Saggistica Storia e biografie Il sangue del Sud
 

Il sangue del Sud Il sangue del Sud

Il sangue del Sud

Saggistica

Editore

Casa editrice

Il 150° anniversario dell'Unità d'Italia è un'occasione per sfatare alcuni luoghi comuni che da sempre orientano il giudizio dell'opinione pubblica. Giordano Bruno Guerri si chiede allora provocatoriamente se il Risorgimento, invece che un movimento di massa voluto dal popolo, non fu piuttosto una campagna di conquista del Regno sabaudo. Per combattere la ribellione delle popolazioni meridionali all'annessione forzata, l'esercito del neonato Regno d'Italia applicò una spietata e violenta repressione, causando almeno cento mila morti e crudeltà feroci da entrambe le parti. In questa documentata "antistoria d'Italia" - nelle cui pagine Cavour non mette mai piede a Roma, e Massimo d'Azeglio, dopo aver affermato pubblicamente "fatta l'Italia bisogna fare gli italiani", confessa in privato che "unirsi con i napoletani è come giacere con un lebbroso" - Guerri fornisce un contributo rigoroso e stimolante che aiuta a capire perché "la prima guerra civile italiana", pur lontana nel tempo, rende tuttora complicato il percorso di rinnovamento politico e civile della nazione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuti 
 
4.0  (3)
Approfondimento 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il sangue del Sud 2013-01-23 18:52:04 antares8710
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
antares8710 Opinione inserita da antares8710    23 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vera storia dell'Unità d'Italia

Finalmente da qualche anno a questa parte stiamo assistendo a un nuovo fenomeno storiografico che punta a rivedere molte convinzioni che abbiamo sull'Unità d'Italia e la lotta al brigantaggio. Il libro di Giordano Bruno Guerri, appartiene a questo filone storiografico che, grazie ad una ricca ed analitica esposizione di documenti storici, sta pian piano rendendo giustizia a quel fenomeno complesso e sfaccettato che spesso viene ricondotto sotto il nome di brigantaggio. Ma veramente l'Unità d'Italia rappresentò la vittoria dei "buoni" sui "cattivi" briganti? E' vero che, come spesso viene insegnato nelle scuole, il Meridione ha tratto solo vantaggi dall'Unità? Non sarebbe meglio, invece di parlare di processo di unificazione di un Paese, trattare l'Unità d'Italia come un'occupazione militare da parte dei Savoia?

Il libro cerca di rispondere a queste domande nel modo più esaustivo possibile e devo dire che ci riesce molto bene. L'autore affronta argomenti, alcuni anche molto forti, accompagnati da fonti storiche attendibili e certe, cercando di ricostruire la vera storia del brigantaggio e cercando di capire soprattutto chi fossero i briganti, senza farne un santino. Pochi sanno ad esempio che tra i briganti, pur essendoci una buona percentuale di delinquenti comuni, molti erano mossi da ideali patriottici e libertari. Furono molti i briganti che si dettero alla macchia per combattere quelli che consideravano degli invasori, che ingiustamente avevano usurpato il trono del Re. Il Regno delle Due Sicilie, con tutte le sue contraddizioni e miserie, fu vittima di una vera e propria invasione da parte dell'esercito piemontese. Invasione che poi la storiografia ufficiale farà passare per unificazione...

Il libro appare, come dicevo, ben documentato e ben strutturato. E' apprezzabile il tentativo da parte dell'autore di scrostare quella patina di buonismo e luoghi comuni che accompagna da sempre l'idea dell'Unità d'Italia e dei piemontesi "portatori di civiltà". La lettura è scorrevole e piacevole come un romanzo. Se si ha una passione per la storia (come nel caso del sottoscritto) e si vuole cercare di capire un pò meglio un periodo storico per certi versi ancora oscuro, questo libro è l'ideale.
Io mi sono appassionato molto a questo libro: pur non essendo meridionale, devo dire che leggendo questo libro ho sentito dentro di me un senso di indignazione e di ingiustizia verso quello che hanno dovuto subire le popolazioni del Sud Italia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Terroni di Pino Aprile
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sangue del Sud 2011-08-31 17:08:13 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    31 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Briganti...come non si erano mai letti

Già il titolo la dice tutta(Antistoria..)
poi scritto da un personaggio anti...conformista come Guerri fa sì che il libro sia una bella analisi di un determinato e importante periodo storico
visto in una prospettiva nuova e stimolante.
Sarebbe facile per me prendere posizioni(ideologiche) nette
ma non lo faccio
così come non lo feci per il libro Terroni di P. Aprile(si può constatare qualche post più indietro)
quello che m'interessa è esternare sensazioni condivisibii o no
e soprattutto punti di vista.
La cosa che mi ha più colpito di questo bel saggio storico
che ripercorre nomi, luoghi e situazioni del nostro Risorgimento
è l'analisi psicologica e comportamentale di esponenti di spicco di quell'epoca
quasi sempre ai più sottaciuti o celati , per dirla francamente spesso e volentieri non se n'è mai parlato
se non in termini più che dispregiativi
sto parlando dei..."briganti".
Bravo Guerri ad entrare nell'animo e poi succesivamente nella gesta di queste persone,
descrivendo i perché e i percome tanti si davano alla macchia e conducevano stili di vita pari solo alle bestie pur di non sottostare o sottomettersi ai nuovi padroni(i Savoia).
Non mancano naturalmente in questo testo le decrizioni di personaggi che bene o male chi più chi meno conosce direi benissimo(i Garibaldi, i Cavour, i Mazzini etc)
ma queste pagine su di me non è che abbiano suscitato chissà quali interessi o emozioni.
Bel testo
da promuovere senz'altro

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
testi che parlano di quelle storie spesso sottaciute e non proprio facili da esternare
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sangue del Sud 2011-07-13 08:10:38 Giovanni Baldaccini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Giovanni Baldaccini Opinione inserita da Giovanni Baldaccini    13 Luglio, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'elogio della bestialità


Guardando la ragazzina armata raffigurata nella copertina del libro, non si può evitare di rammaricarsi di un inganno, che la finta ferocia degli occhi esprime; di una mancanza, per quell'intensità perduta. Difficile rimanere insensibili nel corso della lettura; il libro infatti ci immette in una delle pagine più turpi, disgustose e prive di senso, tra le tante di cui l'esercito piemontese si è reso protagonista.
L'Italia è unificata e il Regno delle due Sicilie non esiste più. Esiste però un popolo che si ribella, che non accetta la fredda insensibilità degli invasori, la loro totale incapacità di cogliere la realtà dei luoghi occupati e dell'anima delle popolazioni che li abitano. Solo noncuranza, sfruttamento, regole ferree ed estranee; pretese senza concessioni, spesso rapina: questo ciò che offre il nuovo padrone. Quelle popolazioni reagiranno e si comporteranno come di fronte a un esercito invasore, organizzando una disperata resistenza nel tentativo di ricostruire l'ordine perduto. Non volevano rubare: volevano il loro re. Quel moto spontaneo fu però etichettato come brigantaggio e in tal modo svilito a livello di delinquenza comune: ladri, tagliagole, bestie selvagge da abbattere senza pietà. E certamente da queste pagine la pietà è assente, se guardiamo quei corpi straziati, violentati, massacrati e poi esposti a monito perenne. Questa la fine di molte figure straordinarie che il libro abitano. Tra queste, molte figure femminili, difficili in ogni caso da dimenticare. Se ne potrà dare il giudizio che si vuole perché nessuno può negare che alla violenza si sia risposto spesso con la violenza. Quali le bestie? A mio avviso quelle in divisa erano davvero tali; quelle braccate lo diventarono per necessità. Nessuno ne esce bene: nemmeno il lettore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I diciotto anni migliori della mia vita
Tutankhamen
L'origine degli altri
Il tribunale della storia
Memorie dalla Torre Blu
Nulla è nero
Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi
A riveder le stelle
Marco Polo. Storia del mercante che capì la Cina
The Queen. Diario a colori della regina Elisabetta
Margaret Thatcher. Biografia della donna e della politica
L'arte della fuga
Dante
Autunno a Venezia. Hemingway e l'ultima musa
Passione sakura
Effie. Storia di uno scandalo