Saggistica Storia e biografie La battaglia di Verdun
 

La battaglia di Verdun La battaglia di Verdun

La battaglia di Verdun

Saggistica

Editore

Casa editrice


Combattuta fra il 21 febbraio e il dicembre 1916, quella di Verdun è «la» battaglia del fronte occidentale. In realtà non decise nulla, né da una parte né dall’altra. Resta un mistero perché i tedeschi abbiano deciso di sferrare l’attacco in quel punto di dubbia rilevanza strategica, e per quali logiche infernali tedeschi e francesi in dieci mesi vi abbiano immolato centinaia di migliaia di uomini. Eppure, con la sua immagine di battaglia più lunga e più sanguinosa della Prima guerra mondiale, Verdun è diventata, assai più di altre decisive battaglie, emblematica e leggendaria, come lo sarà Stalingrado per la Seconda. Originale e innovativo, questo libro intreccia storia militare, politica e culturale, per dare conto sia dei fatti sia della costruzione del «mito Verdun».

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuti 
 
3.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La battaglia di Verdun 2015-08-28 14:58:51 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    28 Agosto, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno scontro inutile

Nel corso della prima guerra mondiale furono combattute grandi battaglie sul fronte occidentale, ma la più conosciuta è quella di Verdun, uno scontro che vide contrapposti francesi e tedeschi in un periodo di tempo che va dal 21 febbraio 1916, allorché i secondi scatenarono un’offensiva con un bombardamento di artiglieria quale si era mai visto fino ad allora, e il dicembre dello stesso anno, dieci mesi di attacchi e contrattacchi che si conclusero con un nulla di fatto, ma con immense perdite da ambo le parti (400.000 uomini circa per i francesi, 355.000 per i tedeschi). Fu senz’altro una battaglia insensata, poiché Verdun non rappresentava un obiettivo strategicamente importante, eppure fu combattuta come se dal suo esito dipendessero le sorti del conflitto, e in un certo senso questo stillicidio di morte ebbe il suo peso, poiché fu uno dei motivi per cui gli Stati Uniti decisero di entrare in guerra l’anno successivo.
Paul Jankowski, professore di storia nella Brandeis University del Massachusetts, ha affrontato la spinosa questione di dimostrare l’inutilità di questa lunghissima battaglia e lo ha fatto con questo libro intitolato appunto La battaglia di Verdun. Se non ho nulla da obiettare sui concetti espressi devo pur tuttavia rilevare una grevità non trascurabile che, anziché portare il lettore a un suo progressivo interesse, finisce con rendergli faticosa, se non difficile o addirittura opprimente la lettura. Il ribadire di continuo il suo giudizio iniziale, pur supportandolo via via con nuovi elementi, finisce per inaridire l’esposizione, per far dimenticare le sofferenze delle centinaia di migliaia di soldati che combatterono. Un tecnicismo quindi eccessivo, qualche ragionamento logorroico finiscono con il disturbare chi si attende, oltre certamente al tentativo di pervenire una verità, una vena di pietà, tanto più necessaria ove si tenga conto che al tanto, troppo sangue versato non si contrappose un esito determinante. Certamente è possibile dire che ne uscirono vincitori i francesi, perché riuscirono a respingere gli attaccanti, ma è altrettanto vero che forse le ragioni di questa insensatezza sono da attribuire ai due comandanti supremi, rispettivamente Erich von Falkenhayn per i tedeschi e Joseph Joffre per i francesi; entrambi, guarda caso, sostituiti al termine della battaglia. Approfondimenti in tal senso sulla personalità di questi generali sarebbero stati quindi doverosi, conoscerne la personalità, i pregi e i difetti avrebbero potuto costituire una spiegazione definitiva degli scopi della battaglia, ma così non è stato, ed è un peccato perché si è persa l’occasione per smitizzare Verdun, divenuto per i francesi un simbolo dell’eroismo nazionale, da onorare e ricordare, sebbene di certo sia anche un emblema della stupidità strategica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri