Dettagli Recensione

 
L'invisibile
 
L'invisibile 2017-03-13 16:54:03 Sordelli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sordelli Opinione inserita da Sordelli    13 Marzo, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Will 2.0

L'agente del GBI Will Trent si trova sotto copertura a Macon per indagare su una rete criminale capitanata da un losco individuo, conosciuto come Big Whitey. In molti hanno dubitato della sua reale esistenza e lo stesso Will si trova ad affrontare spesso gli stessi interrogativi, arrivando anche a chiedersi se Big Whithey non sia lo spacciatore con cui il suo alter ego Bill Black sta entrando in amicizia (ed in affari).
Purtroppo la copertura di Will è messa a repentaglio dall'arrivo di Sara a Macon; infatti, una serie di sfortunati eventi spingono la dottoressa Linton nella cittadina e a tuffarsi nuovamente nel suo passato, ritrovando sul suo cammino Lena Adams, colei che Sara ha sempre ritenuto responsabile della morte di suo marito. Il motivo per cui Will si sente a disagio però, non riguarda l'eventualità di incontrare Sara per errore nelle corsie dell'ospedale, bensì dal fatto che lui le ha nascosto la verità: non le ha detto dove si trovasse, che sapeva già cosa stesse accadendo a Lena, che lui stesso le ha impedito di uccidere qualcuno.
Presto Will dovrà fare i conti con la sua compagna, ma ancora prima dovrà affrontare le dure leggi che la malavita impone a chi vuole farsi strada in una rete tanto ampia e spietata come quella tessuta da Big Whitey.

Leggere un romanzo della Slaughter per me è sempre una dura prova, non tanto per la lettura in sé, ma per il fatidico momento in cui arrivo alla fine e penso "e ora cosa leggerò? Nessun romanzo sarà mai alla sua altezza!"
Naturalmente sono fesserie, ogni volta trovo una nuova avventura in cui tuffarmi, ma ormai sono così affezionata a Will e a tutti gli altri personaggi, che quando finisco di leggere la loro nuova avventura, mi rattristo un po'.
Adoro lo stile della Slaughter, la sua capacità descrittiva non mi annoia mai e anzi, mi fa sentire pienamente parte del racconto, mi trasmette la giusta suspense e tutte le emozioni, negative o positive che siano, colgono sempre nel segno. Il suo essere stramaledettamente brava a descrivere in maniera così nuda e cruda scene di efferata violenza, non mi disturba affatto; sono convinta che per quanto lo schifo raccontato in questo romanzo non mi appartenga, esso esista...ed è giusto parlarne con toni adeguati, senza tentare di smorzare ciò che avviene in quanto le favole, in questo ambiente, non esistono.
Ma arriviamo a parlare di ciò che mi preme di più: la caratterizzazione dei personaggi!
Io adoro Will Trent e il mio titolo a questa recensione vuole essere un omaggio ai suoi cambiamenti, alla persona che sta diventando; so che può sembrar ridicolo parlare così di un personaggio sostanzialemente inventato, ma è così ben descritto e sono entrata così bene in sintonia col suo modo di pensare, da averlo quasi fatto diventare reale. Quantomeno nella mia mente. E a mio avviso, il grande dono della Slaughter è proprio quello di saper approfondire la conoscenza dei personaggi (quelli maggiormente ricorrenti): nonostante questo sia forse il nono libro della saga di Will Trent, ogni volta si può scoprire qualcosa di nuovo su di lui o sui personaggi importanti come il suo capo Amanda Wagner, la sua partner lavorativa Faith Mitchell, la sua compagna Sara Linton, ecc. Ciò rende questi personaggi e le loro vicende ancora più concreti, in quanto nella vita reale, quando conosciamo una persona, non veniamo a scoprire tutto e subito di lei; la conoscenza è qualcosa di graduale, procede per gradi, e lo stesso avviene nei romanzi della Slaughter. Ecco forse spiegato il motivo per cui sono tanto affezionata a questa saga.
In definitiva, quel che vorrei dire è...good job, Karin!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i thriller, ma in particolare a chi ha letto i romanzi precedenti della saga!
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Matelda
13 Marzo, 2017
Ultimo aggiornamento:
13 Marzo, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ottima recensione! Rispetto il tuo entusiasmo , ma , personalmente non amo le saghe: Sorry
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri