Narrativa italiana Fantascienza Il pianeta irritabile
 

Il pianeta irritabile Il pianeta irritabile

Il pianeta irritabile

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nel 2293 quattro esseri viventi - la scimmia Epistola, feroce e terrorista, l'oca Plan Calcule, l'elefante Roboamo e un nano dai molti nomi - si sottraggono alle ceneri di un'esplosione atomica e iniziano un viaggio alla ricerca di un'improbabile salvezza in un nuovo universo. I quattro grotteschi cavalieri dell'Apocalisse devono eliminare ogni ostacolo ed essere vivente che incontrano sul loro cammino, mentre tra scoppi d'ira, fantasie di massacro, incubi della materia, l'imitatore del canto di tutti gli uccelli li segue senza rivelarsi, in vista dell'ultima grande battaglia. Pubblicato per la prima volta nel 1978, il libro contiene un'ammonizione e una speranza, oggi ancora più attuali. Il naufragio del pianeta è evitabile se la vita sarà protetta dal grande nemico del gruppo: la deficiente razionalità del sistema economico.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il pianeta irritabile 2019-10-14 09:43:36 Mario Inisi
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    14 Ottobre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Evoluzione sociale

Il pianeta irritabile è un libro in cui lo stile impeccabile si unisce a un contenuto ostico e criptico di difficile lettura. Non credo che il testo possa essere considerato una favola post apocalittica. Assomiglia più a una complicata metafora sociale (forse una doppia metafora sociale/morale) che racconta il passaggio dell’uomo a un sistema sociopolitico migliore. Il cammino di evoluzione necessita di alcuni passaggi descritti metaforicamente nel racconto e comporta il lasciarsi alle spalle la razionalità e soprattutto la capacità di calcolo, da un punto di vista economico il potere del denaro (il governatore Moneta).
La storia racconta di quattro esseri: un elefante, una scimmia, un’oca e un nano che percorrono un mondo fantastico, forse una intersezione di più mondi comunicanti tra loro alla ricerca di un regno promesso di cui la scimmia dovrebbe diventare il re. Gli esseri potrebbero rappresentare diversi strati sociali oltre che condizioni morali. L’elefante porta nel gruppo la cultura e l’arte, che ahimè è imitazione. Rappresenterebbe quindi la classe degli intellettuali e la “pazienza”. La scimmia è il capo del manipolo a cui tutti sono soggetti e rappresenta un elemento di transizione necessario e utile, per sconfiggere le precedenti e superate strutture politiche borghesi (il governatore Moneta). In un regime comunista potrebbe essere lo Stalin del momento. Nella metafora morale rappresenta il coraggio e la forza. L’oca rappresenta la fedeltà assoluta al potere, non sempre lo stesso ma quello del momento, e dovrebbe essere la classe sociale più bassa, il proletariato. Il nano è l’unica figura che non rappresenta uno stato stabile ma in evoluzione. Non è un uomo, quindi è superiore all’uomo. E’ un mezzo uomo come proporzioni e ha una forma strana. Ha mezza faccia con un buco e tre teste. Questo buco serve sia per contenere che per donare. E’ una figura in certi momenti superumana piuttosto che subumana anche se all’inizio e per buona parte del romanzo porta al collo una catena in mano alla scimmia. Il nano nella doppia metafora morale è la bontà, anche quella non raggiunta ma in fieri, così come la sua condizione nella metafora sociale è in evoluzione: potrebbe rappresentare l’uomo nuovo, ex-borghese. I quattro incontrano vari personaggi come i cani (i dirigenti), il governatore (capo di una società borghese benpensante), vari uomini feriti malati barcollanti che vengono a malincuore abbattuti dalla scimmia e spesso dal nano con rimorso ma senza pietà. Un superamento necessario.
Nel finale il rapporto tra gli esseri rimasti, solo tre, diventa paritario e di totale condivisione. C’è anche un personaggio positivo, l’imitatore del canto di tutti gli uccelli, che non so cosa potrebbe rappresentare, forse una figura religiosa, anche lui non necessario e utile ma transitorio nell’economia del progresso sociale. Una figura poetica e messianica. I tre esseri rimasti vanno a costituire una sorta di trinità sociale basata sulla condivisione e la collaborazione paritaria nella rinuncia a imporre il primato di una parte sull’altra. Nel finale anche il mondo si riallinea, le tre lune diventano due e le due rimaste rimpiccioliscono. Tutte le descrizioni di ambienti, luoghi, paesaggi sono bellissime. A me sono sembrate di gran lunga la cosa migliore del testo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

The life is gone
Avrai i miei occhi
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Il pianeta irritabile
Il cuore che abito
Arma infero. Il mastro di forgia
Magellan. Terminal war
Qualcosa, là fuori
Berlin. I fuochi di Tegel
I racconti della Sovrappopolazione
Juggernaut. Terminal war
ExtraUnione e la fortezza di Nugari
Sunrise Saga. Evoluzioni
Utopia. Multiversum
Splendido visto da qui
Verso l'infinito