Dettagli Recensione

 
Adolf Hitler
 
Adolf Hitler 2013-07-24 16:41:46 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    24 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un uomo, l'orrore

Antonella Di Martino ha un passato di pittrice, ha scritto opere per adulti e per ragazzi, è esperta di nuove tecnologie didattiche e narrative.
Il saggio divulgativo “Adolf Hitler, il dittatore” si colloca nell’ambito di una collana di e-book dedicati a “I Signori della Guerra”.
Dopo personaggi come “Attila, il flagello di Dio”, “Geronimo, la furia rossa” e “Rommel, la volpe del deserto”, ad Antonella è attribuito il difficile compito di affrontare una delle figure più terribili della storia dell’umanità: il dittatore che si è macchiato di orrori quali la persecuzione degli ebrei e delle minoranze, l’uomo che con la sua politica estera aggressiva e violenta ha scatenato il secondo conflitto mondiale.
Articolata in dieci capitoli (introduzione e note comprese) e in paragrafi, l’opera ha il pregio di condensare in una cinquantina di pagine – con l’obiettività di una narrazione cronachistica - efferatezze e follia ideologica di un individuo che ha saputo canalizzare in modo perverso i peggiori istinti di un’intera nazione.
Per brevità espositiva, sintetizzo il saggio storico in tre sezioni.
La prima si occupa di infanzia e gioventù di Hitler: in questa fase l’autrice sembra intravedere le cause (“… quindi mio padre avrebbe sposato sua nipote … una tra le tante menzogne …”) delle distorsioni di una personalità che poi si rivelerà mostruosa e distruttiva.
Nella seconda parte è possibile cogliere i motivi che hanno consentito al dittatore e al Partito Nazionalsocialista di affermarsi e di raccogliere massicci consensi attraverso un’ideologia rozza e negativa (“antisemitismo, nazionalismo, anticomunismo e antiliberalismo”) e “pochi concetti di base e qualche slogan efficace”.
L’ultima parte è dedicata all’imperialismo malato di onnipotenza di un dittatore che ha invaso l’Europa, scatenando la seconda guerra mondiale. Sino ai momenti conclusivi della sconfitta e del suicidio.
L’epitaffio finale fornisce alcune cifre che misurano l’immensità degli orrori compiuti: quattordici milioni di morti nella seconda guerra mondiale, lo sterminio del 40% degli ebrei, la strage di un milione e mezzo di bambini.
L’opera di Antonella Di Martino è davvero meritoria: con obiettività affronta la tragedia dell’Olocausto, la violenza della persecuzione delle minoranze, il delirio di teorie razziste che hanno supportato la campagna eugenetica, la manipolazione culturale attraverso la quale la teoria del superuomo di Nietzsche è stata stravolta e strumentalizzata in modo infame.

Bruno Elpis

Nel mio sito www.brunoelpis.it, nella sezione “Interviste”, potete leggere il mio dialogo con Antonella: contiene alcune puntualizzazioni dell’autrice sulla sua interessante opera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... altre monografie di personaggi storici
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
Ancora grazie:-)
Bell'analisi Bruno e applausi ad Antonella ;)
Bellissimo commento Bruno ed un plauso ricco di stima per Antonella!
Bruno Elpis
24 Luglio, 2013
Ultimo aggiornamento:
24 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Il merito è tutto di Antonella, una donna straordinaria, colta e sensibile :)
Grazie a voi, per averci letto! ;)
Amici miei, sto arrossendo come un'anguria:-)
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
24 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sarà. .. per via della tua sensibilità :)
In risposta ad un precedente commento
gracy
24 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
La nostra Antonellina :PPP
Per me Antonella è la mia Philip Dick in gonnella :)) Ihihih
Si sfotte, eh? ;-)))))
In risposta ad un precedente commento
gracy
24 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Giammai Anto!! Non direi cose fuori luogo e che non penso..già ti coniai tempo fa con quella similitudine ;)
Complimenti per l'analisi Bruno, perfetto.
E brava anche Antonella, ovviamente!
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I diciotto anni migliori della mia vita
Tutankhamen
L'origine degli altri
Il tribunale della storia
Memorie dalla Torre Blu
Nulla è nero
Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi
A riveder le stelle
Marco Polo. Storia del mercante che capì la Cina
The Queen. Diario a colori della regina Elisabetta
Margaret Thatcher. Biografia della donna e della politica
L'arte della fuga
Dante
Autunno a Venezia. Hemingway e l'ultima musa
Passione sakura
Effie. Storia di uno scandalo