L'azteco L'azteco

L'azteco

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Mixtli l'Azteco ci racconta la sua avventurosa vicenda personale e insieme, l'affascinante storia della civiltà nata in quella parte della Terra che gli aztechi chiamavano l'Unico Mondo. Assistiamo con lui ai barbari massacri e alla gloria delle Guerre dei Fiori, allo splendore delle bandiere di piume che sventolano su Tenochtìtlan, alla fiera civiltà del popolo delle Nubi, a storie perverse di sangue e di passione fino all'arrivo di Hernán Cortés. Leggenda, storia, mistero, mito sono intrecciati in questo libro che contiene dieci, cento, mille romanzi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.4  (5)
Contenuto 
 
5.0  (5)
Piacevolezza 
 
4.4  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'azteco 2020-07-15 11:14:48 CortaZur
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
CortaZur Opinione inserita da CortaZur    15 Luglio, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un viaggio in una delle più grandi civiltà della s

Ricevuto come regalo e devo dire assolutamente grazie a chi me l'ha donato.
Romanzo enorme, sia come volume che come grandezza storico-letteraria, la storia dell'impero Mexica, meglio noto come Impero Azteco, narrata da uno dei suoi più affascinanti rappresentanti. Una storia che racchiude decine di altre storie e che si ha il piacere di scoprire mentre si accompagna il protagonista Mixtli attraverso la sua vita fatta di storie ricchissime di particolari sulle usanze, sulla religione, sui costumi, sui popoli, sulla lingua su tutti gli aspetti di quella che una volta è stata la più grande e sviluppata civiltà americana.
Purtroppo la Storia, quella realmente accaduta sappiamo com'è finita e devo dire che si finisce il romanzo con un grande amaro in bocca.
Unica pecca, perdonabile, sono le descrizione a volte estenuanti sugli sui e costumi delle varie popolazioni che a quel tempo abitavano il centro America.
Ad ogni modo è un libro super consigliato..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'azteco 2016-01-04 08:04:58 cosimociraci
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    04 Gennaio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Interessante

Dopo aver letto "il centenario che saltò dalla finestra e scomparve" pensavo che non avrei letto storie così particolari e articolate. Invece, sin dal principio, questo romanzo mi ha stupito per la capacità che ogni piccolo evento del passato, vissuto dal protagonista, si ripresenta con devastante effetto farfalla.

La prima cosa che in realtà mi ha fatto sorridere sono stati i tanti nomi o soprannomi Mexican attribuiti spesso a difetti fisici o ad atteggiamenti particolari, questo ha ricordato molto la mia provenienza meridionale dove ancora tanti sono conosciuti più per il proprio soprannome che per il nome stesso.

Il romanzo è stato consistente come i pranzi e le cene di questi periodi di vacanze. Partendo dall'infanzia di Mixtli, si percorre un lungo viaggio fatto di tradizioni, peripezie e di caparbietà fino ad arrivare all'invasioni spagnole che con la fede e le armi spazzano via i vecchi miti aztechi per imporne dei nuovi.

Molto interessante ma dallo stile troppo documentaristico. Nonostante la storia incredibile di Mixtli non mi ha rapito il modo in cui è stata raccontata ma è inevitabile continuare a leggere per conoscere fino ai più piccoli particolari di queste civiltà ormai scomparse. Infatti è stato molto affascinante venire a conoscenza delle antiche arti manifatturiere e delle loro costumanze. C'è tanto altro da imparare da questo nobile popolo.

La considerazione che hanno dei più poveri, per esempio, rendendo i primi filari delle coltivazioni disponibili per gli affamati, la capacità di capire che l'onestà nel commercio va a beneficio di tutti. Ma anche la semplice ed imbarazzante assenza di pudore nel descrivere le pratiche sessuali più spinte e l'intraprendenza con la quale mangiano qualsiasi essere vivente (dall'armadillo all'uomo passando per l'iguana).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'azteco 2015-12-25 12:25:16 Julian
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Julian    25 Dicembre, 2015

capolavoro assoluto

L'ho letto per la prima volta in due settimane, da Natale '84 a Epifania '85. Mai avevo letto prima niente di piu' avvincente, piu' intrigante, piu' magnificamente descrittivo. E mai l'avrei letta dopo, a tutt'oggi che sono passati piu' di trent'anni e nel frattempo l'ho riletto per altre quattro volte. E' un'opera che rapisce con la straordinaria potenza espressiva del suo autore, ricchissima di particolari sull'affascinante, misterioso e complesso Unico Mondo. Particolari ora autentici, ora romanzati, ora probabilmente fantasiosi, come certe situazioni francamente inverosimili. Ma e' un peccatuccio veniale per un'opera immensa, degna di figurare nell'Olimpo delle produzioni letterarie di ogni tempo. Cos'altro si puo' dire quando fin dalle prime pagine si resta rapiti dalle suggestioni emanate dalla narrazione, ci si figura l'Isola di Xaltocan, il luogo natio del protagonista Tlilectic Mixtli (Nuvola Scura), ci si immagina di essere li, in un luogo che non esiste piu', come non esiste piu', e da secoli, il Lago di Texcoco, l'omonima citta' e la'affascinante Tenochtitlan. Piu' ci ci addentra nella lettura e piu' l'Unico Mondo ridiventa realta' nella nostra mente, con i suoi deserti, i suoi vulcani, le sue valli fiorite. le sue impenetrabili giungle. e i suoi innumerervoli popoli, evoluti e primitivi, bellicosi e pacifici, insignificanti e bizzarri. Tutto questo oggi e' scomparso, imbastardito. E l;immagine che comunemente si ha dei Conquistadores qui ne esce parecchio svilita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a TUTTI, anche a chi finora ha letto solo Topolino e la Gazzetta dello Sport
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'azteco 2014-11-11 12:03:49 Rebel Luck
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    11 Novembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL romanzo storico IL

Il romanzo storico
Non "un romanzo storico" ma "IL romanzo storico" per eccelleza.
Questa è una pietra miliare imprescindibile, non può mancare in nessuna libreria ne in nessuna biblioteca.
Chiunque un giorno dovesse decidere di scrivere un romanzo storico dovrebbe per forza leggerlo e prenderlo come esempio, insegnamento.
In questo capolavoro sono racchiusi tutti i dogmi ed i segreti del genere.
L'autore infatti, mentre ci intriga raccontandoci l'avventurosa vita del protagonista, ci istruisce dandoci tutte le nozioni sulla civiltà azteca, cultura, storia, vita quotidiana, politica, arte, guerra, tutto! Niente viene tralasciato, e tutto va a costruire un mosaico perfetto, mai noioso anzi, sempre molto intrigante ma sopratutto stimolante.
Così mentre noi crediamo di evadere con una lettura avventurosa, a nostra insaputa veniamo tolti dalla nostra ignoranza, ed elevati: una serie altissima di dati vengono aggiunti al nostro cervello bisognoso.
Il romanzo è ambientato all'apice dello splendore della civiltà mesoamericana del titolo, a cavallo proprio della conquista spagnola ad opera di Hernan Cortez (Hernán Cortés).
Il protagonista (Tlilectic Mixli) non vero ma Verosimile si muove tra personaggi realmente esistiti ed un ambientazione storica superiore a quella tracciata da un libro di storia.
La magnificenza della cultura Azteca, ci viene snocciolata dall'autore alternandola alla crudezza di alcune descrizioni cruente (come per i sacrifici umani sulle piramidi), ed alla focosità di alcune scene d'amore o di sesso.
Consigliato a tutti, anche alle scuole superiori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il viaggiatore
l'autunno dell'Azteco
Apocalyps
La vendetta dell'Azteco
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'azteco 2013-01-16 13:26:54 calzina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
calzina Opinione inserita da calzina    16 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA BELLA LETTURA

Ho letto il romanzo qualche tempo fa, ma è tra i miei 50 romanzi preferiti, e visto che nessuno ha ancora fatto conoscere la propria opinione su di esso vorrei farlo io.
La trama: siamo in Messico, all'epoca degli atzechi, e viene narrata la vita di un uomo, dalla sua adolescenza fino alla sua morte, trattandone sia l'aspetto privato sia quello pubblico.
Il libro è abbatanza voluminoso, ma la scrittura è fluente e ho letto l'ultima pagina prima di ravvisare la necessità di un epilogo. eh si, perchè a volte è questo che mi succede con i libri voluminosi...sento la necessità di una "fine" per trarne delle riflessioni. Questo però non è un libro che spinge alla riflessione, ma, a parer mio, al puro gusto della lettura.
Complimenti alla capacità narrativa di Jennings che ritroviamo anche negli altri suoi romanzi.
Ne consiglio la lettura:
pro: la trama e la scrittura piacevolissima
contro: alcune scene sono descritte in modo troppo cruento per i miei gusti, io non amo il genere horror, poi ovviamente è soggettivo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Nomadi
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Belle Greene
Io, Monna Lisa
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo