Dettagli Recensione

 
Dannazione
 
Dannazione 2012-06-14 08:48:42 Lady Libro
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    14 Giugno, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Houston, we have a problem...

Mi incuriosiscono sempre questi scrittori particolari, e con Chuck Palahniuk ho iniziato con il suo ultimo libro pubblicato, ovvero questo.
L'ho scelto perchè l'idea di ironizzare sul tanto temuto regno di Lucifero mi sembrava un'idea carinissima, soprattutto con una protagonista in piena fase adolescenziale morta e finita all'Inferno per l'assurdo motivo di un'overdose di marijuana.
L'inizio è anche carino: l'intera narrazione disintegra completamente lo stereotipo dell'Inferno costituito da lava, fuoco e fiamme o dal celeberrimo Inferno dantesco costituito da bolge, gironi e castighi eterni per i peccatori. Infatti l'Inferno viene descritto come un luogo pieno di posti abbastanza disgustosi e ripugnanti (per fare un esempio c'è un intero oceano di escrementi e luoghi sporchi, maleodoranti e completamente zeppi di insetti poco gradevoli).
Insomma, la resa dell'ambientazione è riuscita in modo perfetto. A prescindere da qualche leggero senso di nausea, faccio i miei complimenti a Palahniuk per questo.
Il problema sta nell'ironia contenuta nel romanzo: è volutamente sarcastica, pungente e pessimistica, a volte un po'volgare, ma non sempre fa sorridere il lettore, anzi, a me ha dato un po'di tristezza. Per il semplice fatto che impedisce di percepire inesistenti rapporti affettivi tra la protagonista, i suoi genitori (più attenti all'immagine mediatica che alla loro pargola) e gli amici che Madison trova in questo luogo.
Per farla breve: l'ironia soffoca l'emozione. Ed è un po' triste da constatare.
Altra cosa che non mi è piaciuta è stato il continuo alternarsi tra il viaggio negli Inferi di Madison e i suoi compagni di viaggio e i flashback della vita ormai trascorsa di quest'ultima.
Il fatto è che non c'è niente che li separi nettamente, mischiandoli brutalmente e creando in questo modo un po' di confusione che impedisce al lettore di capire cosa sta leggendo e dove il libro andrà a parare.
Non so se consigliarlo o meno. Forse i suoi primi romanzi, che leggerò sicuramente, sono meglio.
Lo consiglio a chi ama molto questo strano scrittore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
151
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Attenta e puntuale, bella recensione.
...E ottimo titolo !!!!
:D
In risposta ad un precedente commento

14 Giugno, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
grazie cub =)))
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri