Saggistica Storia e biografie Roma nell'età della Repubblica
 

Roma nell'età della Repubblica Roma nell'età della Repubblica

Roma nell'età della Repubblica

Saggistica

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Roma nell'età della Repubblica, saggio di Jehne Martin edito da Il Mulino. Roma dalla cacciata di Tarquinio il Superbo alla morte di Giulio Cesare. Dal sesto al primo secolo a.C., la parabola della repubblica romana da entità regionale a grande potenza proiettata verso la conquista e l'assoggettamento dell'intero bacino del Mediterraneo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
2.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Roma nell'età della Repubblica 2009-11-10 12:34:02 Cincinnato
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
2.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Cincinnato Opinione inserita da Cincinnato    10 Novembre, 2009
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La seconda morte dei Gracchi

Dalla lettura del libro "Roma nell'età della Repubblica" del prof. Jehne non possono non notarsi due aspetti: da un lato, la precisione e l'accuratezza con le quali l'autore descrive, in ordine rigorosamente cronologico, gli eventi storici e, soprattutto, le battaglie; dall'altro, la faziosità con la quale vengono tinteggiati alcuni personaggi. In particolare, i Gracchi appaiono populisti e demagoghi, esclusivamente interessati alla propria carriera politica; alcun accento viene posto sull'importanza storica delle riforme agrarie proposte dai due fratelli e le ripercussioni che avrebbero avuto nella società romana se fossero state applicate. In secondo luogo, quanto al rapporto Mario-Silla, l'autore non fa riserve nell' assimilarsi ad un sillano post-litteram; evidenziando, pertanto, una predilezione affettiva nei confronti di condottieri autoritari ed esasperatamente decisionisti.

In conclusione, il testo può essere considerato un buon "bignami" della Roma repubblicana da leggere cum grano salis, cogliendone, più che altro, l'aspetto della storiomachia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri