Dettagli Recensione

 
Il trono di spade
 
Il trono di spade 2013-03-02 10:37:29 franceschita
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
franceschita Opinione inserita da franceschita    02 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dei antichi e nuovi... siate misericordiosi!

Martin ha la capacità, con il suo stile, di farti entrare nella storia, di ammaliarti e di farti fondere con essa.
Quello che descrive è un mondo fantastico, immenso, pieno di magia antica e dormiente ma non per questo "buono"... anzi, la crudeltà, l'inganno e l'egoismo dei loro governanti aleggiano tra le genti di questo mondo come una tagliola pronta a scattare. C'è abbondanza di dei, nuovi e antichi, che appaiono potenti e buoni con le loro statue e i loro alberi-diga... ma che però non daranno segni evidenti della loro presenza.
Una storia intricata, lunga e affascinante che mostra al lettore il peggio dell'animo umano a volte anche con immagini cruente. Niente è risparmiato, niente è lasciato da parte: odio, sesso, sangue sono descritti senza omissioni, con una particolarità di dettagli quasi eccessiva. La bontà d'animo c'è in questo universo... e chi la vuole mantenere lo farà a caro prezzo. Basti pensare agli Stark, la famiglia 'buona' per eccellenza, dove i pilastri sono l'onore e la compassione: tutti si ritroveranno, chi più chi meno, di fronte ad un baratro nel quale verranno gettati e da dove alcuni ritorneranno ma cambiati e plasmati dal dolore. La grande Fortezza Rossa è il simbolo di questa malvagità imperante, dove il potere ha sede più che in ogni altro posto. E li "al gioco del trono si vince o si muore".
L'unico modo per riuscire a non essere sopraffatti da tutto questo è la scaltrezza, di cui Tyrion Lannister è la punta di diamante... ma neanche lui ne uscirà indenne.
La bellezza di questa saga è che in un libro puoi odiare un personaggio e in quello successivo ritrovarti ad amarlo follemente e a tifare per lui. Niente è definito, tutto è un continuo mutamento: non c'è una differenza distinta e chiara tra malvagità e bontà... esse possono addirittura convivere fluidamente in uno stesso personaggio.
Per chi non lo avesse capito, ho amato questa saga sin dalle prime pagine e per chi ama il genere epico/fantastico è una perla.
State attenti: i personaggi sono molti e a volte stordiscono il lettore... consiglio? Stare ben concentrati sul pezzo! ;)
Altro consiglio: non affezionatevi troppo ai protagonisti... potreste ritrovarvi a compiangerli prima di quanto pensiate!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri