Luna Luna

Luna

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Luna, opera di Lomax edita da Colombo. Furio Vigna, impiegato al Ministero per lo Sviluppo Economico, è un uomo già in avanti con gli anni. Divide la sua vita grigia e monotona tra una moglie un po’ burbera che ama profondamente e un ambiente di lavoro deprimente, dove una raccomandazione è il solo modo per fare carriera. Ma le cose stanno per cambiare. Un’incredibile scoperta getterà l’esistenza di Furio in un vortice convulso di eventi inspiegabili, coinvolgendolo in qualcosa di folle che ha le sue origini nell’alba dei tempi. Fantascienza e ironia si rincorrono senza tregua tra le pagine di questo romanzo, generando un’atmosfera in bilico tra gli esilaranti racconti di un Jacques Spitz e le tinte fosche di “Ai confini della realtà”.

Lomax, palermitano, ha 39 anni e vive ad Anzio. Svolge a Roma l’attività di funzionario per un’azienda dello Stato. Luna è il suo primo romanzo.

Recensione della Redazione QLibri

Voto medio dell'autore: 2 user(s)

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)

 
Luna 2012-10-24 12:09:53 cuspide84
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    24 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

THE DARK SIDE OF THE MOON

Il protagonista di questa fantascientifica storia è Furio, uomo di mezza età, sposato con Ilenia, con cui condivide la passione per l'opera lirica e i frequenti battibecchi che caratterizzano la loro routine matrimoniale; vive a Roma, nel quartiere EUR, e lavora da anni come “galoppino” al Ministero per lo Sviluppo Economico; gli piace il suo lavoro e lo fa anche bene, ma sono anni ormai che si è visto passare davanti tanti giovani raccomandati che con la giusta spintarella (essendo semplicemente figli di, mariti di, nipoti di), sono riusciti ad arrivare laddove lui non riuscirà mai ad arrivare, essendo parente di nessuno, se non di se stesso. Questa cosa lo logora da tempo, ma ha imparato a conviverci, a dire la propria opinione al proprio capo (uno dei raccomandati che si è visto passare magicamente avanti), con tranquillità, con sincerità, ma anche con pungente ironia.
Le cose nella sua vita iniziano a cambiare quando, sulla spiaggia sassosa di Anzio, ritrova una strana pietra nera, perfettamente tonda, senza un graffio e fredda, così tanto che non si scalda nemmeno tenendola in mano per lungo tempo! Furio è inspiegabilmente attratto da questo strano sasso, lo tiene sempre in tasca, come se fosse una reliquia e ne cerca un contatto ogni volta che può, come se ne fosse ossessionato, ma non ne parla con nessuno, nemmeno con quella “vecchia capra” di sua moglie (come la apostrofa durante i loro bisticci).
Ma quell'oggetto è destinato a cambiare notevolmente la sua vita e non solo... cosa nasconde? E' una semplice pietra nera o qualcosa di più? Riuscirà Furio a capire il suo significato, il suo valore o quant'altro essa possa significare?

E la luna cosa centra vi chiederete? Beh non posso di certo dirvelo o vi racconterei tutto il libro!
Questo piccolo libricino di appena 133 pagine si è rivelato meglio di quanto mi aspettavo; temevo fosse un racconto di fantascienza difficile da seguire e altamente noioso, ma non è niente di tutto questo: è un racconto che si, ha a che fare con la fantascienza, ma non è incentrato su di essa e proprio per questo si legge molto velocemente, risultando una breve storia piacevole. Nel racconto si parla, seppur di sbieco, di un problema molto diffuso in Italia, ovvero quello dei raccomandati: ovviamente è un argomento inserito nel testo come sfondo della vita lavorativa di Furio, pertanto non viene approfondito, ma semplicemente reso noto come un dato di fatto.
I protagonisti, nonostante non descritti alla perfezione, si riescono a delineare ugualmente grazie ai dialoghi, alla loro vita quotidiana e al loro modo di affrontare i problemi che si presentano giornalmente. Insomma è un libricino adatto a chi cerca in intermezzo non troppo impegnativo!
Ringrazio la redazione di Qlibri per avermi dato l'opportunità di leggere questo romanzo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi vuole leggere un libricino che sia un piacevole intermezzo non troppo impegnativo!
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Luna 2012-02-24 17:00:26 Dilo
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Dilo Opinione inserita da Dilo    24 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Luna

Un libro con delle potezialità incredibili, solo quelle però.
Potrebbe essere ironico, ma ci sono soltanto degli accenni di ironia.
Potrebbe essere un romanzo sociale ma non lo è, perché non aggiunge nulla di nuovo alla solita italietta dei raccomandati e lo fa in modo che non riesce neanche a farti arrabbiare, accetti la cosa così come il protagonista accetta la sua condizione. Non ci sono sentimenti veri, e lo scrittore non riesce a trasmettere al lettore alcuna sensazione. Potrebbe essere un libro fantascientifico, ma non ci riesce per nulla...e quello che dovrebbe essere il colpo di scena, non è nulla di che...viene capito dal lettore molto prima che lo scrittore lo spieghi.
Il romanzo è abientato a Roma e quella che ne viene fuori è una città grigia in ogni senso, come tutto il libro d'altronde. La vita dei personaggi è appena accennata e nessuno di questi risulta ben caratterizzato. L'unica cosa che riesce bene, sono i dialoghi iniziali tra il protagonista e la moglie, e il fastidio del protagonista per un tic del collega...che francamente è riuscito a infastidire anche me. Lo scrittore,spesso, si dilunga in descrizioni e trascrizioni di documenti, totalmente inutili che nulla aggiungono al romanzo e dimentica di approfondire e toccare cose fondamentali, tanto da chiedersi: Perché hai voluto raccontarmi questa storia?...Nonostante tutto non è scritto male, ho letto libri peggiori, ma anche moltissimi libri migliori di questo. Per non parlare di qualche piccolo errore ortografico fastidiosissimo. Una buona prima bozza niente di più e niente di meno

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri