Europa tedesca Europa tedesca

Europa tedesca

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di "Europa tedesca. La nuova geografia del potere", saggio di Ulrich Beck edito da Laterza. In Grecia si tornerà a pagare in dracme o addirittura in Germania in marchi, quando tu lettore avrai fra le mani questo volumetto? O riderai di questi cupi scenari, perché la crisi sarà stata superata da tempo e l’Europa politica ne sarà uscita rafforzata? Il fatto stesso che ci si pongano domande del genere, che si cerchi in questo modo di individuare degli sviluppi tra le nebbie dell’incertezza, la dice lunga sulla fluttuante situazione dell’Europa e sul rischio di pretendere di afferrarla. Tutti lo sanno, ma dichiararlo esplicitamente significa infrangere un tabù: l’Europa è diventata tedesca. Nessuno l’ha voluto, e tuttavia davanti al possibile crollo dell’euro la potenza economica Germania è via via ‘scivolata’ nella posizione di grande e decisiva potenza politica dell’Europa. Lo storico inglese Timothy Garton Ash scrisse al riguardo nel febbraio 2012: «Nel 1953 Thomas Mann, nel suo famoso discorso ad Amburgo, ammoniva i tedeschi a non puntare mai più a una ‘Europa tedesca’». Ma durante la crisi dell’euro è proprio questo che è avvenuto: la più forte potenza economica del continente detta le condizioni per la concessione di altri crediti agli Stati in situazione di necessità, fino a minare i diritti decisionali democratici dei parlamenti greco, italiano, spagnolo, e da ultimo anche tedesco. Abbiamo bisogno di un contratto sociale europeo, un contratto per più libertà, più sicurezza sociale e più democrazia – dentro l’Europa. Non dimenticare la società! Mettere in luce nella crisi finanziaria gli slittamenti del potere e il nuovo panorama del potere in Europa: queste le parole d’ordine che ci consegna Ulrich Beck.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Europa tedesca 2014-05-15 18:36:30 misu
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
misu Opinione inserita da misu    15 Mag, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA GREMANIA E L’EUROPA

La Germania è posta geograficamente al centro del continente europeo. Possiamo definirla il cuore pulsante dell’Europa. L’area in cui si parla la lingua tedesca è quella fascia centrale dell’Europa che unisce la parte orientale del continente a quella occidentale, in sostanza è una vasta cintura di congiunzione che solo nella seconda meta del XIX° si unì in una nazione coesa e compatta. La sua posizione geografica nel corso della sua storia influì sulle vicende storiche europee prima come terra di conquista o territorio cuscinetto tra ovest ed est, poi dopo la sua unificazione guidata dalla dirompente forza motrice prussiana diventa potenza continentale intraprese una politica di espnsione bellicosa che portò nel corso del scolo breve a due conflitti mondiali. Con il crollo del muro di Berlino nel 1989 si aprì per la Germania un nuovo capitolo storico. Il paese rimase il cuore pulsante dell’Unione europea. La Gremania doveva dimostrare di essere un paese comletamente integrato nel tessuto europeo e di non volere più intraprendere avventure bellicose per affermare la sua potenza in Europa. Il ruolo della Germania in Europa dunque era cambiato.

La Germania incastonata tra due potenze continetali , la Francia a ovest e la Russia a est, si sentiva ingabbiata e nel paese si sviluppò la sindrome dell’accerchiamento subito dopo la sua inificazione nella seconda metà del XIX°. La presenza di queste due potenze terrestri continetali influì non poco sul destino germanico. I governanti tedeschi si sentirono minacciati dalla Francia a ovest e dalla Russia a est, mentre i mari erano controllati dalla potente marina britannica. La Germania sviluppò da subito una pericolosa sindrome d’accerchiamento da paesi ostili che ne minacciavano i confini. Questo accerchiamento poteva essere spezzato con la sola forza delle armi, perciò Berino si imbarcò in una politica di aggressione militarista verso i paesi vicini ma anche ambì a diventare una potenza continentale in grado di soggiogare l’intera Europa. L’intento di Berlino era dunque chiaro : ottenere il dominio assoluto dell’Europa. Le guerre tedesche del XX° secolo diventarono la chiave di lettura militarista del ruolo avuto dalla Germania in Europa.

Le due sconfitte militari subite dal paese nell’arco di venti anni però lasciarono una traccia indelebile nel popolo tedesco che ridisegnò alla radice un altro ruolo per il suo pese in Europa. Abbandonò la via militarista e nazionalista per intraprendere un percorso di cooperazione continentale. La Germania doveva diventare il cuore pulsante di una nuova Europa, la motrice dell’ unificazione economica, monetaria e politica del vecchio continente. L’integrazione europea doveva essere preseguita con il dialogo e non con avventure belliche.L’unione politica dei popoli doveva essere la conseguenza logica di una libera scelta pacifica di unione e non conseguenza di una violeza brutale scatenata verso i suoi vicini dalla potenza di turno.

Il libro che abbiamo di fronte affronta questo discorso : il ruolo della Germania nell’UE. L’autore, un esperto internazionale del settore, divide il suo precorso di lettura in tre segmenti tematici principali

- come la crisi dell’Euro influisce sulla precezione del ruolo avuto della Germania ?
- le nuove coordinate del potere sono solo tedesche ovvero si può davvero parlare di un Europa tedesca?
- è possibile un Europa meno tedesca ovvero si può parlare di un Europa bilanciata ?

In sostanza nel suo testo l’autore analizza il ruolo avuto da Berlino nell’edificazione del unione monetaria e in primo piano viene messo l’accento sulle sue luci e obre in termini politici ed economici nonché vengono analizzati i rapporti di forza tra le varie nazioni che aspirano non solo ad un unione economica ma anche a quella politica.

Il libro risponde ad una domanda molto semplice: quale Europa vuole la Germania? Questo libro ci offere una nuova chiave di lattura della Germania odierna e contempranea, un stato risorto dalle sue ceneri e da due catastrofi belliche da lui scatenate nel recente passato che però ancora oggi rimane determinante per il destino dell’Europa.

E’ chiaro che si tratta di una sintesi dettagliata che però richiede dal lettore delle nozioni almeno di base dell’argomento trattato dall’autore con puntiglio scientifico. Nel libro prevale il discorso economico, mentre gli accenni storici sono per lo più solo velati o dati per scontati dall’autore. Il libro si presta ad una scorrevale lettura scritto con uno stile asciutto ed essenziale senza giri di parole. L’autore punta direttamente al sodo ed affronta il nocciolo della questione tedesca in Europa.

Una lettura senza dubbio interessante che però deve essere accompagnata da un testo di approfondimento storico, polico ed economico.






Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Si consiglia di leggere un manule di storia contemporanea nonché un libro che parli delle vicende storiche della Germania. E’ utile sapere qualcosa sul nazismo e l’antinazismo tedesco
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri