Dettagli Recensione

 
Follia per sette clan
 
Follia per sette clan 2017-01-13 15:40:36 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    13 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dell'amore e di altre psicosi

Sette “clan” per sette diverse patologie psichiatriche.
PARA sta per paranoici; SKIZ per schizofrenici; MANI per maniaci (che la tendenza al sadismo e alla violenza rende il gruppo più propenso a dominare sugli altri); OS-COM per ossessivo-compulsivi; POLI per polimorfi; EB per ebeti (in difficoltà nel curare persino se stessi); mentre DEP sta per depressi (talmente incapaci di prendere iniziative e reagire da guardare quasi con gratitudine all'estinzione).
Sette diverse follie confinate in un pianeta-manicomio, che doveva essere un esperimento scientifico dedicato dai terrestri al recupero delle menti afflitte, ed è invece diventato una sorta di colonia in autogestione: quando i “sani” hanno abbandonato il pianeta al suo destino, i malati si sono organizzati, si sono dati un autogoverno, creando persino un consiglio di rappresentanti che governa il pianeta, ed ora, dopo un ventennio, non ci stanno all'idea che i terrestri vogliano riprendersi l'ex-colonia.
Dove non ci sono “normali” è la follia a diventare normalità, e a nessuno piace l'idea di tornare ad esser visto come un malato mentale, una persona da guidare, da contenere. Ciò che invece intende fare Terra, inizialmente attraverso la dottoressa Mary Rittersdorf, mandata in avanscoperta. Esperta in relazioni coniugali, la donna ha tuttavia grossi problemi con suo marito Chuck, il quale non riesce più a mantenere la famiglia con il proprio lavoro di programmatore di simulacri (ovvero macchine umanoidi con sembianze umane).
Piccolo particolare destinato a pesare sulla storia: Chuck viene informato che ad accompagnare sua moglie sull'ex-colonia terrestre sarà proprio un simulacro...

Un pianeta-casa di cura che diventa campo di battaglia tra mondi, famosi comici che si rivelano cospiratori politici, una C.I.A. supertecnologica ma a tratti sprovveduta, una particolare “guaritrice” che riporta i morti indietro nel tempo e li fa rivivere, e persino una specie di blob pensante (con tanto di titolo nobiliare) che legge nel pensiero altrui ed è munito di particolare empatia per alcuni esseri umani.
L'autore di “Follia per sette clan” è il Dick più rutilante e divertito (lontano dal rigore de “La svastica sul sole” e dalla solidità di trama di “Ubik”), ma è pur sempre Dick. L'idea dei diversi tipi di follia “al potere” – un potere che va però diviso e contrattato – è notevole, ma ben presto viene assorbita dallo scontro tra i due coniugi: sono loro, rimbalzando tra due mondi, a diventare i protagonisti della storia, fino a quando il lettore scopre che gli psicotici sono ben più di quelli “inseriti” tra i sette clan.
E' questa, con tutta probabilità, la tesi di un Dick più autobiografico del solito: in un Chuck vessato ma produttivo si riconosce la sua stessa figura, e nella castrante dottoressa Rittersdorf la sua compagna di vita più fredda e determinata. E non è un caso che il volume contenga espliciti riferimenti sessuali, oltre a scene di accoppiamento inusuali per lo scrittore.
Alla fine “Follia per sette clan” – almeno per gli appassionati di fantascienza – può raggiungere una piacevolezza d'insieme che è maggiore della somma delle sue singole parti, e divertire.
Tuttavia non stiamo parlando di uno dei capolavori di Philip K. Dick.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'eclisse di Laken Cottle
Il pianeta del silenzio
Il maestro della cascata
La luna è una severa maestra
Verso il paradiso
Terminus radioso
La fiaba nucleare dell'uomo bambino
Ritorno dall'universo
Un oscuro scrutare
Tutto il nostro sangue
Fiori per Algernon
Nel paese dei ciechi
La classe
L'invincibile
Dirk Gently, agenzia investigativa olistica
I simulacri