Saggistica Storia e biografie Il cavaliere dei Rossomori. Vita di Emilio Lussu
 

Il cavaliere dei Rossomori. Vita di Emilio Lussu Il cavaliere dei Rossomori. Vita di Emilio Lussu

Il cavaliere dei Rossomori. Vita di Emilio Lussu

Saggistica

Editore

Casa editrice

Il cacciatore, il capocaccia, il reduce, il sardista, il deputato, l'aventiniano, il prigioniero, il confinato, l'esule, lo scrittore, il leader, il ministro, l'oppositore: sono i capitoli della lunga e intensissima vita di Emilio Lussu (Armungia, Sardegna 1890- Roma 1975) nella descrizione di Giuseppe Fiori. Un ritratto a tutto tondo di un eroe, di un politico e di un intellettuale insolito nella storia italiana. Fondatore del Partito Sardo d'Azione, è stato protagonista di tutti i principali avvenimenti di questo secolo: dalla prima guerra mondiale (quattro medaglie al valore) alla lotta armata contro i fascisti; il carcere, il confino e la fuga con Rosselli da Lipari, gli anni di Parigi in Giustizia e Libertà, la diplomazia clandestina tra Marsiglia, Lisbona, Malta, Londra, New York. E poi la faticosa normalità democratica: sempre a sinistra, socialista libertario sganciato dal Partito comunista, autonomista nemico degli independentisti. "Una grande favola epica", come scrive Guglielmi nell'introduzione, che è insieme saggio, racconto e biografia e che riesce a conquistare il lettore anche grazie a una scrittura brillante e coinvolgente.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cavaliere dei Rossomori. Vita di Emilio Lussu 2018-10-21 03:06:29 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    21 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un uomo perbene

Se avete l’ardire di chiedere a un gruppo di studenti chi sia Emilio Lussu, non meravigliatevi se vedrete dei volti con espressioni stupite, o peggio ancora sfuggenti, tipiche di chi non è in grado di dare una risposta. Al più, se si è particolarmente fortunati, può darsi che qualcuno, pescando nella memoria, risponda che si tratta dell’autore di Un anno sull’altopiano, un libro contro la guerra, ma anche in questo caso non potrete mai avere un ritratto, almeno abbozzato, di quest’uomo.
Sì, è certamente l’autore di Un anno sull’altopiano, romanzo assai riuscito tanto da poter essere accostato a Niente di nuovo sul fronte occidentale di Erich Maria Remarque, opere entrambe che si pongono in un atteggiamento critico e costruttivo del fenomeno della guerra in generale, pur partendo dalle diverse esperienze degli autori. A differenza del narratore tedesco Lussu è un protagonista di un secolo, quello trascorso, in cui ha potuto manifestare tutte le sue indubbie qualità di uomo e di politico, sempre in prima persona, sia quando da acceso interventista partecipa alla Grande Guerra, chiaro esempio per i soldati a lui sottoposti, sempre primo nell’affrontare il nemico, sempre ultimo nel retrocedere, tanto da meritarsi, oltre a promozioni sul campo, anche ben quattro medaglie al valore. La guerra, gli scontri, le carneficine forgiano l’uomo Lussu, gli fanno comprendere il senso immane di quella tragedia, indirizzano la sua vita alla difesa delle classi più deboli ed è ciò che farà nel ritorno alla sua Sardegna, organizzando i contadini e i pastori nel Partito Sardo d’Azione, che aveva per emblema i quattro mori. Sono gli anni in cui sorge e impera il fascismo, che trova nello scrittore sardo un fiero e valido oppositore. Lui non si tira mai indietro, affronta di petto i facinorosi e, per legittima difesa, ne uccide uno. Viene prosciolto dal Tribunale, ma i fascisti non sono d’accordo e lo mandano cinque anni al confino, a Lipari, da cui riesce a fuggire rocambolescamente con Rosselli e Nitti. Inizia così il lungo pellegrinaggio da esule all’estero, tanto che rientrerà in Italia solo dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 e si dedicherà anima e corpo alla nuova Italia, a quella che nascerà con la Repubblica e la costituzione, diventando anche ministro, per il Partito Socialista, nei primi governi; uomo di sinistra, ma autonomo da ogni condizionamento esterno uscirà poi dal partito nel 1964, aderendo al Psiup, per ritirarsi definitivamente dalla vita politica nel 1968.
Coerente, mai estremizzante, libertario, Lussu è uno di quei rari uomini che si possono definire “perbene”, ma è anche un acuto osservatore del suo tempo, con quella sua particolare capacità di analizzare fenomeni di grande ampiezza, pur dal suo punto di vista particolare. E allora non è un caso se ha scritto Un anno sull’altopiano, e poi Marcia su Roma e dintorni, sull’avvento del fascismo, e infine La catena, sul consolidamento del regime. A leggere questi libri si apprende parecchio su uno dei periodi più bui della nostra storia e una sua biografia appare quindi, oltre che opportuna, soprattutto doverosa; a ciò ha provveduto, con un’opera di notevole pregio, Giuseppe Fiori, sardo pure lui e ideologicamente vicino a Lussu. L’ambiente, la giovinezza, gli studi, la guerra, il fascismo, la resistenza, la nascita della repubblica, il dopo sono gli argomenti di queste pagine che, nel fornirci un quadro puntuale della storia del nostro paese, tratteggiano in modo esemplare la figura di un uomo che seppe essere tale in ogni frangente, nei momenti di fortuna e in quelli più neri, sempre coerente, mai domo, con lo sguardo proteso oltre gli avvenimenti contingenti, capace di vedere quella nuova Italia che sulle alture dell’altopiano di Asiago, fra scontri e carneficine, aveva cominciato ad abbozzare.
Da leggere, mi sembra ovvio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cavaliere dei Rossomori. Vita di Emilio Lussu 2018-08-12 19:30:38 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    12 Agosto, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Intelligenza politica

Leggere Giuseppe Fiori è una garanzia, certi il piacere della lettura, la completezza delle informazioni, il rigore documentaristico delle sue biografie; dopo quella dedicata a Gramsci è giunta la volta, per me, dell’altra pietra miliare della storia sarda: Emilio Lussu. E non vada oltre, con atteggiamento da snob, chi pensa si tratti di passione regionalistica; qui siamo di nuovo di fronte alla storia italiana, europea, a tratti extraeuropea, che ha caratterizzato il secolo scorso.
La vicenda umana di Emilio Lussu è racchiusa tra il 1890, anno della nascita ad Armungia, paese del Gerrei, sud Sardegna, e il 1975 anno della morte a Roma, in miseria a ottantacinque anni. Una vita intensa che abbraccia i natali presso una famiglia di alto rango, gli studi, la laurea all’alba dell’ingresso dell’Italia nel primo conflitto mondiale, la guerra con la gloriosa Brigata Sassari, il passaggio dall’interventismo alla condanna del conflitto, il disagio del reduce, le prime esperienze politiche, la nascita del Partito Sardo d’azione, il fascismo, l’antifascismo, il confino, l’evasione da Lipari, l’antifascismo all’estero, in perpetuo esilio e in perpetua fuga, l’amore di Joyce, la guerra civile, la Resistenza indipendente durante la seconda guerra mondiale, l’attività di scrittore, la ricostruzione dello stato postfascista, l’attività da parlamentare, la svolta socialista. Un raro esempio di rettitudine, coerenza, intelligenza politica che termina il suo percorso esistenziale proprio quando l’Italia ne avrebbe avuto ancora estremo bisogno.

La biografia è dunque densa di eventi e puntellata di importanti snodi ideologici che permettono di comprendere il pensiero politico di Lussu, le esigenze che lo animano, il contesto storico che lo nutre e lo respinge. Vengono citati, fra gli altri, i romanzi Un anno sull’altipiano e Marcia su Roma e dintorni, e il racconto Il cinghiale del diavolo ad arricchire l’aspetto biografico mentre i saggi chiariscono il pensiero e la sua evoluzione, rendendo il profilo dell’uomo ancora più elevato rispetto all’azione che non certo si risparmiò. In particolare “Tirannicidio e terrorismo”, con la ricusazione di ogni forma di violenza anche contro il tiranno, benché, al di là di ogni ipocrisia, l’impresa di uccidere un dittatore sia moralmente sentita come grande. La capacità di riflettere sul terrorismo come atto politico e di non scinderlo dal mero atto fuorilegge, da evitarsi dunque, oltre alla capacità di intuire la potenza inversamente proporzionale rispetto all’obiettivo primario, il prestigio del dittatore aumentando, rendono la dissertazione una lezione dall’alto valore civile e morale. Utile anche la riflessione contenuta nello scritto “La ricostruzione dello stato”, e la lucidità di pensiero che lo caratterizza teso al rinnovamento di tutta la classe politica all’insegna dello stato democratico e repubblicano. Emerge un pensatore dal grande pragmatismo, poco compreso dai contemporanei, capace di analizzare il fenomeno italiano del comunismo e di sorridere dell’“anticomunismo epilettico”, così lo definiva, che non permetteva aperture ideologiche ai socialisti. Il socialista più comunista che si sia mai visto, guai però a chiamarlo tale, arriva ad abbandonare il Psi, già aveva lasciato il Psdaz, non accettando la scelta di Nenni di collaborare con la Dc. Coerente fino alla tomba.
Ottima lettura, per tutti e per ogni tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Vita di Gramsci
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri