Saggistica Storia e biografie Il tribunale della storia
 

Il tribunale della storia Il tribunale della storia

Il tribunale della storia

Saggistica

Editore

Casa editrice

Viviamo tempi di cancellature, riscritture e revisioni, di riconsiderazione degli eventi e dei fenomeni della storia che hanno portato, in anni recenti, a prese di posizione e dichiarazioni epocali: capi di governo che si scusano in nome del proprio Paese per torti od omissioni, per il ruolo svolto dai loro Stati in vicende più o meno lontane. È quindi un elemento di scottante attualità che accende la scintilla di questo libro: accostare nell'aula del «tribunale della storia» le tesi dell'accusa, le arringhe della difesa, i controinterrogatori degli imputati per acquisire nuovi elementi di conoscenza e di giudizio. Tenendo sempre presente che, come scrive Paolo Mieli, «le pubbliche scuse non equivalgono a sentenze definitive. Sono prese d'atto di una modificata percezione delle vicende del passato. Altre ne verranno». Così, da Fidel Castro a Mussolini, passando per Vittorio Emanuele III, Filippo V e perfino Gesù di Nazareth, Mieli riesce, con la brillantezza del grande divulgatore e l'acume dell'attento osservatore dei nostri giorni, a spiegare in cosa consista l'applicazione di un metodo «giudiziario» per una rivisitazione dei fatti e delle figure della storia. «A patto che, beninteso, tale metodo sia utilizzato in modo comprovatamente onesto. In caso contrario, tutto sarà stato inutile.» Il vero processo, dunque, necessario e prezioso, è quello contro ogni tipo di falsificazione. Ed è «il risultato del lavoro del tribunale della storia, tribunale che nell'era dell'informazione diffusa è sempre riunito. In seduta permanente».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il tribunale della storia 2022-01-18 11:19:19 cesare giardini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    18 Gennaio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Storia non finisce mai di sorprendere.

Paolo Mieli, scrittore, saggista, opinionista, autore di numerose opere tra cui “Le verità nascoste” del 2015 e “Lampi sulla storia” del 2018, si cimenta in questo ultimo libro nel riesame di eventi storici di ogni epoca cercando di evidenziare, anche alla luce di una vastissima bibliografia, errori di interpretazione e verità nascoste. Il volume si divide in tre parti: nella prima (“Sul banco degli imputati”) l’autore si propone di rivedere la storia di alcuni personaggi di cui è stata tramandata un’immagine non positiva, nella seconda ( “Le arringhe dell’accusa”) mette in luce le colpe più o meno giustificate di alcuni protagonisti della Storia, nella terza (“La parola alla difesa”) si propone di evidenziare una verità storica riguardante alcuni fatti o personaggi sui quali il giudizio della Storia non appare suffragato da certezze inoppugnabili.
Numerosi sono i personaggi e gli eventi storici citati, dalla leggenda di Enea in fuga da Troia assediata a vicende più attuali riguardanti personaggi del risorgimento, del fascismo e della lotta partigiana. Alcuni capitoli del libro meritano di essere citati, perché le vicende dei protagonisti, più di altre, sono state e sono oggetto di evidenti interpretazioni errate o addirittura di volute falsificazioni.
Ad esempio, nella prima parte, Mieli sostiene che Fidel Castro non ha solo connotazioni negative: è accertato che frequentò con profitto, da buon cattolico, scuole di gesuiti, e che era ostile, oltre che agli Stati Uniti, anche alla Unione Sovietica ed alla Cina di Mao. Per non citare poi, le sue simpatie per vari Papi, da Wojtila a (addirittura !) Ratzinger, sostenendo che “la politica è una costola della religione”.
Nel capitolo su Napoleone, l’autore ricorda che l’imperatore, esiliato all’isola di Sant’Elena, non fu , come si crede, dimenticato: divenne invece leggenda e punto di riferimento per quanti lottavano per la libertà e l’indipendenza dei popoli.
Anche Caterina II di Russia, autoritaria, contraria all’abolizione della servitù della gleba, ostile alla rivoluzione francese, ebbe i suoi lati positivi, governando con saggezza ed invitando in Russia i filosofi dell’Illuminismo (Voltaire e Diderot), anche se, afferma Mieli, di questo “assolutismo illuminato” di illuminato restò in seguito ben poco.
Un altro esempio di personaggio storicamente mal connotato è quello di Ruggero II, il normanno, che nel 1130 fu nominato dall’antipapa Anacleto II re di Sicilia: qui Mieli ricorda che proprio in quell’anno nacque il Regno dell’Italia meridionale che durò (con Napoli) per ben sette secoli, fino al 1860.
Sempre nella prima parte, interessanti i capitoli riguardanti Gesù , su cui troppe e simili sono le vicende raccontate senza distacco riflessivo e con dubbia obiettività, su Catlina, la cui storia ha subito troppe falsificazioni anche per la demonizzazione che ne fece ai tempi Cicerone, e su Enea, considerato un eroe da Virgilio nel suo poema, ma accusato da Mecenate di Xanto di aver addirittura tradito e consegnato Troia agli Achei.
Molto interessante è anche la seconda parte del saggio, “Le arringhe dell’accusa”, incentrata soprattutto su eventi dei secoli più vicini a noi.
Mieli pone in risalto, in un capitolo, il trattamento che subirono i prigionieri italiani nei campi USA alla fine della seconda guerra mondiale. Accusati di essere oltre che fascisti anche voltagabbana, subirono per lunghi mesi la fame e maltrattamenti, al contrario dei prigionieri tedeschi, giudicati più ordinati e disciplinati.
Un altro capitolo denuncia le incertezze di Vittorio Emanuele III, che, dopo manovre e complotti per eliminare Mussolini, non seppe agire con fermezza e pagò i suoi tentennamenti con l’esilio alla fine della guerra.
Merita di essere citato anche il capitolo sul brigantaggio meridionale: iniziato con lotte di paese e vendette personali, divenne nel corso degli anni una guerra vera e propria contro una potenza straniera (i piemontesi? i Savoia?) che depauperava il Sud. Da notare, scrive Mieli, che nelle file dei briganti confluirono anche molti garibaldini delusi.
Nella terza parte (“Parola alla difesa”) il capitolo più interessante riguarda il leader comunista Palmiro Togliatti. Ideologicamente ben inquadrato, non si creda, afferma Mieli, che fosse esclusivamente agli ordini di Mosca. Simpatizzò più con la Democrazia Cristiana di De Gasperi ( i due erano uniti da stima reciproca) che con i socialisti e fu più vicino agli ambienti cattolici rispetto ad Enrico Berlinguer.
In un altro capitolo, l’autore porta alla ribalta i misconosciuti “partigiani autonomi” di Alfredo Di Dio, che interpretarono la lotta partigiana come esclusiva lotta al nazifascismo, e non come mezzo di rottura dell’ordine sociale. Formarono la banda Osoppo, e, non essendo legati al Partito Comunista, caddero presto nell’oblio.
Mieli prende poi, in un altro capitolo, le difese di Vittorio Emanuele II, che esitò molto senza proprie colpe prima di conquistare Roma: la battaglia ebbe pochissimi morti, anche perché Papa Pio IX volle che si combattesse il minimo possibile. Solo nel 1871 il re occupò il Quirinale, e solamente nel 2010 ci fu la pacificazione definitiva tra Stato e Chiesa, con l’incontro tra il presidente Napolitano e il cardinal Bertone, rappresentante di Benedetto XVI.
Dpo aver difeso, in uno degli ultimi capitoli, il famoso brigante Gasparone, liberato nel 1870 dopo ben 45 anni di prigione e divenuto simbolo dei “tempi nuovi” (ben altre, sottolinea l’autore, erano le magagne ed i vizi romani di quei tempi, con corruzione diffusa e oscuri intrighi), Mieli torna all’antico e, nel penultimo capitolo del libro, prende le difese dei pretoriani, le ben note guardie degli imperatori romani. Furono un po’ tutto, guardaspalle, agenti segreti, spie, sciolti solo nel 300 d.C. da Scipione l’Africano: agivano per lo più nell’ombra, come informatori o addirittura sicari, proteggendo via via nel tempo i vari imperatori e raggiungendo l’apice della loro potenza verso la fine del terzo secolo.
Se si può muovere una critica all’opera di Mieli, i vari capitoli non seguono un ordine cronologico ma sono esposti saltando spesso dall’antico al moderno. Ma non ritengo sia una pecca grave, non trattandosi di un manuale di storia ma di considerazioni personali su argomenti di storia disparati. Argomenti e personaggi assai numerosi quelli trattati via via da Mieli nei capitoli del libro, in tutto 30, distribuiti nelle tre parti in cui il libro stesso si divide. Il lavoro dell’autore è stato, come sempre, imponente, accurato e ben documentato: lo dimostra anche la vasta bibliografia, ben 156 voci. Nelle pagine di conclusione, si riafferma in sostanza quello che è stato lo scopo della certosina ricerca di Mieli: nella Storia nulla è definitivo, nuove scoperte possono mutare i giudizi, annullare o spostare eventuali colpe.
L’opera di Mieli, pur densa di particolari minuziosi e poco noti, si legge con grande interesse, anche perché vengono riportati alla luce, pagina dopo pagina, eventi storici, forse dimenticati, raccontati sotto angoli visuali diversi talora sorprendenti.




Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
" Le verità nascoste" e "Lampi sulla Storia", di Paolo Mieli.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Lo sparo
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Eleonora d'Aquitania
I diciotto anni migliori della mia vita
Tutankhamen
L'origine degli altri
Il tribunale della storia
Memorie dalla Torre Blu
Nulla è nero
Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi
A riveder le stelle
Marco Polo. Storia del mercante che capì la Cina
The Queen. Diario a colori della regina Elisabetta
Margaret Thatcher. Biografia della donna e della politica
L'arte della fuga
Dante
Autunno a Venezia. Hemingway e l'ultima musa
Passione sakura