Saggistica Storia e biografie Tappe della disfatta
 

Tappe della disfatta Tappe della disfatta

Tappe della disfatta

Saggistica

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Tappe della disfatta, opera di Fritz Weber edita da Mursia. La Grande Guerra raccontata dall'altra parte delle linee, quella dei nemici austriaci. A descrivere le carneficine degli attacchi in massa, il terrore dei bombardamenti e l'inferno della trincea è un tenente d'artiglieria che in quei lunghi mesi visse le fasi alterne del conflitto su tutti i settori del fronte italiano. Un'opera di grande valore storico che, nello stesso tempo, rispecchia gli effetti emotivi di un'esperienza sconvolgente, fatta di sudore e sangue, coraggio e rassegnazione. Dagli altopiani dell'Isonzo al Pasubio, da Caporetto all'ultima offensiva sul Piave del giugno 1918, la dimensione autobiografica si dilata per coinvolgere il destino di centinaia di migliaia di uomini. Tutti uguali nell'orrore, tutti vittime del fuoco che brucia le nazioni.

Fritz Weber (1895-1972). Altre sue pubblicazioni, edite tutte da Mursia, sono "Guerra sulle alpi" e "Dal Monte Nero a Caporetto".

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tappe della disfatta 2013-04-08 15:58:33 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    08 Aprile, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dall'altra parte del filo spinato

La prima guerra mondiale vide direttamente impegnati, l'uno contro l'altro, il Regno d'Italia e l'Impero d'Austria, quest'ultimo anche pesantemente coinvolto nel conflitto con la Russia zarista.
C'è un'abbondante storiografia italiana riguardante quella che fu chiamata "La Grande Guerra" , pubblicazioni di abbastanza facile reperibilità nelle librerie; meno facile è trovare qualche opera della parte avversa, degli sconfitti, e in tal senso c'è da ringraziare la Casa Editrice Mursia che ha dato alle stampe tre volumetti di Fritz Weber, di cui uno oggetto della presente disamina.
Il valore di "Tappe della disfatta" sta soprattutto nel fatto che il suo autore racconta la sua esperienza diretta in questo immane conflitto; tenente di artiglieria, operò su tutti i settori del fronte: dagli Altipiani di Folgaria e di Lavarone a quelli dell'Isonzo, dal Pasubio a Caporetto, fino all'ultima fallita offensiva sul Piave.
Lo stile, sobrio, ma avvincente, fa rivivere nel lettore grandi eventi e la vita di ogni giorno di questi nostri nemici che certamente penavano al pari de nostri soldati, verso i quali l'autore ha parole da avversario, da contendente equilibrato, mettendo in luce le pecche, che non erano poche, dei nostri alti comandi, ma evidenziando un rispetto profondo per noi italiani.
Ci sono pagine che fanno rabbrividire e altre che muovono alla commozione, ma su tutto emerge chiara l'insensatezza di un conflitto come risoluzione dei problemi.
Non ha forse il carisma di "Niente di nuovo sul fronte occidentale", più romanzo, per quanto stupendo, ma riesce a delineare con un'efficacia incredibile il quadro di una guerra
crudele e le fasi del disgregamento di quello che fu il grande impero austro-ungarico.
Per quanto ovvio, nel descrivere gli eventi si avverte lo spirito di parte, ma non trascende mai e, soprattutto, non stravolge le verità.
Per gli appassionati di storia della prima guerra mondiale sono dell'idea che questo libro sia imperdibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri