Narrativa straniera Fantascienza Il potere del numero sei
 

Il potere del numero sei Il potere del numero sei

Il potere del numero sei

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Il potere del numero sei, romanzo di Pittacus Lore edito da Nord. Per gli Stati Uniti, John Smith è un pericoloso terrorista. Ma io so che non è così. Lui è il Numero Quattro, uno dei nove destinati a salvare la Terra dalla distruzione. L'unico che sia riuscito a sfuggire ai nostri nemici. Tre di noi sono morti. Quattro e Sei sono vivi per miracolo, e si stanno preparando ad affrontare di nuovo i nostri avversari. Io sono il Numero Sette. E sono pronta a combattere.

Pittacus Lore è il capo degli Antenati, gli anziani che governavano il pianeta Lorien prima della sua distruzione. Vive sulla Terra da dodici anni, preparandosi per la guerra che deciderà il destino dei Nove e, con loro, quello dell’intera umanità. Nessuno sa dove viva.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il potere del numero sei 2014-02-07 04:27:00 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    07 Febbraio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Criticare dalla quarta di copertina

Comincio il mio commento invocando indulgenza e perdono. Soprattutto agli appassionati di fantascienza chiedo benevolenza e uno sconto, perché ho scelto questo libro con le migliori intenzioni: cimentarmi in un genere che mi vede incompetente. Ma soprattutto miscredente.
Poi aggiungo un’avvertenza sul metodo scelto per condurre la mia critica a questo libro(!): commentare le frasi riportate nella quarta di copertina (virgolettate a mo’ di titolo di ogni paragrafo).

“LORO ci danno la caccia”
Quelli che danno la caccia sono i Mogadorian che “hanno occhi ovunque”. E “sono piuttosto riconoscibili: hanno una pelle così chiara che sembra sbiancata con la candeggina…”
Quelli che subiscono la caccia sono i “nove Garde sopravvissuti del pianeta Lorien”. In parole povere: sono alieni. “Eravamo nove Cêpan e nove Garde”. Cosa siano poi questi Cêpan, vallo a capire. Alieni di rango inferiore? Cloni? Animali domestici? Però, a ben pensarci, i Garde hanno un animale vero e proprio (si fa per dire) al seguito: Bernie Kosar, un cane che all’occorrenza si trasforma in falco, salvo poi tornare “alla sua forma di beagle”.
Ma questa incomprensione ben mi sta: non ho ascoltato il consiglio del mio amico Robbie (rimando tutti alla sua opinione) e non ho letto il primo episodio della serie!

“LORO sono sempre più vicini”
Facile capirlo (che sono sempre più vicini)! Ogni volta che i cacciatori sterminano uno degli alieni sopravvissuti, sulla pelle dei superstiti compare una cicatrice. In un drammatico conto alla rovescia “siamo rimasti soltanto in sei, contro un numero imprecisato di nemici”.

“LORO sanno chi siamo veramente”
Anch’io, pagina dopo pagina, comincio a capirlo, chi siete veramente. Avete molte “eredità” (banalizzo, le eredità sono i poteri), tipo la telecinesi (“Io tengo i tre uomini sospesi in aria”), “la capacità di vedere nel buio” e – udite, udite – hanno palmi delle mani che si trasformano in fari (“punto i palmi delle mani verso il cielo e accendo le luci”). Last but not least: sanno rendersi invisibili!

“NOI non possiamo più scappare”
Nonostante il piano iniziale fosse “aspettare il momento in cui ci saremmo sentite abbastanza forti e al sicuro per partire”. Però, attenzione, nella gara per la sopravvivenza vale un postulato: la proprietà consecutiva della matematica (così il numero sei “non poteva essere uccisa finché non fossero morti i Garde coi numeri da uno a cinque”).
Intanto gli alieni scappano e, a pagina 77, “Sei … solleva le mani davanti a sé: le acque del fiume cominciano a dividersi sotto i nostri occhi”. Al punto che qualcuno, esterrefatto, esclama: “Incredibile, proprio come Mosé!”.

“NOI dobbiamo combattere.”
Eccome se combattono!
Dalla loro però hanno alcuni vantaggi innegabili, come l’indistruttibilità finalizzata alla trama: “Hanno tentato di tutto, ma davvero di tutto, per uccidermi: elettrocuzione, annegamento, esplosivi. Mi hanno iniettato del cianuro, che non è servito a nulla…”

“PERCHE’ SIAMO GLI UNICI IN GRADO DI FERMARLI”
Conclusione ovvia: considerate le premesse, non avevo alcun dubbio! Intanto il mio scetticismo prima rosola e poi frigge in un’aporia che la ragione non riesce a risolvere: ma gente che ha di questi poteri, perché non li sfrutta fino in fondo in modo da risolvere tutto in dieci pagine e nella famosa modalità del finire a “tarallucci e vino”?

Concludo con una postilla sulla fascetta gialla, che avvolge il volume e trionfalmente recita: “Adrenalinico, romantico, sorprendente. Il romanzo numero 1 delle classifiche americane.”
Questi americani, valli a capire!

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Rigorosamente consigliato a chi ami la fantascienza in ogni sua forma e declinazione.
Trovi utile questa opinione? 
310
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il potere del numero sei 2012-11-04 10:26:48 Robbie
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Robbie Opinione inserita da Robbie    04 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Loro sono vicini, ci stanno dando la caccia...

“Il potere del numero sei”, seguito del libro “Sono il numero quattro”, è un interessante young-adult a sfondo fantascientifico che narra di nove bambini in fuga dal pianeta Lorien rifugiatisi sulla Terra nel tentativo di sottrarsi ai feroci invasori Mogadorian. Questi ultimi cercano di rintracciarli e di ucciderli. I fanciulli sono protetti da uno speciale incantesimo che ne rende però più difficoltosa l'uccisione e aspettano di crescere per sviluppare delle eredità che consentiranno loro di vendicarsi e forse di riconquistare il proprio pianeta. Purtroppo tre di essi sono giá stati trovati ed eliminati....il numero 1 in Maleysia, il numero 2 in Inghilterra, il numero 3 in Kenya....e ora tocca agli altri!

Fin qui quanto narrato nell'inizio del primo libro. Consiglio, per chi volesse leggerlo ed apprezzarlo pienamente, di iniziare assolutamente dal primo libro, in quanto tante cose vengono date per scontate e non vengono piú citate o appena accennate.

Viene utilizzato un linguaggio abbastanza scarno ma scorrevole. La trama pur proseguendo linearmente con l'intera storia é un po meno prevedibile di quella letta nel primo libro, anzi vi sono anche alcune sorprese. Peccato forse che in tale libro ci si dilunghi ampiamente in feroci battaglie, che se in alcuni momenti movimentano il romanzo, tendono in altre, a mio parere, ad appesantirlo in inutili e lunghe sequenze di uccisioni.

Comunque tutto sommato, data anche la scarsità di libri di fantascienza, una discreta storia, con ottime idee che forse potevano essere sviluppate in maniera ancora migliore, ma che comunque ne fanno un discreto romanzo per appassionati di fantascienza.

In inglese è già stato pubblicato il terzo episodio con il nome “The Rise of Nine”, di cui attendo pazientemente la pubblicazione nei prossimi mesi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Sono il numero quattro" di Pittacus Lore o giovani appassionati di fantascienza
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri