Dettagli Recensione

 
L'altro inizio
 
L'altro inizio 2018-02-18 10:24:43 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    18 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Apocalisse dopo ri-creazione e forse rinascita

Caotico romanzo post apocalittico a metà tra Orwell, Philip Dick e Saramago. Gli ultimi uomini insegnano a una nuova razza i rudimenti della scrittura e pongono le basi (forse) per una evoluzione di questa razza altrettanto maligna rispetto alla precedente razza umana. Questo è il terzo libro di una saga inquietante in quanto le cose narrate per quanto assurde non sono così lontane dalle nostre possibilità scientifiche dato che esperimenti di incroci tra razze e trasferimenti di segmenti di Dna con realizzazioni di chimere e mostruosità varie, saranno presto realtà. In questo mondo di Margaret uno scienziato ha preso il posto di Dio e ha deciso di ridisegnare le razze e di eliminare la razza umana, giudicandola di una malignità senza scampo. In questo scenario apocalittico restano alcuni sopravvissuti.
Nel libro la cosa più bella è la descrizione delle nuove razze: pecore Mohair dai capelli umani, proporci intelligenti con corteccia cerebrale umana, e via di seguito fino ai Craker, creature senza malizia come erano forse gli uomini pre-mela di Adamo. Non mancano i nuovi gladiatori, i Painballer, che rispetto ai loro avi hanno un tratto di ferocia e di pazzia e di crudeltà portato all'ennesima potenza fino a farne una genia senza speranza di redenzione, totalmente disumanizzata . Al loro confronto i feroci proporci hanno ereditato nel loro DNA semi umano una ragionevolezza e una affidabilità sorprendenti.
Come in Saramago i riferimenti e il rovesciamento di figure e episodi biblici sono innumerevoli. Però non c’è la lucidità di Saramago che sarebbe capace di convincere Gesù Cristo di essere un serial killer. Qui come in Dick c’è un citazionismo più caotico e un rovesciamento dei punti di vista meno lucido e inappuntabile, ma comunque affascinante. I Craker sono molto teneri. Forse il nuovo mondo non sarà così male.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
E' parte di una trilogia, l'ultimo volume per cui iniziate a leggere da L'ultimo degli uomini
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri