Dettagli Recensione

 
Lo zio Oswald
 
Lo zio Oswald 2014-02-28 12:12:47 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    28 Febbraio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La frabbrica di scarabei afrodisiaci?

Di solito quando in libreria mi chiedono un bel romanzo per ragazzi, di quelli capaci di vincere la concorrenza di X Box, Playstation ecc indirizzo i giovani lettori verso i romanzi di Roal Dahl perché i personaggi inventati dall'autore gallese sono divertenti, vivono storie che intrigano e l'umorismo e la suspense distribuiti ad arte fra gli episodi catturano l'attenzione fino all'ultimo rigo. A partire da "Lo zio Oswald" mi troverò in leggero imbarazzo, il testo che ha per protagonista un ragazzo eccentrico e affascinante , Oswald Cornelius, va posto senza dubbio nello scaffale della Letteratura Erotica, ma molto lontano dalle "Sfumature..." ed altre amenità commerciali. Il racconto conserva tutti gli ingredienti che hanno reso vincente l'arte di Dahl, umorismo, suspense e lieto fine. La storia invece è quella di un giovane Casanova voglioso di donne e di denaro. Il ragazzino viene a conoscenza per una serie di circostanze delle prodigiose virtù afrodisiache di un insetto che vive in Sudan, lo scarabeo vescicante, dal quale il ragazzo impara ad estrarre un viagra ante litteram; i fatti narrati si svolgono agli inizi del Novecento. Oswald commercializzando il suo "viagra" diventa ricco, ma la sua ambizione non è paga. Durante le sue peripezie conosce un biologo il professor Woresley che ha scoperto come con l'azoto liquido è possibile conservare gli spermatozoi. Il professor Woresley pensa di adoperare la sua invenzione per conservare il seme di tori e stalloni, ma Oswald ha un'altra delle sue idee bislacche, procacciarsi il seme dei grandi uomini e rivenderlo alle donne che sognano un figlio intelligente come Einstein o sensibile come Monet. Ma come fare? Yasmin e il cioccolato sono la risposta. Yasmin è una bellissima ex fiamma di Oswald, furba e sfacciata quanto basta per infilarsi nel letto di Renoir, Monet, Re Giorgio, Re Alfonso... Il cioccolato? Beh l'inventore della "Fabbrica di cioccolato" che sistema avrebbe potuto adoperare per vincere la diffidenza di certi uomini ? Chiedetelo a Marcel Proust ! Proust ? Ma voi non avete letto il libro, dunque non sapete come una donna possa riuscire a sedurre un omosessuale convinto quale era Proust. Un romanzo assai divertente e per niente stupido o volgare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)