Congo Congo

Congo

Saggistica

Editore

Casa editrice

Si parte dal gigantesco estuario del fiume Congo, come i colonizzatori, i missionari, i bianchi hanno sempre fatto. Un getto possente di detriti, terra, alberi che trasforma l'oceano in un brodo torbido per centinaia di chilometri. E poi, attraverso centinaia di interviste con congolesi di tutte le età e le etnie, attraverso lo studio della storia, dell'archeologia, della geografia e della climatologia, attraverso una scrittura tersa e coinvolgente, si va alla scoperta di un paese, di un popolo, di un continente. Dai primi insediamenti preistorici agli orrori della dominazione coloniale belga, dall'indipendenza alle guerre civili, attraverso giungle e città, montagne di ghiacciai perenni e pianure rigogliose, miniere di ogni minerale prezioso e una natura ricchissima e incontaminata, un libro che davvero restituisce un mondo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuti 
 
5.0  (2)
Approfondimento 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Congo 2017-01-14 16:55:27 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    14 Gennaio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

NEL CUORE DELL'AFRICA

Cominciamo senza ombra di dubbio col dire che il saggio di David Van Reybrouck sul Congo è un lavoro stupefacente e di gran valore storico, sociologico e documentaristico.
E' incredibilmente giovane l'autore e questo dato ne costituisce un ulteriore punto di forza, perchè la mole sorretta da questa penna costerebbe fatica ai giornalisti e agli storici più consumati.

La ricostruzione delle vicende del gigante Congo parte dalle origini e si dipana attraverso un lavoro certosino che abbraccia e ripercorre l'intera storia del paese fino alla data in cui il testo è stato dato alle stampe; ciò significa raccontare secoli.
L'impianto contenutistico scelto da David lo allontana dalla apaticità e dal rigore di un saggista che si limita a registrare dati ed eventi; il testo profuma di umanità, assume le sembianze dei volti ritratti, è un racconto palpitante pagina dopo pagina.
Gli anni trascorsi soggiornando in Congo sono serviti per parlare con la gente, per poter condividere ricordi, per raccogliere storie di vita.

Con certezza si può dire che nessun reportage televisivo o giornalistico in generale ha mai portato alla luce in maniera limpida e non faziosa quanto si legge in questo testo.
Un testo scritto da un belga, ma una mente lucida ed imparziale, che ha scelto di scavare nelle pieghe della storia di un paese complesso, sfruttato, violentato, derubato, usato; una terra di confine che per tanti decenni della storia recente ha vissuto eventi che il resto del mondo preferiva scansare.
Le immagini di violenza che segnano ogni pagina di questo testo sono forti e fanno malissimo a chi legge, come è giusto che sia; la corruzione, la violenza cieca, l'annullamento dei diritti umani, il genocidio, la morte.
Inorridito e sconcertato è il lettore che chiude l'ultima pagina, immensamente grato all'autore per essere riuscito nell'impresa prefissa e consapevole che oggi questo genere letterario è un mezzo insostituibile per conoscere la Storia del mondo.

Da ultimo, stilisticamente il lavoro è di qualità, considerata la numerica della pagine, vi si trova armonia della scrittura e omogeneità tra tutte le sue parti.
Lettura adatta a qualsiasi pubblico, anche a coloro che non amano la saggistica, perchè tra queste pagine c'è l'UOMO.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Congo 2016-10-20 09:46:52 C.U.B.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    20 Ottobre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una penna gratta sul legno

Forse furono gli anni congolesi del padre che seminarono nel futuro del figlio l’idea che porto’ a questo volume di David Van Reybrouck, brillante archeologo, storico e antropologo belga. O forse la sua nazionalita’.
L’aneddoto e’ grazioso e racconta che tutto inizio’ in un caffe’ di Bruxelles nel 2003, poco prima del suo viaggio in Congo. Recatosi in alcune biblioteche alla ricerca di testi specifici che lo accompagnassero, non trovo’ quello che cercava, decise allora di scriverlo lui stesso.
Abbandonato l’ambiente accademico per immergersi in questa nuova avventura lavorativa, al primo viaggio ne fece seguire altri nove con l'intenzione di sviluppare un prodotto che non si basasse solo sulla ricerca storica ed economica, ma che si appoggiasse a un forte valore umano composto di interviste, di ricordi, di memoria.

Nella prima meta’ dell’Ottocento lo schiavismo, poi fu il tempo di Leopoldo II e nei primi anni del Novecento il colonialismo belga , quindi i passaggi di potere post coloniali, il genocidio degli anni piu’ recenti fino alla situazione contemporanea sono i punti prevalentemente toccati.
Il risultato e’ un’opera colossale di seicento e piu’ pagine, una bibliografia certosina e un numero enorme di fonti reali che coprono uno soqquadro storico e sociale tortuoso.
Colossale e’ del resto anche il Congo, così esteso e ricco delle risorse piu’ ambite del pianeta che invece di benedizione ne furono condanna : schiavi, avorio, bracconaggio, gomma, diamanti ed il prezioso coltan di cui il Congo possiede l’80 per cento della produzione mondiale.
Uno stato politicamente molto debole e ricchissimo nel sottosuolo che nei decenni porto’ la guerra ad essere scopo di lucro: odio etnico, estrema violenza e macro contrabbando fusi in un unico fenomeno di business.

Sarebbe stato bello chiudere gli occhi e godersi soltanto la natura incontaminata dell’ entroterra voluttuoso, invece ho spesso interrotto la lettura per dedicarmi ad altro, vista la drammaticita’ storica di questo paese, di questi popoli. Che vergogna non avere nemmeno l’ardire di leggere la violenza inaudita inferta e subita, le amputazioni, le barbarie, i bambini soldato, gli stupri di gruppo di donne e bambine. Trovare cosi’ soffocante la corruzione endemica, che oscura l’orizzonte piu’ della notte piu’ buia, da distoglierne lo sguardo.
Eppure di questo pezzo d’Africa la cui vita media alla nascita si aggira intorno ai quarantasei anni, che ha visto piu’ morti nella sua Grande Guerra che nella somma di tanti conflitti mediatici si legge poco, forse anche la stampa trova cavilloso lavorare in un ambiente tanto caotico. Per questo motivo trovo ancora piu’ pregevole la scelta di Van Reybrouck.

Un reportage mastodontico la cui miscela di elementi e’ un imprescindibile valore aggiunto. Lucidita’ di scrittura, ampia ricerca , imponente apporto dalla viva voce di fonti indigene e ultimo ma non meno importante un approccio fortemente umano dell’autore.
Che possa interessare o meno l’argomento, e’ uno delle migliori opere divulgative che mi siano capitate per le mani da che leggo. Complimenti al coraggio, buona lettura.

Allego un’intervista dell’autore, l’anima del libro sta piu’ nelle sue parole che nelle mie :

http://www.lafeltrinelli.it/libri/david-van-reybrouck/congo/9788807491771

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri