Saggistica Storia e biografie Il cecchino e la bambina
 

Il cecchino e la bambina Il cecchino e la bambina

Il cecchino e la bambina

Saggistica

Editore

Casa editrice


"Incontrammo Amira alla fine del giro degli avvoltoi, quello che noi inviati facciamo quando, a corto di notizie, dobbiamo comunque mettere in piedi un servizio. Indossava un abitino azzurro con disegni piccoli. Sembrava sorridesse ma era immobile, fredda e grigia come il letto di metallo su cui era stesa, nella morgue dell’ospedale. Il cecchino l’aveva colpita appena era uscita dal cortile a raccogliere la sua palla, sotto gli occhi inorriditi degli amichetti". Così, ancora attonito, Franco Di Mare rievoca un servizio fatto a Sarajevo nell’ormai lontano 1992. È solo il primo dei suoi tanti ricordi di inviato nelle zone calde del pianeta, dall’Iraq al Kosovo, dal Libano al Ruanda, dall’Algeria all’Afghanistan, passando per la Somalia e il Mozambico.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cecchino e la bambina 2009-06-14 14:25:25 Sandra Cervone
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Sandra Cervone    14 Giugno, 2009

Un libro sicuramente da leggere!

"Il cecchino e la bambina" di Franco Di Mare è un bel libro... Anzi un libro drammaticamente bello! E per "bello" intendiamo ovviamente "pieno", "vero", terribilmente reale... Una fotografia ben fatta (perchè fedelissima) di realtà orrende...guerra, sopraffazione, egoismo bestiale... La tentazione sarebbe quella di nasconderle queste brutte realtà... e invece è sempre utile mostrarle (e pure con la giusta maestria!), senza tradire lo squallore e la tristezza di storie al limite, purtroppo accadute.... Quotidianamente vissute e consumate nelle solitudini più nere... Storie di morte e di dolore. Di pianto e di miseria. Di sforzi sovrumani e di distruzioni istantanee. Ci vogliono tempo e pazienza per costruire, attimi e superficialità per distruggere. Per ammazzare, umiliare, calpestare. Leggendo queste storie, quindi, ci rendiamo conto di quanto fragile sia il confine tra Bene e Male, di quanto sia inutile tentare di giustificare l'utilizzo della violenza per mascherare veri e propri egoismi collettivi, riconducibili semplicemente alla pura bestialità. Ci rendiamo conto di quanto il Male arrivi ancora ad affascinarci, a tentarci, nonostante secoli di Cristianesimo, nonostante i mille buoni propositi di Pace universale, di costruzione del Bene comune... Affascinati -scrive Di Mare- come quando guardiamo il "buio senza fondo di un abisso, incapaci di staccarci dall'orlo del baratro". E di baratro davvero si tratta, visto che l'odio, la violenza, l'egoismo non potranno che annientare il Mondo... Cos'è quella "forza mostruosa che riesce a trasformare un uomo qualunque in uno spietato criminale"? Eppure, in questo mare desolato e desolante di brutture, non mancano certo scintille di luce, di speranza, di pace... Voci flebili, piccoli sorrisi, cuori generosi, grandi insegnamenti. Quelli di chi, nonostante tutto, sa ancora scegliere da che parte stare. Come Malika, la donna algerina che "insegnava alle sue allieve che non bisogna abbassare mai lo sguardo e che bisogna resistere" ; come le sue due nipotine, barbaramente sgozzate perchè andate a scuola senza il velo, come la piccola Amira, colpita a morte da un cecchino a Sarajevo mentre rincorreva la sua palla in un cortile... come le tantissime persone che ogni giorno, "in diverse parti del Mondo, combattono battaglie enormi semplicemente per affermare diritti elementari, come quello all'educazione, al lavoro, all'uguaglianza, alla vita stessa". Battaglie che "si compiono, si perdono e si vincono con piccoli, grandi gesti". E' questa "vita dentro la guerra" che permetterà di sopravvivere e di superare l'orrore stesso? Quanti altri innocenti dovranno morire perchè cessi la violenza atroce e si torni finalmente a costruire un futuro più degno? Interrogativi inquietanti, quindi, episodi sconvolgenti: un libro di storie, di flash surreali e scenari terrificanti per dire "basta!" e per cogliere con commozione quelle luci che pure brillano ed hanno brillato in zone "calde" del Pianeta: dall'Iraq al Kosovo, dal Libano all'Afghanistan, dalla Somalia al Mozambico...

Grazie Franco! Grazie perchè la VERITA' va urlata. E tu la urli...senza strafare... semplicemente comunicando le tue sensazioni e rivelandoci una grande umanità, oltre che una professionalità impeccabile. Un libro da leggere. Per non dimenticare. E per domandarsi ogni giorno quale Mondo vogliamo vivere, quale FUTURO costruire. (Sacer)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
52
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri