Dettagli Recensione

 
Suzanne Valadon. L'amore felino
 
Suzanne Valadon. L'amore felino 2015-08-11 12:26:12 Mian88
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    11 Agosto, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Dare – Amare – Dipingere "

Classe 1865 Marie-Clèmentine Valadon, in arte Suzanne Valadon, per tutta la sua vita fece dell'espressione ” Non io!” la sua colonna portante.
Figlia di una lavandaia dall'animo bigotto e dallo spirito spezzato dalle avversità della vita, si trasferì all'età di soli 5 anni in quel di Montmartre e se così non fosse stato probabilmente non avremmo mai conosciuto questa donna né saremmo mai stati arricchiti dal suo pensiero che dalle sue opere.
La piccola statura propria dell'artista non rispecchiava certo la versatilità della stessa, anzi! Chiunque conoscesse Marie avrebbe certo concluso che le “dimensioni” non le rendevano giustizia perché dentro ella era un vulcano in eruzione di idee, carisma, emozioni.
La sua bellezza era diversa da quella delle coetanee del tempo; i folti capelli ramati incorniciati a quel viso austero dalla pelle leggermente bruna, avvalorati da quegli occhi grandi ed espressivi e dall'assenza di quella bocca a cuore bensì da zigomi alti e pronunciati, a cui si aggiungeva un naturale portamento regale, la rendevano una creatura a cui alcun uomo poteva anche solo auspicare di poter opporre resistenza.
Bramosa di imparare la giovane desiderava studiare ma la povertà e la necessità di lavorare la strapparono dai libri tra i nove e i dieci anni. Nella sua vita conobbe la mendicanza e quando le opportunità dei lavori canonici quale far da sarta, prostituta o cuoca le si prospettarono davanti ella rispose: -”Non io!”-. In particolare, in merito al secondo, fu ben lieta di concedersi ma in tutta libertà e soltanto quando ella stessa lo avrebbe desiderato, un pensiero ben lontano dalla mentalità ottocentesca.
Avrebbe sfruttato la sua bellezza dedicandosi a far da modella, musa ispiratrice ai grandi pittori del tempo quali Renoir, Toulouse-Lautrec, Degas, Puvis, e molti altri ancora. Ma il suo scopo finale non era questo, voleva andare oltre, voleva dipingere, essere lei stessa l'artefice di quell'arte che per tanti anni la vedeva protagonista di quelle tele.
Ed anche quando, all'età di diciotto anni, rimase incinta si rifiutò di abortire perché per lei nessun essere doveva essere privato della vita. Vane furono le raccomandazioni della madre che anzi fu la causa della successiva rovina di quel nascituro, Maurice Utrillo, che già all'età di tredici anni fu da questa avviato all'alcolismo puro e semplice. La nonna non sapeva infatti come gestire quegli sbalzi d'umore che caratterizzavano il giovane, non aveva gli strumenti per identificare la malattia mentale che lo aveva colpito, e così per placare lo stato di agitazione in cui soventemente questo cadeva gli somministrava l'alcol quasi come se fosse una medicina.
L'animo di Suzanne fu sempre incline alla protezione degli animali, cani, gatti e non solo. Veniva dalla strada la nostra artista e mai avrebbe negato asilo ad un esserino bisognoso anche e soprattutto negli anni della guerra. Fu così che, durante questi anni, raccolse da terra un gatto rosso, forse pelle e ossa, ma orgoglioso ed inarrestabile come lei. Perché alla fine la nostra protagonista altro non era che l'umanificazione di un felino. La sua personalità, le sue movenze ne rispecchiavano interamente i caratteri. Raminou, il meraviglioso micio rosso, diventò il suo principale soggetto pittorico nonché suo ispiratore e fedele alleato. Per una strega veniva presa durante le sue passeggiate la donna, era strano per gli altri abitanti vederla con in spalla quel piccolo animale che mai da questa si staccava, fiero e lieto di esser con la sua mamma gatta. Altro non erano che ineguagliabilmente inseparabili i due perché una cosa sola.
La particolarità di questo romanzo risiede ne binomio artista-animale da compagnia. Il testo si apre con l'affermarsi del famoso Chat Noir e con il susseguirsi di pittori, musicisti, letterati di un tempo di svolta per la società umana, un clima di novità di cambiamento che ha lasciato ai posteri un tesoro inestimabile.
E solcando il cammino di Suzanne il lettore scoprirà caratteri sconosciuti di Renoir, la meticolosità quasi maniacale in Degas, la rigida metrica di Satie, la passione di Lautrec, la classicità di Puvis de Chevannes e molto altro ancora. Tutti autori, tranne uno di cui vi lascio il piacere di venire da soli a conoscenza, felicemente affiancati dalla presenza animale in particolare felina.
Un misto tra favola e realtà a causa del mixarsi di un ritmo che unisce narrazione a voce diretta con tanto di citazioni e dialoghi. Dettaglio che talvolta risulta eccessivo se si considera la quantità di punti esclamativi che ne scandiscono le pagine nonché la farraginosa scorrevolezza che in taluni casi costringe alla rilettura.
L'epoca narrata è irresistibile, è semplicemente affascinante. E quando l'amore tra umano-animale è sincero, nemmeno la morte sarà in grado di spezzare quel filo rosso che lega i due viventi. Ce lo dimostrano le ultime righe dello scritto:
“Ogni tanto, al cimitero di Montmartre, si potrà vedere una strana coppia, un ometto minuto che tiene in braccio un vecchio gatto rosso. Sostano a lungo davanti a una tomba semplicissima, sulla quale è un medaglione con un cuore che ha nel centro una rosa, e la scritta: “Dare – Amare – Dipingere”-.
Una chicca di rara bellezza in sole 93 pagine, un romanzo capace di arricchire e di trasmettere emozioni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
come in copertina consigliato: “Per i gatti che amano le donne, per le donne che amano i gatti, per coloro che amano entrambi”.
Ma non lasciatevi ingannare dalla presenza felina, è adatto a tutti coloro che amano l'arte ed hanno piacere di leggere un testo di arricchimento.
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Bello! E bello il tuo commento!
In risposta ad un precedente commento
Mian88
11 Agosto, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Annamaria, te lo consiglio, credo proprio che possa piacerti
Ciao Mian, sono contenta ti sia piaciuto ! Vedo che le nostre opinioni sul libro tra l'altro combaciano.
Peccato per tutta la punteggiatura di troppo, però e' un libretto molto piacevole e l'idea della Alberghini di scrivere biografie di uomini e animali e' allettante e originale :-)
Complimenti Maria,
bel commento e bella segnalazione. Grazie!!!
Federica
In risposta ad un precedente commento
Mian88
17 Agosto, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao C.U.B!!! Mi è strapiaciuto, me lo sono gustato dall'inizio e se non fosse stato per quella punteggiatura talvolta eccessiva sarebbe stato perfetto.
Concordo con te sull'idea dell'Alberghini e spero che pubblichi presto qualche altro romanzo del genere. Mi dispiace soltanto che opere di questo genere siano snobbate dalla maggior parte del pubblico perché fuori dal comune, non sanno cosa si perdono...
In risposta ad un precedente commento
Mian88
17 Agosto, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te Federica per avermi letto. :-) Credo che potrebbe piacerti, ha un fascino irresistibile ..
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'architettrice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'evento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.2 (3)
La cattiva stella
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri