Saggistica Storia e biografie Guerra assoluta
 

Guerra assoluta Guerra assoluta

Guerra assoluta

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di "Guerra assoluta. La Russia sovietica nella seconda guerra mondiale", saggio di Chris Bellamy edito da Einaudi. Lo scontro fra Germania e URSS, un conflitto micidiale che forse piú di ogni altro decise le sorti della Seconda Guerra Mondiale, raccontato per la prima volta in tutta la sua terribile e inumana realtà. I combattimenti sul fronte orientale tra il 1941 e il 1945 si può dire abbiano costituito la vicenda di per sé piú decisiva della seconda guerra mondiale, determinando il corso della storia del mondo per il successivo mezzo secolo. Oggi, attingendo a fonti solo da poco tempo accessibili dopo il crollo dell'Unione Sovietica e la riunificazione della Germania, Chris Bellamy offre il primo resoconto completo di quel conflitto. Bellamy ci getta a capofitto all'interno delle ostilità, descrivendo un quadro sconvolgente di combattimenti in cui i tradizionali vincoli di «civiltà» nella conduzione della guerra vengono meno. Si interroga poi sul miracolo della vittoria dei sovietici contro Hitler in una lotta che per il popolo russo va sotto il nome di Grande guerra patriottica. Dopo le conquiste iniziali, infatti, l'esercito tedesco fu costretto a fermare la sua avanzata davanti a Mosca nel 1941, e la sua sconfitta fu infine sancita dalla battaglia di Stalingrado, una delle piú sanguinose combattute sul fronte orientale. Il conto finale di questa «guerra assoluta» è stato calcolato in 27 milioni di vittime, senza tenere conto di quei milioni di altre vite che ne risultarono comunque spezzate.

Chris Bellamy insegna Scienza e dottrina militare presso la Cranfield University, dove dirige il Security Studies Institute. Nato nel 1955, ha studiato nelle università di Oxford, Londra, Westminster ed Edimburgo. Nel 1990 ha ricevuto l'incarico di inviato della Difesa per «The Independent», e ha prestato servizio in questa veste per piú di sette anni, con réportage dall'Arabia Saudita e dall'Iraq durante la guerra del Golfo del 1991, dalla Bosnia tra il 1992 e il 1997, e dalla Cecenia nel 1995. Vive a Londra. Nel 2010 ha pubblicato per Einaudi Guerra assoluta. La Russia sovietica nella seconda guerra mondiale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Guerra assoluta 2012-03-23 20:40:09 misu
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
misu Opinione inserita da misu    23 Marzo, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una guerra diversa dalle altre

L’ operazione Barbarossa ovvero l’attacco nazifascista all’ Unione Sovietica del 22 giugno 1941 fu un attacco militare complesso che segnò le sorti del conflitto non solo per la Germania nazista ma anche il futuro dell’Unione Sovietica. In sostanza si verificò uno scontro tra forze terrestri titaniche. Entrambi gli eserciti, la Wehrmacht e l’Armata Rossa, lanciarono nei combattimenti un numero enorme di mezzi e uomini. I combattimenti divorarono uomini e mezzi in gradi quantità e mietendo vittime civili e caduti militari da entrambe le parti.
Lo scontro a est ebbe caratteristiche diverse dalle battaglie combatutte sul fronte occidentale durante la seconda guerra mondiale.
Innanzitutto si trattò di un conflitto ideologico tra due dittature: nazifascismo contro comunismo. A questa cartatteristica bisogna però aggiungere il fattore razzista proclamto da Hitler e cioè l’ annientamento non solo della presenza ebraica ma anche la cancellazione delle popolazioni slave in Europa orientale.
Per Hitler si trattò di una guerra assoluta, la madre di tutte le guerre, quella che avrebbe assicurato al popolo tedesco lo spazio vitale a est necessario per la sua sopravvivenza. Ma anche per Stalin si trattò di combattere una guerra assoluta, un guerra patriottica che avrebbe dovuto salvare non solo la popolazione locale condannata allo sterminio, ma anche avrebbe dovuto proteggere lo stato socialista sovietico in pericolo.
L’aggettivo assoluto presente nel titolo del libro ci da l’esatta descrizione degli eventi sul fronte orientale: guerra assoluta idelogica, guerra assoluta razziale, guerra assoluta di uomini e mezzi messi in campo da entrambi i contendenti, guerra assoluta per i caduti militari , guerra assoluta per le vittime civili, guerra assoluta per le distruzioni recate alle città e villaggi.
L’ autore dunque prende in esame un argomento per sua natura complesso, più volte affrontato da molti storici che però nelle pagine di questo testo storiografico viene affrontato in modo diverso. Infatti il percorso di lettura parte da un punto ben definito: l’esame di due temini esseziali, ( guerra assoluta e guerra tolale )per la comprensione sucessiva delle vicende trattate. A questo punto si affronta il tema delle ragioni e delle conseguenze del patto Ribbentrop-Molotov, per poi passare a rispondere ad una domanda che viene più volte dibatutta dalla storiografia : chi avrebbe per primo potuto attaccare chi? In sostanza Stalin avrebbe potuto attaccare per primo ? L’attacco di Hitler era inevitabile?
Il passo successivo che viene affrontato nel libro è l’attacco, i suoi preparativi, le sue conseguenze , le operazioni militari, la natura dei combattimenti sul fronte,l’analisi del territorio, le ragioni della rapida avanzata della Wehrmacht, le ragioni delle difficoltà iniziali dell’Armata Rossa, gli aiuti anglosassoni all’Armata Rossa, la capcità di reazione dell’Armata Rossa e la sua controffensiva nonché la disfatta della Wehrmacht e il suo ripiegamento verso ovest, la vittoria finale dell’Armata Rossa e il nuovo ordine mondiale scaturito dalla vittoria sui campi di battaglia e dall’accordo con gli angloamericani.
L’autore con maestria include nel testo particolari interessanti e approfodimenti che aprono una nuova luce sugli avvenimenti fornendo nuove ipotesi di lettura degli argomenti trattati. Le tesi espresse dall’autore sono sempre sopportate con riferimentidi di fonti e archivi storici o citazioni ben dostate e messe al putno giusto che però non rallentano la lettura con carichi di dati nozionistici, anzi al contrario, questi intermezzi hanno anche lo scopo di spronare il lettore curioso a ricercare nel testo particolari ancora a lui sconosciuti.
In sostanza abbiamo di fronte un testo storiografico di elevata levatura scientifica chiaramente non di massa, ma scritto in modo tale, da essere comprensibile a chiunque sia interessanto ad apporofondire l’argomento. La complessità dell’ argomento e la mole dei dati veicolati lo rende perciò inadeguato per gli studenti liceali, adatto però per gli studenti universitari come lettura di apporondimento o fonte bibliografica per la stesura di elaborati e tesi.
In conclsuione una lettura sicuramente da affrontare con la dovuta attenzione per poter riflettere sulla guerra e capire la vera dinamica dell’operzione Barbarossa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Si consiglia di leggere libri che trattano la storia dell’URSS e della seconda guerra mondiale, in particolare le vicende sul fronte orientale
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I diciotto anni migliori della mia vita
Tutankhamen
L'origine degli altri
Il tribunale della storia
Memorie dalla Torre Blu
Nulla è nero
Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi
A riveder le stelle
Marco Polo. Storia del mercante che capì la Cina
The Queen. Diario a colori della regina Elisabetta
Margaret Thatcher. Biografia della donna e della politica
L'arte della fuga
Dante
Autunno a Venezia. Hemingway e l'ultima musa
Passione sakura
Effie. Storia di uno scandalo