Saggistica Storia e biografie Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi
 

Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi

Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi

Saggistica

Editore

Casa editrice

Le opere delle nostre scrittrici – da Ada Negri a Elsa Morante, da Grazia Deledda a Luce d'Eramo, da Matilde Serao a Sibilla Aleramo e Anna Maria Ortese – offrono il racconto di un'epopea sotterranea: quella della battaglia durata più di un secolo per garantire alle donne italiane piena cittadinanza. Dai racconti e dai romanzi di tanta letteratura femminile, troppo spesso esclusa dal 'canone' e quasi dimenticata, emerge un quadro ricco e sorprendente della condizione delle donne in Italia dall'Ottocento a oggi. Le italiane, come ce le hanno raccontate i manuali di storia e gli scrittori, aderiscono quasi perfettamente agli stereotipi della cultura patriarcale dominante. Sono madri affidabili e mogli fedeli; sono pazienti e rassegnate ai tradimenti; sono forse capricciose e certo poco inclini allo studio e al lavoro; sono caste (salvo poche eccezioni rappresentate da pericolose tentatrici); mettono al centro di tutto la maternità, fino al supremo sacrificio; inseguono sogni d'amore. Ma già dall'Ottocento i romanzi e i racconti delle nostre scrittrici hanno raccontato una storia diversa: ci dicono di matrimoni di convenienza e di gravidanze non volute, di amori mai liberi e di un sesso vincolato a una morale oppressiva. Soprattutto, offrono straordinari affreschi dei tentativi disperati di conquistarsi spazi di libertà, di studiare e lavorare, di non cedere alla violenza psicologica e fisica della società tradizionale. Ieri come oggi moltissime donne non hanno acce



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi 2021-09-27 13:45:53 Chiara77
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    27 Settembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La discriminazione delle italiane

“Le ragazze, oggi, siedono sulle spalle di giganti. Ed è bene che lo sappiano. E che lo sappiano anche gli uomini, fosse solo per ridurre il loro terrore delle donne forti e i loro pregiudizi nei confronti di quelle “devianti”. Serve per scrivere una storia plurale, più complessa, magari contraddittoria, ma senz’altro più completa. Le scrittrici l’hanno raccontata. Tocca a noi, per costruire un presente più consapevole, il compito di inserirle nelle nostre fonti autorevoli e dare ascolto alla loro voce.”

Il saggio di Valeria Palumbo “Non per me sola” ci offre una lettura della storia delle italiane prendendo come punto di partenza i romanzi delle scrittrici troppo spesso senza una degna motivazione, dimenticate. Questo studio quindi inizia dall’analisi delle opere di autrici come Grazia Deledda, Matilde Serao, Sibilla Aleramo, Anna Maria Ortese e molte altre, purtroppo semi sconosciute, per raccontare la difficile condizione della donna in Italia dalla seconda metà dell’Ottocento agli anni ’80-’90 del Novecento, quando le rivendicazioni dei movimenti femministi hanno trovato una prima applicazione concreta nella società.
Ciò che più emerge dalla lettura di questo interessantissimo saggio è proprio la cruda chiarezza di quanto la donna sia stata discriminata per lungo tempo e di quanta strada le donne italiane di oggi abbiano percorso rispetto a un secolo e mezzo fa. E’ evidente che tuttora sono presenti nella nostra società episodi di violenza sulle donne, discriminazione, retaggi di una cultura maschilista e retrograda, ma, leggiamoci queste pagine per rinfrescarci un po’ la memoria su quello che voleva dire essere donna soltanto un centinaio di anni fa. Palumbo infatti prende come punto di partenza lo studio delle opere delle scrittrici ma compie in realtà una accurata analisi storica analizzando anche fonti giuridiche, statistiche, canzoni popolari, dipinti, che ci restituiscono chiaramente il quadro reale della effettiva condizione femminile nell’Italia ottocentesca e novecentesca. Si tratta di una umanità pesantemente vessata, discriminata, oppressa. Le venivano negati i più basilari diritti politici e civili ed era esclusa dalla sfera pubblica, veniva pesantemente ostacolata negli studi, nel lavoro, nella libertà di movimento, obbligata a subire un destino di solo sacrificio e rassegnazione.
Noi sappiamo tutto questo ma sarà utile leggere queste pagine per acquisire una maggiore consapevolezza della nostra emancipazione. Infatti l’interrogativo che più forte emerge dalla riflessione provocata da questa lettura è: perché le donne hanno accettato questo ruolo subalterno per tanto tempo, perché hanno subito tutta questa sopraffazione così a lungo senza protestare? Spesso noi donne abbiamo talmente introiettato i modelli culturali maschilisti e patriarcali che abbiamo pensato seguendo questi stereotipi senza nemmeno interrogarci sulla loro effettiva bontà.
Alla luce di tutto questo, perché quindi continuare a escludere dal canone degli autori studiati a scuola quasi tutti i nomi delle scrittrici italiane? Potremmo provare ad introdurne qualcuna di comprovata qualità letteraria che, attraverso il suo punto di vista alternativo sul mondo, metta in luce una narrazione storica più inclusiva.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A tutti
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri