Dettagli Recensione

 
Tutti gli anni buttati via
 
Tutti gli anni buttati via 2018-01-17 18:18:59 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    17 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"...e io dissi: sono un poeta..."

Sono poesie ( 50 ) con traduzione a fianco, tratte dall’editore Guanda da due raccolte, la prima
“It Catches My Heart in its Hands” (1955-1963), la seconda “Crucifix in a Deathland” (1963-1965),
composte dall’autore in età matura, poco prima e poco dopo i quarant’anni, quando la sua vita si stava assestando e cominciava a guardare il mondo e la gente attorno con aria apparentemente distaccata, ora sorniona e sarcastica, ora disperatamente partecipe, ben conscio che la vita avrebbe potuto riservargli forse altre compagnie, con meno ipocrisia e più verità. Ed ecco i quadri di un’umanità priva di valori autentici, che si trascina stancamente da abitazioni fatiscenti a bar di terz’ordine, da ippodromi dove cavalli male allenati si sfiancano per movimentare scommesse truccate a giardini e motel ospitanti i poveri e gli sconfitti dalla vita… Bukowsky sembra provare pietà per gli sconfitti ed i reietti, lontani dai successi effimeri, ed alza la sua voce quasi a consolarli proprio in quegli anni in cui sembrava affondare il sogno americano. Il mondo degli ultimi è stato per anni il suo mondo, e non c’è penna che sappia descriverlo meglio. La macchina per scrivere e la bottiglia sono la salvezza del poeta, per altri, per i più il vivere è una sequela di sconfitte senza appelli e senza redenzione. Memorabile il suo ricordo di Marilyn Monroe, dimenticata “come un fiore appassito e gettato via”, o di Borodin la cui moglie “usava le sue composizioni per rivestire la lettiera del gatto”, o ancora dei tori morti nelle corride allorquando “nulla è morto… e lo schifo finale è il mondo”, oppure ancora dei vecchi operai, “canuti e inutili” che vengono mandati in pensione(“outside”!), consumati da anni di fatiche e di sacrifici… E che dire della sarcastica “they, all of them, know”, un interminabile elenco di “chiedi” a questo o a quell’altro e “tutti loro ti diranno: una moglie collerica alla balaustra è molto più di quanto un uomo possa sopportare”.
Grande Bukowsky, canzonatorio e ironico: una vita spesa a osservare e cercare di dimenticare un mondo che, forse, non lo ha mai compreso appieno.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le poesie ed i romanzi di Charles Bukowsky.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri