Dettagli Recensione

 
Shadowhunters. Città degli angeli caduti
 
Shadowhunters. Città degli angeli caduti 2013-09-02 15:19:41 Amarilli73
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    02 Settembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anche i Cacciatori sono stati bambini

Conclusa la prima trilogia, quella che ruotava intorno alla “scoperta” di Clary del mondo degli Shadowhunters e alla lotta contro il malvagio Valentine, si può dire che con questo quarto volume inizia una nuova fase (anche qui composta di tre libri), una fase che ruota intorno alla “consapevolezza” delle distinzioni tra Nascosti e Mondani e del ruolo che hanno effettivamente i Cacciatori verso le altre razze, e dove subentra come nuovo cattivo Sebastian, il figlio naturale di Valentine (allevato in contemporanea ma all’insaputa di Jace).

Più che Clarissa, già sfruttata come personaggio e relegata perciò a un ruolo meno attivo (ma non meno difficile), è il “gruppo di fuoco” dei suoi amici ad acquisire maggiore spessore: prima di tutto Jace, il vero eroe tormentato, assolutamente credibile nella sua spaccatura interiore tra la lealtà verso gli affetti passati e l’aspirazione a divenire il guerriero perfetto (e senza pesi ereditari) che tutti vorrebbero diventasse; quindi, Simon, che ha smesso da tempo di essere l’amico nerd, terzo incomodo, e che finisce per essere sempre più decisivo nello svolgere della trama, e nei vari legami che uniscono il variopinto mondo non visibile di New York (non più solo Grande Mela ma anche moderna icona fantasy per eccellenza, rifugio di fate, stregoni, vampiri e licantropi).

E, su tutti, si fa sempre più fulgido il vero personaggio-gioiello della serie, quel Magnus Bane, stregone plurisecolare, stralunato, appariscente e al contempo carismatico, che ha attraversato le epoche facendo strage di cuori maschili e femminili, mortali ed immortali, e che però forse, dopo tanto errare, trovare e perdere in amore, ha finalmente raggiunto un ultimo intenso approdo…

L’opera della Clare è ancora incompiuta e in divenire, ma merita come sempre un’appassionata lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I primi 3 volumi
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri