Dettagli Recensione

 
La svastica sul sole
 
La svastica sul sole 2014-08-01 09:24:31 Valerio91
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    01 Agosto, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Realtà alternative soggettive

Molto spesso ci ritroviamo a chiedere a noi stessi, in determinate situazioni passate: “Cosa sarebbe successo se le cose fossero andate diversamente?”.
Anche il visionario Philip K. Dick si è posto questa domanda, ma riguardo avvenimenti molto rilevanti nella Storia, ovvero: “Cosa sarebbe successo se la Seconda Guerra Mondiale fosse stata vinta dai Nazisti e i Giapponesi?”. E’ su questa base che si sviluppa “La svastica sul sole”. Il mondo è dominato prevalentemente dai tedeschi e dai giapponesi, mentre gli Stati Uniti sono ridotti a una colonia. L’idea di base è intrigante e interessante, ma Dick, riguardo ad idee geniali, non si discute. Come di consueto però, il suo stile di scrittura non è perfetto, le sue grandi idee non vengono esposte come dovrebbero e mi sono ritrovato a soffermarmi sull’idea che, se l’autore avesse avuto una capacità di esposizione delle sue idee al livello di altri autori, come Orwell, sarebbe uno dei capostipiti non solo della fantascienza, ma della letteratura contemporanea. Peccato.
Il mondo alternativo dominato dai tedeschi immaginato da uno statunitense non poteva che essere più cupo e oppressivo rispetto a quello attuale, anche se non cupo come quello rappresentato nelle altre opere di Dick. L’autore però, seppur velatamente, ostenta la convinzione che il mondo dominato dall’Asse sia decisamente peggiore di un mondo in cui la Guerra l’hanno vinta gli americani. Come fa questo? Creando il proprio corrispettivo nel mondo da lui immaginato, uno scrittore che scrive il libro analogo a “La svastica sul sole”, ovvero “La cavalletta non si alzerà più”, dove è descritta la situazione mondiale successiva alla vittoria della guerra da parte di americani ed inglesi. Un mondo decisamente migliore, seppur con i suoi difetti, ma privi di oppressione, sangue e discriminazione razziale. Non veniamo accompagnati da dei veri e propri protagonisti, ma da tanti personaggi differenti tra loro, comprimari del mondo e della società nella quale vivono, vera protagonista del romanzo. Manca quindi anche una sorta di coinvolgimento emotivo nei confronti qualche personaggio in particolare, che fa perdere qualcosa di importante al romanzo. Capita spesso di perdersi tra le parole del libro, ma non per immedesimazione, bensì perchè spesso si perde il filo del pensiero dello scrittore, che troppo frequentemente diventa confusionario. La trama di fondo poi, non è eccessivamente coinvolgente, ma credo che questo sia voluto. Dick voleva soffermarsi sull’influenza del mondo nazista nell’anima di tutti i personaggi, così differenti l’uno dall’altro.
A mia opinione però, si poteva fare decisamente meglio. Ora la mia domanda è un altra: “Come sarebbe un mondo in cui la Germania ha vinto la Guerra, immaginato da un tedesco?”

“La Verità, si disse. Terribile come la morte, ma più difficile da trovare.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Philip K. Dick
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Per rispondere alla tua domanda, penso che il tedesco immaginerebbe un mondo ingiusto. In Germania ci si vergogna del passato nazista, a differenza di quanto avviene in Italia col fascismo.
Bella domanda Valerio, personalmente ritengo che andrebbero avanti con l'autoconsiderarsi esseri superiori, basti vedere il ruolo che ha assunto la Germania all'interno della Comunità europea....
@cristina e @glicine: probabilmente esistono tedeschi e tedeschi... Con una propria individuale visione delle cose... Probabilmente la mia domanda è da estendere ad ogni essere umano a prescindere dalla nazione di appartenenza...
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
02 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Infatti, e se ne scoprirebbero delle belle!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri