Saggistica Storia e biografie L'archivio segreto di Mussolini
 

L'archivio segreto di Mussolini L'archivio segreto di Mussolini

L'archivio segreto di Mussolini

Saggistica

Editore

Casa editrice

Tangenti, concussioni, scandali sessuali, denunce anonime e intercettazioni telefoniche. La vita segreta del ventennio esaminata dal noto storico e biografo Arrigo Petacco sulla base dei dossier riservati custoditi nell'archivio privato di Mussolini. Uno sguardo indiscreto sulla storia del fascismo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'archivio segreto di Mussolini 2016-11-11 07:08:04 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    11 Novembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vizi privati e pubbliche virtù

Ogni dittatore, nessuno escluso, diffida, oltre che dei nemici, anche e soprattutto degli amici, di chi sta intorno a vario titolo e che potrebbe rivelarsi all’improvviso per uno che desidera soppiantarlo. Benito Mussolini lo sapeva bene e non era quindi un caso che ricorresse ai servizi dell’OVRA, la polizia segreta fascista, per documentarsi dei comportamenti degli altri gerarchi, in modo da renderli facilmente ricattabili. Il duce era anche un uomo ordinato e pignolo e, oltre a conservare i rapporti degli agenti segreti, non buttava via niente, né le lettere dei numerosi postulanti, né documenti apparentemente banali come lettere di invito a cena. Alla sua caduta nel luglio del 1943 questa immensa mole di dati sparì, per poi essere ritrovata nel settembre dello stesso anno alla Stazione di Milano. Nulla vieta di supporre che nel tragitto ne siano venuti a mancare, come è anche certo che, finita la guerra, siano stati consegnati all’archivio di stato, dove Arrigo Petacco li ha potuti visionare. Certamente mancano quelli che Mussolini portò con sé nella sua vana fuga verso il confine svizzero e che, finiti in mano ai partigiani che lo catturarono, si volatilizzarono. Si mormora anche oggi che si trattasse del carteggio intercorso fra Churchill e Mussolini, ma sembra si tratti di pure illazioni, anche se ad aggiungere mistero a mistero vi è da ricordare il lungo soggiorno dello statista britannico, dopo l’aprile del 1945, sulle rive del lago di Como. Forse si trattò solo di una meritata villeggiatura, ma è una ben strana coincidenza. Data la mole della documentazione Petacco ha dovuto fare una scelta e, a mio avviso, ha scritto di ciò che potrebbe sembrare al lettore di particolare interesse, il tutto con ampie riflessioni personali che non mancano di un pizzico di sana ironia. Non poteva mancare un dossier su Achille Starace, segretario per un lungo periodo del partito, una sorta di macchietta vituperato non solo dagli antifascisti, ma anche dai suoi camerati. Eppure, quest’uomo fascistizzò il modo di vivere degli italiani, con assurde disposizioni quali quella di sostituire al “lei” il “voi”, di italianizzare tutti i nomi di origine straniera, con risultati spesso esilaranti, come nel caso di Eden, insegna di non pochi teatri, cinema, bar e alberghi, un “paradiso” in latino che lo zelante funzionario credeva un termine in inglese, visto che così si chiamava anche il ministro degli esteri britannico. E poi il sabato fascista, le divise, insomma una sorta di baraccone carnevalesco che come come un mago Starace tirava fuori dal suo cilindro, previa autorizzazione beninteso di Mussolini. Pure interessanti sono i vizi privati, contrapposti alle pubbliche virtù, di gerarchi come Balbo e Farinacci e altri, né poteva mancare la corrispondenza amorosa fra Benito e Claretta. Sta di fatto che leggere i documenti di questo archivio, pur con i dovuti distinguo fra un’epoca dittatoriale e l’attuale democratica, ci si accorge che, fra chi tiene le leve del potere, il vizio imperante è quello della corruzione, cosicché si può parlare di una tradizione a cui non si vuol rinunciare. E se é vero che forse Mussolini scappando non portava con sé valori ingenti, è altrettanto vero che la numerosa famiglia, compresi i parenti acquisiti, batteva spesso cassa e in parte veniva soddisfatta, beninteso con i soldi dello stato.
Il libro é assai piacevole e non sono rari i casi in cui si sorride o addirittura si ride, soprattutto quando si legge di gente come Farinacci, il ras di Cremona, considerato un duro, laurearsi in legge con una tesi copiata interamente da un’altra o impuntarsi, sbraitare, insomma fare dei capricci quasi come un bimbo per ottenere medaglie al valore per azioni eroiche del tutto inventate. É forse allora che si comprende come l’Italia fascista fosse uno stato di operetta, soggiogata a tantissimi pagliacci; peccato che poi si sia passati dalla farsa al dramma, ma ciò era inevitabile quando chi comanda ha una smisurata vanità e ben poco cervello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I saggi storici e le biografie di Arrigo Petacco
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri