Narrativa straniera Avventura Il guardiano del frutteto
 

Il guardiano del frutteto Il guardiano del frutteto

Il guardiano del frutteto

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Ambientato in una piccola, remota comunità del Tennessee rurale negli anni fra le due guerre mondiali, il primo romanzo di Cormac McCarthy racconta la storia del contrabbandiere di whisky Marion Sylder e del suo giovane amico John Wesley Rattner. E poi del vecchio Ather, che con la sua stoica indipendenza e la sua comunione con la natura rappresenta il simbolo di un'epoca ormai conclusa. Tutti e tre i personaggi del romanzo sono protagonisti di un dramma che sembra nascere dalla terra stessa, sono gli eroi di un'intensa celebrazione di valori andati perduti col tempo e con l'industrializzazione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
2.7  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il guardiano del frutteto 2018-01-08 12:11:19 Pelizzari
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    08 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il cuore è la natura

Già dalle prime pagine respiri aria di America. Non so perché in certi libri capisci così tanto presto dove sono ambientati. In questa storia, che è l’opera prima di questo autore, la parte del leone la fanno i particolari legati alla natura, che viene descritta in modo veramente dettagliato, anche se forse, a tratti, può sembrare che siano descrizioni anche troppo sovrabbondanti ed eccessivamente pignole. L’intento è quello di offrirci un quadro di una natura selvaggia ed ostile, ma a volte lo sforzo di restituirci quest’immagine pare un po’ eccessivo. A livello di trama, il libro è molto poco significativo, l’ho trovato parecchio confuso ed anche un po’ noioso. Ci sono degli incisi in corsivo che ho veramente capito molto poco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il guardiano del frutteto 2015-04-11 10:46:12 Valerio91
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    11 Aprile, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’Antica fusione tra uomo e natura

Ero molto curioso di leggere la prima opera di McCarthy, avendo imparato ad amare il suo splendido stile e il suo modo di raccontare i lati più scuri e crudi della natura umana.
Ne “Il guardiano del frutteto” il suo stile rimane inconfondibile, anche se risulta chiaro che nel momento in cui l’opera è stata scritta, l’autore fosse ancora all’inizio della sua strada per diventare uno degli autori più ispirati del nostro secolo. Tante idee ancora acerbe si affacciano nella prima opera di questo autore, idee che matureranno col tempo e gli daranno modo di partorire i suoi successivi capolavori, ma “Il guardiano del frutteto” è risultato un po’ confusionario. La trama, che come di consueto non si può associare a un preciso genere letterario, risulta spesso priva di un filo logico e diventa un susseguirsi di eventi un po’ sconnessi e difficilmente comprensibili.

Credo che McCarthy volesse raccontare una terra in tutte le sue sfaccettature, la terra del Tennessee tra le due guerre mondiali, e ce la fa vedere in tutte le prospettive possibili. Il clima, la natura e soprattutto l’essere umano che la popola e che con le sue azioni, senza saperlo, contribuisce a definirne i tratti e i colori. Uomo che è parte integrante del mondo in cui vive, uno dei responsabili del suo progresso ma anche del suo decadimento, interagendo con una natura che nonostante la presenza di quell’essere spesso invadente, continua a seguire i propri istinti e il proprio corso indipendente. Uomo che comprende le realtà nascoste della terra che lo circonda soltanto quando le sue carni si fanno vecchie e stanche, e il suo animo è insopportabilmente carico di tutti gli errori accumulati nel corso di una vita. Sarà proprio il vecchio Ather ad essere il personaggio più interessante, incarnando un uomo che con gli anni si è fuso tacitamente con la natura che lo circonda, imparando a comprenderla e ad amarla in solitudine, bramando la sua pace.

"Ho lavorato quasi tutta la vita e non ho mai avuto niente. Pensi che da vecchio avrai diritto al riposo, ma poi scopri che ci sono cose che devi fare perché nessuno vuole occuparsene. Come se questo le facesse sparire. E magari non sembravano niente di speciale, ma poi ti trascinano come quando addestri un cane da conigli a stanare un paletto e quello ti porta su e giù per la contea fino all’imbrunire. Cose che un vecchio non è più in grado di fare. Quasi tutti vogliamo stare in pace, e nessuno più di un vecchio."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Cormac McCarthy
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il guardiano del frutteto 2012-06-14 16:07:56 andrea70
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    14 Giugno, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il primo Mc Carthy

Con questo romanzo Mc Carthy inizia la sua carriera di scrittore, diciamo che prende la rincorsa prima di prendere il volo con i capolavori successivi. Non che questo non sia un bel libro scritto come al solito, con uno stile evocativo stupendo , ma se devo trovargli un difetto il racconto è un pò sbilanciato, scorre poco, troppo imponente la parte descrittiva rispetto alle vicende dei personaggi , alcune descrizioni dei luoghi sarebbero una perfetta appendice per un trattato di botanica. Ma Mc Carthy descrive con passione, dovizia di particolari, poesia anche gli animali , che nel libro sono a volte vittime di violenze gratuite: pagine che non lasciano indifferenti ma che purtroppo non sono il delirio dell'autore ma una trasposizione di quello che avolte avviene nella realtà. In questo romanzo ci sono dei personaggi, ma non un protagonista, o meglio...non un protagonista uomo, ma la natura, i boschi per esempio , raccontati per luci, ombre, colori, rumori, odori , tutto!. Ci sono momenti di splendida letteratura in cui l'uomo non compare come la descrizione del girovagare della gatta dopo la tempesta.
Tra gli uomini aleggia sotttile la nebbia della solitudine , della disillusione , abbiamo quattro personaggi uniti da qualcosa che non riescono a tirare le fila della loro vita e a capire che cosa li unisce , in questo senso qui abbiamo un accenno di temi ripresi in maniera grandiosa in "Suttree".
Mc Carthy ci racconta una vita quasi primordiale, antica , con un rapporto più stretto, quasi epidermico con la natura che ci circonda, .
Sicuramente rispetto agli altri romanzi di Mc Carthy che ho letto, questo è più "difficile", probabilmente l'autore non aveva ancora smussato certi spigoli , era un pò acerbo, il libro andrebbe letto a voce alta con calma perchè ci sono parti che da sole valgono mezza biblioteca ma vanno ascoltate, non va letto per riempire il tempo ma una parte di noi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Racconti dei mari del sud
L'isola misteriosa
Il cerchio celtico
Jungle Rudy
Clean. Tabula rasa
Il re dei rovi
Codice Kingfisher
Missione Odessa
L'ultima discesa
I viaggi di Daniel Ascher
Missione Ararat
I cercatori di ossa
Monsone
L'enigma di Einstein
La stanza segreta dello Zar
Il segno della croce