Dettagli Recensione

 
Tutte le volte che vuoi
 
Tutte le volte che vuoi 2014-12-11 13:39:18 mia77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
mia77 Opinione inserita da mia77    11 Dicembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutte le volte che vuoi di Armando Prieto Perez

Una storia di sesso e d'amore raccontata dalla voce di un uomo, o meglio: di un Dongiovanni. Sulla falsa riga dei libri della Cao, ma con una scrittura molto più elementare e scarna. Meno curata, meno interessante, senza i riferimenti all'arte e alla cucina di cui sono intessuti i romanzi di Irene Cao. Insomma: l'ideale dopo i due libri impegnati (rispettivamente di 700 e 500 pagine) che ho appena letto, da utilizzare come passatempo per un week-end di inizio Dicembre sul sofà di casa, fra la Messa Domenicale e la passeggiata pomeridiana. Questo scrittore ha voluto cavalcare l'onda del romanzo erotico-sentimentale, senza però la sensibilità o il romanticismo di una donna e senza l'erotismo spiccio e concreto di un uomo. Secondo me è un ibrido che non convince né i romantici, né gli erotomani; è un po' una via di mezzo, appena sufficiente. Non mi convince la storia del libertino e tutti i costi che si redime... Mi fa sorridere.
Gli stralci che, però, mi sono piaciuti sono: "Ci si incontra, ci si piace, si finisce o non si finisce a letto, ed è come un'onda che sale, tutto sembra cospirare per portarci vicini, per farci incontrare, per aumentare l'intimità, per alimentare la passione. E poi l'onda si smorza, per la familiarità o per le differenze, o per caso, vai a saperlo. E non si torna più in cima all'onda, quando si è appiattita di nuovo sul mare" e ancora " Mi chiedo come facciano certe persone a credere - o a far finta di credere - alla fedeltà a priori, come fosse uno scambio d'affari. L'amore si da e si prende, non si programma, non si organizza come un'agenda di appuntamenti. E invece viviamo ingabbiati in un sistema che cerca di costringerci a impostare le relazioni come un trattato commerciale, con il sesso come moneta e la fedeltà, la sicurezza e lo status come merce di scambio. La scelta, la magia, la libertà? Meglio dimenticarle, non sono ragionevoli. Non sono abbastanza cartesiane. Non dico che la fedeltà sia un'utopia; semplicemente non si esige: si sceglie, ci si sceglie ogni giorno. Ed è una questione di pelle, di cuore, non di efficienza, di comodità".
Concordo pienamente con entrambe le affermazioni di questo bel ragazzotto cubano, i romanzi impegnati, però, sono un'altra cosa.
Ad ogni modo lo consiglio a chi vuole trascorrere un po' di tempo in modo piacevole, senza aspettarsi nulla di eclatante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri