Dettagli Recensione

 
Wolf. La ragazza che sfidò il destino
 
Wolf. La ragazza che sfidò il destino 2016-09-06 10:28:25 Mian88
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    06 Settembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Yael/Adele Valerie Wolfe

Un marchio indelebile. Mai Yael potrà dimenticare la sensazione dell’ago sulla pelle, quei numeri tatuati, l’essere di fatto l’esperimento n. 85, la detenuta 121358?x. Sono passati già sette anni dalla sua fuga dal campo di prigionia eppure le sorti del Mondo sono ancora nelle mani del Fuhrer. Simbolicamente la zona dell’Europa, Asia, ed Africa è segnata da una linea di demarcazione che segna in rosso i territori appartenenti alla Germania ed in Grigio quelli detenuti dall’Impero Giapponese. L’Italia a seguito della vittoria indiscriminata del dittatore tedesco è stata conquistata, assorbita ed annessa al territorio nazista. Siamo nel 1956, le sorti del pianeta sembrano essere irreversibili ed abbandonate al loro destinato. La resistenza da anni cerca un espediente per avvicinare il leader così da poterlo uccidere e dar avvio al piano Valchiria. L’unica speranza per riuscirvi è Yael: questa dovrà assumere le sembianze di Adele Valerie Wolfe, diciasettenne vincitrice del nono Tour dell’Asse, una corsa motociclistiche che ha avvio in Germania (la nuova capitale dello stato tedesco) e termine a Tokyo, una corsa cioè che tocca i due pilastri del sistema dittatoriale. L’esperimento ha infatti avuto sull’adolescente questo effetto; ella può mutare il proprio aspetto così da riprodurre l’immagine di chi desidera. Dunque Yael/Adele, non puoi arrenderti, la strada è lunga ma i tuoi cinque lupi sono con te…
Che dire, l’idea di fondo che muove le fila del romanzo poteva anche essere carina, ma di fatto l’opera è priva di quel quid pluris capace di fare la differenza. Si legge con facilità perché caratterizzata da un linguaggio semplice, fluente e non impegnativo, ma non va oltre, è mancante di quell’effetto magnetico che solo i testi migliori sono in grado di avere. Non solo, a tratti il piano ideato per la realizzazione dell’omicidio del Fuhrer si presenta quale illogico e contraddittorio; fa “acqua” da tutte le parti. Sinceramente l’autrice avrebbe dovuto rafforzare un po’ questo aspetto così come dare maggiore spessore ai personaggi che risultano essere delineati soltanto superficialmente. Ancora, eccessive sono le assonanze con la trilogia degli Hunger Games nonché con il fenomeno degli Xmen.
In conclusione “Wolf” è un testo adatto esclusivamente agli appassionati del genere e ad un pubblico giovanile, adolescenziale che vuole avvicinarsi all’universo della lettura con uno scritto non eccelso e non impegnativo ma di facile scorrimento. Escluse queste categorie ne sconsiglio la conoscenza, o al massimo la limito, a chi cerca un elaborato da ombrellone, uno steso da cui non aspettarsi nulla.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
SI = ad un pubblico giovanile che vuole avvicinarsi all'universo letterario
NO = a chi ama testi di spessore o i fantasy fatti veramente bene.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Un'amicizia
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'uomo vestito di nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vasca del Fuhrer
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'Ickabog
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il lusso della giovinezza
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri