Narrativa italiana Fantascienza I racconti della Sovrappopolazione
 

I racconti della Sovrappopolazione I racconti della Sovrappopolazione

I racconti della Sovrappopolazione

Letteratura italiana



In una Città prigioniera delle sue stesse Mura i figli ereditano lo status dei genitori e li sostituiscono. La Legge per la Sovrappopolazione spezza il legame familiare e il sistema di caste rende la lotta per la vita crudele e spietata. Da sempre l’umanità si interroga su come faccia il male a sopravvivere dopo millenni di evoluzione e come riesca a trasmettersi di padre in figlio. Abbiamo giustificato la sua esistenza con complessi grovigli filosofici, ma la verità è molto più semplice: il male spesso vince. La raccolta "I racconti della Sovrappopolazione" comprende quattro storie: L’Orfanotrofio, Le Mura, Il Palazzo, L’Arena.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I racconti della Sovrappopolazione 2015-05-01 17:03:57 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    01 Mag, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I racconti della Sovrappopolazione

In una città stretta da mura dalle quali non si può guardare fuori e che si stringono sempre più, vive un’umanità in precario equilibrio demografico in cui, viste le limitatissime risorse, è necessario che i padri lascino il posto ai figli una volte che questi raggiungano la maggiore età. La società è strettamente divisa in classi (caste) e la mobilità sociale è limitatissima e più che altro figlia della propaganda dei pochi fortunati che da un palazzo tutto dirigono permettendosi (ovviamente) i lussi negati agli altri, a partire dall’acqua. Un’altra distopia? Eh sì, un’altra distopia e a questo punto il lettore si avvicina dubbioso, visto che l’argomento è, negli ultimi tempi, un filino inflazionato. Questo libro, ricevuto in ebook come ‘premio di consolazione’ di un giveaway su goodreads.com, si incarica di demolire buona parte dei preconcetti perché prima di tutto è scritto bene (ci sono solo un paio di erroretti dovuti a confusione fra i nomi dei personaggi) e poi perché il tutto è visto da una prospettiva ben più adulta di quella adolescenziale oggi di moda. Anche il trio di neppure ventenni protagonisti de ‘Le mura’, forse il racconto che più mi è piaciuto, sono ben più adulti della loro età in una storia che racconta con efficacia come l’avidità – a scatenare il tutto è un anello trovato per caso - possa portare a una guerra fra poveri che finisce solo per favorire chi è in posizione dominante. L’iniziale ‘L’orfanotrofio’ è invece più lineare, con l’istituto che è più che altro una grande caserma dove solo i più meritevoli vengono lasciati vivere mettendo a dura prova i nervi e la coscienza di chi ha il compito di giudicare i test e prendere i necessari provvedimenti. Diversa è invece la prospettiva degli ultimi due racconti, poiché ci si sposta sul lato di chi detiene il potere come già fa presagire il titolo del terzo segmento del libro, ovvero ‘Il palazzo’: nella cittadella fortificata il primo tra i pari del consiglio introduce una donna proveniente dai quartieri popolari per farne la sua concubina in una storia popolata da altre figure non meno ambigue a partire dalla stessa Mira e per finire con il dottor Abdel che pare voglia aiutarla. Il potente Shane torna anche nel conclusiovo ‘L’arena’ che, dopo un bel numero di morti stretti nella lotta di potere tra consiglio e il ‘sacerdote’ Elias, sembra forse aprire un piccolo spiraglio. Come si vede, nulla di particolarmente originale, ma la capacità di rielaborare gli elementi già conosciuti rende questi racconti assai interessanti anche se magari un po’ carenti nello scavo psicologico dei personaggi (aspetto, peraltro che per il genere non si può definire indispensabile): la struttura sociale costruita da Besi ha il suo fascino e – sebbene venga spontaneo vedere la città come un’allegoria della Terra con le sue risorse sempre più scarse e le urticanti differenze tra chi ha e chi non ha - rimane la curiosità per sapere cosa ci sia aldilà del muro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri