Saggistica Storia e biografie Nazisti in fuga
 

Nazisti in fuga Nazisti in fuga

Nazisti in fuga

Saggistica

Editore

Casa editrice

Com'è stato possibile che tanti criminali nazisti siano fuggiti dall'Europa dopo la Seconda guerra mondiale? La loro scomparsa ha alimentato le ipotesi più fantasiose. Arrigo Petacco ricostruisce le reali vicende di questi terribili aguzzini attraverso un racconto ricco di retroscena. La loro fuga fu favorita dalla Guerra fredda che indusse le potenze occidentali a chiudere in fretta i conti con il passato. In un groviglio di inconfessabili interessi che coinvolgeva la CIA e il Vaticano, numerosi scherani del Reich trovarono ospitalità in Sudamerica o nei Paesi arabi. Fra intrighi spionistici, ricatti, tradimenti, gerarchi travestiti da francescani e catture romanzesche, viavai di navi e sommergibili carichi di fuggiaschi e di tesori trafugati, Petacco rievoca in tutta la loro portata gli orrori della Shoah mettendo al tempo stesso in guardia dai fantasmi sempre incombenti dell'antisemitismo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nazisti in fuga 2016-07-11 03:33:02 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    11 Luglio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Complicità insospettabili

L’attempato signore della foto di copertina, dall’aria mite e che sembra un contabile, è invece uno dei più famigerati criminali nazisti, responsabile dei trasporti che hanno consentito la “soluzione finale”. È troppo noto perchè non abbiate potuto riconoscerlo, se non altro per l’ardita operazione che consentì ai servizi segreti israeliani di prelevarlo in Argentina, di portarlo in Israele, dove subì un processo conclusosi con la sua condanna a morte, regolarmente eseguita. Sì, è proprio lui, l’ex colonnello delle SS Adolf Eichmann. Come era riuscito alla fine della guerra a scampare alla cattura, rifugiandosi nella compiacente Argentina? E in che modo tanti altri criminali nazisti poterono fuggire, per approdare nell’America del Sud, o in Egitto, o in Siria o in Libano?
Di questa fuga, per nulla disorganizzata, parla questo libro di Arrigo Petacco. Emergono così, non come illazioni, ma come verità tanti complici, alcuni dei quali del tutto insospettabili. Finita la guerra già se ne profilava un’altra, che per fortuna fu solo fredda, cioè incruenta, fra gli alleati occidentali e l’Unione Sovietica, che, nonostante gli accordi presi a suo tempo a Yalta, non vedeva l’ora di estendere il suo dominio dall’Europa orientale a quella occidentale.
E poiché machiavellicamente il fine giustifica i mezzi ci fu chi intendeva avvalersi dell’esperta collaborazione degli ex nazisti, per certo anticomunisti. Così alcuni criminali furono protetti dalla CIA, altri, la maggior parte, trovarono un aiuto fattivo nella chiesa cattolica, approdando prima a Roma, dove cambiavano identità, grazie a un nuovo passaporto, per andare a Genova e imbarcarsi per l’America Meridionale. Poiché l’apparato nazista già nutriva seri dubbi fin dal 1942 su una vittoria del Reich, fu predisposto un complesso piano di fuga, furono trovati i compiacenti rifugi definitivi (in Argentina non era un mistero che il populista Peron nutrisse simpatia per il nazionalsocialismo), approntando anche i fondi necessari, non solo per l’itinerario da seguire per sfuggire alla cattura, ma per potersi ricreare una bella vita in un porto sicuro, magari da lì riprendendo il sogno pazzesco di Hitler di sottomettere il mondo. Con tanta abbondanza di mezzi, implementata anche dalle razzie nei paesi occupati, è difficile credere che l’obolo di San Pietro non ne abbia beneficiato e che magari qualche alto prelato non abbia teso la mano solo per un aiuto disinteressato. Meno probabile è che la CIA abbia approfittato di questi fondi, mentre è pressoché certo che alcuni regimi sudamericani si siano non poco ingrassati. A Petacco preme, più che approfondire il tema dei fiancheggiatori, fornire un quadro generale affinchè si sappia come fu che i più grandi criminali della storia finirono i loro giorni sereni e beati. Ricorrono nomi che fanno rabbrividire, come quello dell’angelo della morte, il famigerato Dott. Mengele, appunto di Adolf Eichmann, un grande esperto in spedizioni, o il grande cacciatore di ebrei Alois Brunner, che peraltro era un mezzo ebreo; peraltro, Petacco non fa mancare un capitolo dedicato alla storia dell’antisemitismo, pagine che sono importanti anche per comprendere come mai ancor oggi ci siano, in diversi popoli, gruppi che vedono l’ebreo come l’origine di tutti i mali, come responsabile delle loro sfortune.
Se è vero che grazie a una scrittura snella e a una struttura ben equilibrata il libro si legge come un thriller, anche se invece è un saggio storico, è ancor più vero che aiuterà non poco l’attuale generazione a comprendere come l’aberrante teoria della razza superiore possa portare solo a infamie e lutti, nonché a sapere che se il crimine dell’Olocausto è il più grande di tutti, non deve essere considerato da meno di quello commesso da chi aiutò e ospitò i nazisti in fuga.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri