vera, anche se con spruzzi di immaginazione qua e là. i personaggi sono ben delineati, ognuno con un carattere definito, un portamente e una psicologia dettagliata, ed è una cosa che si trova in pochi libri. questa storia potrebbe essere d'ispirazione e d'aiuto a qualcuno che magari sta vivendo un momento difficile nella sua vita, per capire che ci deve sempre essere speranza, e che nella vita gli imprevisti possono essere infiniti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi a sfondo storico
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Annus Mirabilis 2011-10-31 21:18:28 andrea70
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    31 Ottobre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Annus mirabilis

Anno 1665. La peste colpisce un piccolo villaggio inglese, la popolazione prende una decisione coraggiosa : rimanere al villaggio, non cercare la fuga altrove per impedire il diffondersi del contagio. Una giovane e coraggiosa vedova, un prete parecchio anticonformista e la generosa ed indomita moglie cercano di portare aiuto e conforto a chi viene colpito da questa tremenda piaga. C'è un pò di tutto nel racconto : la nobiltà d'animo, il coraggio, la generosità, ma anche l'egoismo, l'ignoranza e la superstizione.
Il tutto nel corso di un terribile anno, che per qualcuno diventerà invece "annus mirabilis" perchè saprà trovare le forze per cambiare la propria vita.
Scorrevole e piacevole lettura, anche se in qualche punto si scivola verso un monotono elenco di vittime e disperati. Un difetto che trovo in questa autrice (e che avevo già riscontrato ne "I custodi del libro") è che non riesce a farmi affezionare ai personaggi, a farmi immedesimare, per quanto le vicende siano struggenti non riesce a renderle tali, a volte sembra una cronaca più che un romanzo, manca un pò di "calore" ecco...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Annus Mirabilis 2011-06-25 15:07:28 Lady Libro
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    25 Giugno, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Liber mirabilis

Credo che questo sia uno dei migliori libri al mondo. L'ho trovato alquanto stupendo, scritto molto bene, coinvolgente e avvincente.
In "Annus mirabilis" le protagoniste sono due: la prima è la peste, una malattia assai diffusa e pericolosa nei secoli passati: arriva, rimane e se ne va come, quando e dove vuole come un viaggiatore indesiderato e non annunciato. Una piaga senza confini, portatrice di morte, dolore e tanta sofferenza che colpisce indistintamente tutti coloro che incontra sul suo macabro e rapido cammino: buoni e cattivi, innocenti e colpevoli, giusti ed ingiusti, bambini, donne, uomini e anziani che, ormai sopraffatti dalla paura, dal dolore e da una speranza svanita del tutto, precipitano nel baratro della superstizione, della pazzia e del terrore.
C'è chi scappa tentando di salvarsi, chi si rassegna rimanendo e aspettando inesorabilmente la propria fine, chi si approfitta del dolore altrui ingannando le persone o addirittura sfruttandole, chi prova a salvare i moribondi e i sopravvissuti con preghiere, incoraggiamenti o rimedi medicamentosi, ma la peste ormai si è stabilita lì e nessuno può più scacciarla via.
Questo "personaggio" apparentemente sembra soltanto lo sfondo dell'intera vicenda, ma in realtà, leggendo il libro, si capisce immediatamente che è più presente di quanto uno pensi, forse persino più reale della realtà stessa.
La seconda protagonista è Anna Frith, domestica di Michael Mompellion, parroco del villaggio inglese di Eyam dove la peste regna incontrastata nell'anno del Signore 1666: questa ragazza vedova di appena diciotto anni con due figli, è costretta ad assistere impotente alla perdita di tutto ciò che ama, alla distruzione della sua famiglia, dei suoi amici, vicini e compaesani.
Nonostante l'immane sofferenza e il dolore provati da lei e da tutti gli altri che soffrono o meno, Anna non perde neanche per un istante il coraggio e la forza di andare avanti e insieme alla sua amica/padrona Elinor Mompellion si prende cura dei pochi rimasti vivi, tenta di salvare altri dalla morte, aiuta a far nascere bambini...
Fortunatamente questo "annus horribilis" alla fine diventa un "annus mirabilis" sia per i sopravvissuti, sia per Anna (e nel bellissimo finale si nota talmente tanto che, dopo aver letto di tutte le conseguenze della peste, sembra quasi di leggere un libro totalmente diverso...).

Insomma, consiglio assai vivamente questo toccante e stupendo libro che difficilmente lascerà il cuore del lettore che lo apprezzerà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Annus Mirabilis 2010-06-09 22:21:28 katia 73
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
katia 73 Opinione inserita da katia 73    10 Giugno, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

annus mirabilis

Ho letto questo libro un pò di anni fa ma ne conservo veramente un bel ricordo. In questo romanzo troviamo tutto, la morte la disperazione, ma anche l'amore, la speranza, e soprattutto la tenacia di questo personaggio, Anna,una giovane vedova dotata di un coraggio incredibile, che combatterà fino alla fine con la peste e con la distruzione che ha portato nel suo villaggio. Un libro bellissimo e avvinncente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Annus Mirabilis 2008-06-18 20:10:18 Maristella
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Maristella Opinione inserita da Maristella    18 Giugno, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perdita e resurrezione

Un romanzo di fantasia che si inspira alla vera storia del villaggio di Eyam nel Derbyshire,noto come "Il villaggio della peste". Molti personaggi portano addirittura il nome di alcuni dei veri antichi abitanti e molti fatti sono tratti da notizie ampiamente documentate e conservate negli archivi storici del luogo. Ne consegue un bel profilo della vita di allora con particolari ,anch'essi documentati,della vita ecclesiale,delle antiche nozioni mediche ed erboristiche e anche delle pratiche di stregoneria. Su tutte le figure,fa spicco la figura di Anna,l'eroina del romanzo,che come tanti altri suoi simili,dovrà affrontare la perdita della sua famiglia,degli amici,dei vicini ma , conservando l'integrita' del suo essere e del suo esistere,potra' aspirare ad una nuova resurrezione, ricominciando una vita diversa lontano dalla sua terra lacerata. E' un libro di coraggio e di tremende incertezze,un libro di morte e di vita,di gioia e di dolore,di apparenza e di essenza. Sicuramente da leggere oltre che per il risvolto storico, oltremodo interessante, anche per l'esito e la traccia che calamita' come questa possono incidere nell'animo umano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri