Dettagli Recensione

 
Furia dall'ignoto
 
Furia dall'ignoto 2018-03-04 09:34:26 catcarlo
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    04 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sorpresa|

Quando si dice la sorpresa: questo vecchio Cosmo Argento a firma di un autore ormai dimenticato si rivela un piacevolissimo intrattenimento grazie a una notevole inventiva e a un ritmo coinvolgente che sa ponderare l’azione con attimi più riflessivi. A dir la verità, l’inizio non è che prometta benissimo, con il suo sguardo ironico ma di maniera sulle gerarchie militari combinate con le intrusioni dei servizi segreti in un insieme che rispecchia gli anni Sessanta in cui il libro fu scritto: bastano pochi capitoli perché ci si alzi di livello, in pratica già dalla spedizione con vacanza in Francia del protagonista affiancato al suo amico barman, per poi acuire definitivamente l’interesse quando si inizia a pendolare avanti e indietro nel tempo. Il viaggio temporale è un argomento scivoloso e Biggle dimostra di maneggiarlo con ammirevole misura descrivendo prima una società del futuro basata sulla specializzazione, la proprietà privata e la possibilità di commerciare qualsiasi cosa, inclusi gli esseri umani – in filigrana c’è forse la critica alle multinazionali coerente con il periodo – e in seguito trasferendosi nel Triassico a sfuggire ai dinosauri in compagnia dell’equipaggio di una nave aliena. Il barile a sei zampe di questi ultimi e le corporature alte e snodate, nonché glabre, dei terresti a venire sono funzionali assieme al tentativo riuscito di delinearne una psicologia precisa così da appassionare alle loro vicende non meno che a quelle di Bowden Karvel, un ex pilota dedito all’alcool (un incidente gli è costato una gamba e le missioni spaziali) che finisce un po’ per caso al centro della vicenda. Dalle sue parti, un oggetto misterioso compare dal nulla scatenando una forza distruttiva a spirale: appare evidente che possa viaggiare nel tempo, ma l’extraterrestre alla guida è spiaccicato e i comandi incomprensibili. Inavvertitamente, quello per ripartire viene trovato, ma poco dopo il coso riappare in Francia facendo un altro macello: Karvel si offre per provare ad andare nel futuro a bloccare ulteriori invii del letale mezzo di trasporto. Quando infine riesce a intendersi con i pronipoti, capisce di essere andato nel senso sbagliato, così, non prima di aver fomentato la rivolta terrestre contro gli altri mondi che sfruttano il pianeta-madre, ecco il grande salto all’indietro fino a incontrare gli smarriti Hras bisognosi di uranio per tornare a casa. Il finale interlocutorio per il protagonista è un ulteriore pregio di questo romanzo di genere le cui molte virtù riescono a non far quasi sentire l’inevitabile obsolescenza della parte scientifica per un passatempo con un alto tasso di divertimento.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri