I maledetti I maledetti

I maledetti

Saggistica

Autore

Editore

Casa editrice

Caravaggio, Van Gogh, Nietzsche, ma anche Kinski e i Rolling Stones, hanno qualcosa in comune: la sregolatezza delle loro vite, la loro irresistibile attrazione per l'abisso e per tutto ciò che comunemente si definisce “male” li rende alieni alla società, personaggi al limite con il diabolico e il proibito la cui essenza è da sempre sintetizzata nella definizione di “maledetti”. La forza negativa che sprigionano le loro vite incuriosisce da sempre lettori di ogni tipo e la versione “censurata” dei maledetti di ogni tempo è nota a tutti. Questo libro, autorevole e mai banale, svela il segreto del fascino esercitato dai maledetti superando ogni luogo comune: l'angoscia, i tormenti, le passioni che animano la loro tormentata esistenza; gli stessi impulsi sopiti dentro ognuno di noi che ci attraggono irresistibilmente verso il lato oscuro, verso “ciò che ci fa rabbrividire”.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I maledetti 2013-07-31 07:24:35 luvina
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
luvina Opinione inserita da luvina    31 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I maledetti

Non è facile recensire un libro come questo, innanzi tutto gli autori sono molti (fra loro nomi come Marcello Veneziani, Marina Valensise, Giordano Tedoldi) quindi lo stile non è univoco ma sono molti anche i personaggi. Infatti che cosa accomuna Caravaggio, Cagliostro, Céline, Evola, Best e i Rolling Stones? Il loro genio naturalmente ma anche la "maledizione" delle loro vite.
Alcuni già li conoscevo e conoscevo le loro vite, altri sono stati per me una sorpresa come per esempio Aleister Crowley, Serge Gainsbourg o Piero Ciampi.
Il libro non è una serie di biografie ma più che altro un insieme di saggi che, trattando l'unicità di alcune vite famose, sostengono l'assunto -il genio va di pari passo con la sregolatezza-. I geni non sono mai persone comuni, sono per lo più estranei al mondo reale (come Dino Campana o Vincent Van Gogh), precursori dei tempi loro malgrado (come Nietzsche o Wilde), portano addosso i segni del disagio mentale, alcuni comportamenti schizofrenici, masochisti, il carattere melanconico, l'epilessia. Sono votati all'autodistruzione con l'abuso delle droghe più disparate ma soprattutto del fumo e dell'alcol.
Alcune di queste vite speciali sono raccontate dagli autori in modo biografico altre sotto metafora di sogno. Questo è in realtà un libro filosofico: tutti questi personaggi sono maledetti per noi (col senno della normalità) non per se stessi perché, quella che hanno vissuto, altro non è che la loro vita, il triste e pesante tributo al loro genio "...visto che proprio la sregolatezza trasforma la vita dell'artista in un'opera d'arte".
La vita dissoluta, sregolata, sofferta è quindi il conto presentato dal grande dono che essi hanno e c'è poi chi la adatta al proprio genio e chi invece la subisce.
Chi sono i geni maledetti in questi nostri tempi? Penso subito a Whitney Houston, ad Amy Winehouse, a Charles Bukowsky, a Vasco Rossi, a Rino Gaetano, a Diego Armando Maradona; non sono filosofi o pittori ma usignoli con una voce stupenda, poeti di versi scritti o in musica, fantasisti unici dello sport che però si sono portati dietro il peso di un dono che a volte può distruggere "....la modernità preferisce coloro che, malgrado il successo, non riescono o non vogliono rinunciare ad annientarsi".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spin
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Later
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sangue inquieto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri