Narrativa italiana Romanzi Il padre infedele
 

Il padre infedele Il padre infedele

Il padre infedele

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

“Forse non mi piacciono gli uomini.” Il giorno in cui tua moglie, all’improvviso, scoppia a piangere in cucina, è una piccola apocalisse. Uno di quei giorni in cui la tua vita va in frantumi ma giunge, anche, per un attimo, a dire se stessa. E allora Glauco Revelli, chef di un ristorante blasonato, maschio di quaranta anni, padre di una figlia di tre, va alla ricerca della propria verità di uomo. Dall’ingresso nell’età adulta, l’innamoramento, la costruzione di una famiglia, la nascita e l’accudimento di una figlia, fino al disamore della moglie (che gli si nega dal momento del parto) e al ritorno feroce degli insaziabili demoni del sesso, tutto è passato in rassegna dal suo sguardo implacabile e commosso.



Recensione della Redazione QLibri

 
Il padre infedele 2013-10-30 08:24:26 gracy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    30 Ottobre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

..E la fedeltà alla modernità dei pensieri.

“Non c’è peggior nemico della felicità che la falsa felicità.”

A fior di pelle.
A inalare aria attecchita di profumi che saziano il corpo e che lo ravvivano, odori e sapori che si proiettano direttamente nell’anima come fotografie indelebili e necessarie per la felicità.
Una cucina, un fuoco acceso, un tegame e un persico che rosola col burro e insaporisce l’aria e la vita di chi la respira.
Un tavolo e una sedia, luci calibrate, un piatto raffinato e un persico adagiato con erba cipollina e a qualcuno la vita può cambiare.
Antonio Scurati ce lo racconta attraverso la sua impeccabile scrittura creativa. In Italia abbiamo molti scrittori che scrivono libri meravigliosi avvalendosi di questa scrittura così viscerale, diretta, cruda, sfaccettata e assolutamente superba e accorata, dolce e amara.
Sicuramente brillante e moderna.
La perfezione di un viaggio dentro l’uomo del nostro millennio, capace di far albergare il binomio infelicità e infedeltà assieme.

La nostra, è un'epoca particolare, ricca di elementi che spesso non si fondano su basi precise, anzi, piuttosto prescindono la tradizione e i consigli dei padri. Basti pensare che l’attesa di un figlio è vista come un evento quasi alieno con corsi pre-parto in modalità yoga e la considerazione del sonno post –parto come elemento scatenante di rottura della coppia e della morte della sessualità. Si sbriciola così un rapporto, in virtù dell’egoismo e sorpassa il concetto che la nascita di un figlio consolida la famiglia.

“Nascita e rinascita. Espiazione e risurrezione. Tutto si tiene, il cerchio si chiude. Mi chiamo Glauco Ravelli, faccio il cuoco e mi pento prima ancora di avere iniziato.”

Antonio Scurati in questa coraggiosa opera, molto intima e profonda ha dato il meglio di sé affrontando una tematica molto attuale, osservando l’angolazione di un uomo nei confronti della sua famiglia.
La moglie Giulia, una presenza-assenza che è l’elemento determinante nella vita di Glauco Ravelli, un comune uomo del nostro tempo, quarantenne laureato in filosofia ma di fatto cuoco affermato, che ha seguito le orme del padre, abbracciando le nuove tendenze culinarie, ormai considerate di fatto un culto, una filosofia di vita.

“Giulia se n’era andata e io l’avevo lasciata andare. Se le lasci andare, le persone se ne vanno. “

Poi c’è la figlia Anita, tre anni che riveste un ruolo scatenante nella vita di Glauco, figlio della modernità e del progresso, che racconta per tutta la durata dl libro, con il cuore in mano, il crollo del matrimonio dopo la sua nascita, la sua vita di uomo contrastato e di padre di questa generazione di “padri vergini” nella dimensione della nuova modernità. I suoi sentimenti e la sua rabbia sfogati come un fiume in piena, avvalendosi di un linguaggio elegante e raffinato che stupisce e commuove.
In silenzio si legge senza giudicare.

...La felicità ad ogni costo ci aveva rovinati…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per palati fini...ma anche per tutti.
Trovi utile questa opinione? 
400
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il padre infedele 2014-07-09 08:44:26 Francesca2213
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Francesca2213 Opinione inserita da Francesca2213    09 Luglio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La generazione dei non-uomo!

Ammetto che ho deciso di leggere questo libro solo perchè era tra i migliori del Premio Strega. Adesso andrò un pò contro corrente rispetto a tutte le recensioni su questo libro. A me non è piaciuto per niente,penso perchè non è proprio il mio stile,ma cercavo qualcosa di diverso per allontanarmi un pò dal genere thriller,qualcosa di rilassante. Questo libro,a mio modestissimo parere,non è per niente rilassante,per capire certe frasi dovevo rileggerle o lasciar perdere e magari perdevo il filo del discorso e stato molto pesante come libro nonostante la trama e il filo logico del libro sia bello. Praticamente non si può dire spoiler perchè non c'è niente di imprevisto o da scoprire.Narra la storia di questo uomo che non si sente all'altezza di essere tale,non si sente uomo perchè la moglie lo rifiuta,non si sente padre perchè sua figlia è comunque attaccata alla madre,non si sente se stesso e non pensava che la sua vita potesse essere quella,dentro questo romanzo leggiamo le difficoltà di un uomo diventare tale. Diciamo che la trama mi è piaciuta molto,ma non il modo in cui è stato scritto.
PER CHI LO VOLESSE IO HO E-BOOK,BASTA CHIEDERE =)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio a chi piace un genere un pò lento,ma se come me amate i thriller no non fa per voi!
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il padre infedele 2014-06-05 12:31:08 silvia71
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    05 Giugno, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La filosofia di Glauco

Una laurea nel cassetto, una professione ben retribuita, una buona vita sociale, una bella fidanzata da portare all'altare, sembrano costituire un'ottima rampa di lancio per giungere a quarant'anni realizzato e felice.
Il protagonista del nuovo romanzo di Scurati è un uomo di oggi, un uomo che sembra possedere tutte le carte in mano per sedersi al tavolo da gioco della vita e dirsi vincitore.
La penna di Scurati è implacabile e inflessibile nell'accompagnare Glauco in un tormentato viaggio dentro se stesso; un viaggio analitico che scruta ogni angolo del cuore, che parcellizza eventi e sentimenti, rapporti, famiglia e amore.
Glauco si racconta, mettendo a nudo in primis il proprio io, rivedendo la propria vita scorrere su una pellicola a tratti sbiadita a tratti nera a tratti grigia.

Scurati affronta temi e problematiche figlie dei nostri tempi, riuscendo a focalizzare e immortalare quella zona di insoddisfazione e sgretolamento che si apre come una falla improvvisa, quella crepa che appare nella vita quotidiana, insomma tutti quei sintomi di un malessere diffuso.
La capacità stilistica e linguistica dell'autore gli permette di condurre una narrazione intensa e pervasiva, quasi cervellotica a livello introspettivo, intrappolando il pubblico nei meandri dei pensieri del protagonista.

E' un romanzo che porta alla ribalta l'essere uomini e donne dell'era moderna, uno specchio non banale della vita attuale e dei riflessi della stessa sulla costruzione dei rapporti sociali, partendo da quelli familiari, primo tassello per dare forma e consistenza alla felicità.
Felicità che sembra essere la protagonista occulta del romanzo; una presenza-assenza, un'aspirazione, un'idea astratta e concreta, una farfalla da acchiappare.

L'uomo fotografato da Scurati voleva essere felice o forse pensava di esserlo.
Buona prova di scrittura, intima e avvolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il padre infedele 2014-01-18 07:57:35 Claudia Falcone
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Claudia Falcone Opinione inserita da Claudia Falcone    18 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo "tutto al maschile"

Questo romanzo di Scurati è stato una piacevolissima scoperta. E' un libro leggero e profondo allo stesso tempo, ironico e talvolta triste, amaro ma allo stesso tempo molto dolce. Con uno stile a mio parere bellissimo (soltanto in qualche punto lievemente artificioso), con un'ironia che a volte ti strappa un sorriso e a volte ti lascia l'amaro in bocca, Scurati racconta una storia "tutta al maschile". Partendo dal momento in cui Giulia, la moglie del protagonista (alter-ego dell'autore? forse solo per alcuni aspetti), gli annuncia di volerlo lasciare (con una frase lapidaria: "Forse non mi piacciono più gli uomini"), Scurati ripercorre, narrandola in prima persona, la storia personale di quest'uomo, cominciando dal momento della laurea e quindi dell'ingresso nell'età adulta, fino alla sua relazione con Giulia e alla paternità. Il romanzo è molto intimo, intenso, scandaglia l'animo del protagonista, ed esplora territori vastissimi: racconta l'amore e la fine dell'amore, racconta il sesso, racconta -con una delicatezza ed un'intensità forse rari per un uomo- la paternità e il legame indissolubile fra un padre e sua figlia. Ma racconta anche la crisi della generazione dei quarantenni di oggi, e la deriva della società dei nostri tempi, attraverso episodi e aneddoti che riescono a divertire e a far riflettere nello stesso tempo. Non c'è esattamente un happy ending in questo romanzo, l'amore non trionfa, i sentimenti sono imperfetti e non assoluti. Ma le due pagine finali ti strappano un sorriso e scaldano il cuore. Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il padre infedele 2014-01-17 20:35:39 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    17 Gennaio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'uomo e i suoi sentimenti

Un libro particolare, diverso dal solito, dallo stile ricercato e intriso di dissertazioni che portano a profonde riflessioni. Un libro complesso, come complessi sono i sentimenti. Scritto quasi come se fosse un monologo che il personaggio stila per ripercorrere le fasi, veramente importanti, della sua vita, quelle che l’hanno portato alla consapevolezza di essere diventato padre e non più soltanto un uomo, un marito e un amante irrequieto. Un libro pregno di così tante sfumature, pensieri e riflessioni che leggerlo una sola volta non basta. Un libro che può essere preso in qualsiasi momento della vita per sfogliarne le pagine e leggerne una a caso, affinché possa aprire un mondo di possibili, irrefrenabili riflessioni sull’esistenza, sulla quotidianità, sulla banalità della vita, sull’essere umano in generale e sull’importanza di taluni sentimenti che portano a scelte prioritarie, più o meno, consapevoli. Un romanzo che indaga la società partendo da un singolo individuo, un uomo qualunque, che affronta la giornata cercando di sbagliare il meno possibile e non sa tenere a bada i suoi pensieri peccaminosi, tormentato com’è dai “demoni” della propria sessualità.
E se questo non bastasse a definire il romanzo IL PADRE INFEDELE di Antonio Scurati bisogna leggerlo e rileggerlo, analizzarne e coglierne quella che, svelata fra le righe, è la sua vera essenza: l’amore.
Glauco Revelli è un giovane padre nella Milano di oggi, che si destreggia tra famiglia e lavoro per superarne, di volta in volta, le problematiche che si presentano. Quando sua moglie Giulia gli rivela che forse gli uomini non le piacciono più, arriva il momento profondo della riflessione. È uno spunto, un pretesto, un input per analizzare da principio il proprio vissuto e cogliere il momento del fallo, dell’errore, del non compreso che ha pregiudicato la situazione attuale. È difficile per Glauco comprendere. Però, i suoi problemi sono gli stessi affrontati da tutta la sua generazione nel compimento pratico dell’attuale educazione sentimentale.
È un libro che parla in primis agli uomini, ma che aiuta le donne a comprenderne i meccanismi alla base dei loro ragionamenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna