Narrativa straniera Fantascienza Il mondo sommerso
 

Il mondo sommerso Il mondo sommerso

Il mondo sommerso

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Lo scienziato Robert Kerans fa parte di una squadra di ricercatori diretta dal colonnello Riggs che ha l'incarico di perlustrare quel che resta di intere città sommerse dalle acque in seguito a una catastrofe naturale di dimensioni straordinarie. Una sessantina di anni prima delle tempeste solari hanno causato un surriscaldamento globale che a sua volta ha prodotto lo scioglimento dei ghiacci polari e quindi un innalzamento delle acque a livello planetario. Ora, con temperature roventi, tropicali anche ai poli, e in mezzo a lagune malsane, ci si trova di fronte a metropoli irriconoscibili, precipitate come sono in un'atmosfera primordiale, e ai sopravvissuti di una civiltà scomparsa, psicopatici, malnutriti, contaminati dalle radiazioni.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il mondo sommerso 2019-11-07 15:56:22 Scavadentro
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Scavadentro Opinione inserita da Scavadentro    07 Novembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Distopico è l'uomo

Un autore fuori dagli schemi come Ballard è amato o parimenti mal sopportato. Alcuni lo ritengono privo di senso, inutilmente provocatorio, esponente di un pessimismo superficiale. Dal mio punto di vista libri come “Il condominio”, “Crash” , “La mostra delle atrocità” e questo “Il mondo sommerso” sono esempio coerente di una filosofia dalla quale l'autore non si discosta e non vuole discostarsi. Egli utilizza un timbro non soltanto fantascientifico, ma che spazia tra l'horror, il sociologico, il disturbante. Nel mondo di Ballard l'uomo è in continuo conflitto con se stesso, immerso in una natura di volta in volta malata, collocato in situazioni estreme dalle quali non esce che attraverso la sofferenza fisica e psichica. In questo romanzo breve il mondo nel quale si svolgono i fatti è quello risultante da una serie di tempeste solari, che hanno riscaldato la terra provocando lo scioglimento dei ghiacci rendendo invivibile la maggior parte del pianeta. Lo scienziato Robert Kerans fa parte di una squadra di ricercatori, sotto la protezione del colonnello Riggs, con l'incarico di perlustrare quel che resta di intere città sommerse dalle acque in seguito a questa catastrofe. L'innalzamento delle acque a livello planetario ha creato dei paesaggi fantasmagorici, con fauna e flora costituita da alligatori, rettili vari, zanzare ecc.. che si crogiolano sui tetti di palazzi ormai in disfacimento, tra mangrovie, alberi tropicali, miasmi di palude malsani e terribili. L'atmosfera primordiale influisce sui sopravvissuti di questa civiltà ormai scomparsa: i personaggi sono psicopatici, malnutriti, contaminati dalle radiazioni. Molti sono preda di incubi e follia, dalla quale non rimarrà esente neppure Kerans, che tra la fuga inevitabile assieme ai pochi superstiti nelle aree abitabili sempre più ristrette, è attratto dalla prospettiva di inoltrarsi nelle foreste fangose sempre più bollenti. Un lucido suicidio, un fondersi con l'ineluttabile destino dell'intera razza, preferibile ad una sopravvivenza stentata e patologica. Tutti gli attori del testo, i militari, gli scienziati, la donna di classe, i razziatori seguono il loro inconscio trasformando il paesaggio reale in onirico, creando un moto collettivo auto distruttivo che infine privilegia l'irrazionale come unica via di uscita all'orrore della fine del mondo. Il caos e la morte infine prevarranno sul tutto. Un'analisi spietata ma, come premesso, coerente con la filosofia che pone l'uomo non al centro dell'universo, ma soggiogato da esso, preda degli eventi e vittima degli stessi. Impotente e costretto a camminare verso il baratro. Quindi in definitiva non è una questione di apprezzare o meno elementi stilistici e narrativi, bensì condividere o meno un'etica e una visione che si deve ammettere assai originale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
chi ama i surrealisti
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri