Dettagli Recensione

 
Mi sa che fuori è primavera
 
Mi sa che fuori è primavera 2019-12-19 11:56:55 Cecychan
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cecychan Opinione inserita da Cecychan    19 Dicembre, 2019
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

missing children.ch

122 pagine, intervallate da capitoli brevi, tutti d'un fiato, rapidi...troppo rapidi.
E' un libro difficile, è una storia difficile...è una storia vera. Irina parla, sogna, vive...è italiana, vive in Svizzera per lavoro ma è altrove, in quell'altrove dal 28 gennaio 2011.
Chi legge, chi ha scritto questo libro non può non chiederselo:"io che cosa farei in quella condizione?". Questo testo nasce da una richiesta di una madre, senza figli, da una necessità sfiancante di "mettere fuori di me quest'oggetto rotto". E poi, mentre scorrono le pagine, si rimane agghiacciati da un discorso che la scrittrice fa dire ad Irina: "Il nulla non basta. Anche se fossero 99 le probabilità. anche se ne restasse 1 su 100 che le mie figlie siano in un luogo del mondo, magari separate, lontanissime, magari in un paese di cui non conoscono la lingua, magari invece accudite in segreto da qualcuno che amano e dunque, persino quiete ormai nel loro dolore, persino in qualche modo serene. Ecco! E' quell'unica possibilità che devo percorrere".
Lo stile non è ridondante, non vi sono momenti particolarmente struggenti, da togliere il fiato.
Usa belle metafore, Concita, per giungere nel modo più preciso alla reale e tangente sofferenza.
Irina è una donna, una madre, che sta tentando faticosamente, con estremo dolore, a risalire da quel pozzo in cui è piombata da ormai otto anni. E non è affatto facile specialmente quando una gran parte dell'io è concentrata a tradurre certi sguardi, alcune affermazioni, come un immenso macigno: quel dannato senso di colpa. La subdola vocina che si insinua nelle risate, in un frangente di spensieratezza, e sussurra "come puoi dimenticare, come puoi lasciarti indietro quello che ti è successo...".
Ogni riga è una piccola conquista per permettersi di raccontare, per rispondersi ai quesiti posti durante questi infiniti otto anni.
Mi piacciono moltissimo le lettere che Irina scrive alla nonna tenendola aggiornata sulla sua faticosa risalita verso l'amore: con lei non ha filtri, si racconta nel dolore ma anche nella ricerca disperata di poter vivere anche un pallidissimo raggio di sole, purché sia caldo e accogliente. "Ma io sono viva, nonna, il dolore da solo non uccide e io sono viva. Dunque devo vivere, perché finché ci sono, ci sarà il ricordo di chi non è più con noi". Poi ci sono quei capitoli in corsivo, quello spazio lasciato all'altro, a un'altra voce, quella che vorrebbe prendere il "pacchetto dolore" e gettarlo in mezzo al mare, il più lontano possibile. Il resto dello scritto sono lettere che questa madre invia a una psicoterapeuta, a una segretaria di un archivio anagrafico...perché ha bisogno di dare un significato a quello che le è successo, trovarne una spiegazione.
Il dolore in questo libro si accarezza dolcemente. Non è cruento, né disperato, ma c'è. Non può essere ignorato, il dolore, perché altrimenti si presenta in tutta la sua violenza e ti fa pagare anche gli interessi. Però si può alleviare, diluire e permettersi di pensare, dopo aver esaurito tutte le lacrime consentite, "ora però facciamo due passi, che ne dici? Andiamo a vedere, perché mi sa che fuori è primavera".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Molly Bloom
19 Dicembre, 2019
Ultimo aggiornamento:
19 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho letto questo libro l'estate scorsa e complessivamente non mi è piaciuto. In primis non mi piacciono i libri che riprendono interamente i singoli fatti di cronaca, mi sembrano occasioni opportunistiche inoltre se ne sente già abbastanza in tv nelle varie trasmissioni, il libro non aggiunge nulla alla storia e nemmeno offre una occasione per riflettere sull'accaduto, non ho trovato approfondimenti psicologici, familiari o sociali. L'unica nota positiva secondo il mio parere è la scrittura delicata, leggera e che si avverte subito.
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I diciotto anni migliori della mia vita
Tutankhamen
L'origine degli altri
Il tribunale della storia
Memorie dalla Torre Blu
Nulla è nero
Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi
A riveder le stelle
Marco Polo. Storia del mercante che capì la Cina
The Queen. Diario a colori della regina Elisabetta
Margaret Thatcher. Biografia della donna e della politica
L'arte della fuga
Dante
Autunno a Venezia. Hemingway e l'ultima musa
Passione sakura
Effie. Storia di uno scandalo