Narrativa straniera Fantascienza La prescelta e l'erede
 

La prescelta e l'erede La prescelta e l'erede

La prescelta e l'erede

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di La prescelta e l'erede, romanzo di Jacqueline Carey edito da Nord. Abbandonata in tenera età, Phedre è nata con una piccola macchia scarlatta nell'occhio sinistro: il Dado di Kushiel, il marchio che contraddistingue le anguissette, coloro che possono mescolare la sofferenza e il piacere per natura e non per costrizione. Un marchio che non è sfuggito al nobile Anafield Delaunay, che ha pagato il prezzo di servaggio per la giovanissima Phedre e poi l'ha accolta presso di sé per insegnarle l'arte di osservare, ricordare, riflettere, e farla diventare un'abilissima spia. E proprio le capacità di Phedre si sono rivelate essenziali per la risoluzione della guerra che il suo Paese ha dovuto affrontare, ma la minaccia non è stata ancora sventata.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La prescelta e l'erede 2014-02-11 16:17:28 Queen D
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Queen D Opinione inserita da Queen D    11 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il granello di polvere che diventa una stella

Quando ho finito il primo volume della trilogia di Phèdre, "Il dardo e la rosa”, mi ero ripromessa di far passare un po’ di tempo prima di continuare con questo secondo volume. Eppure non ce l'ho fatta a starci lontano: Phèdre mi mancava terribilmente, come se fosse una mia cara amica partita via e non ancora tornata. Ed è così che mi sono rituffata, con gioia e inaspettata impazienza, nella storia delle avventure di Phèdre nò Delaunay, contessa di Montrève.
L’ombra che agguanta il finale del primo capitolo di questa serie allunga i suoi oscuri tentacoli in tutta la trama del secondo: Mélisande, la regina degli inganni, scappata misteriosamente dalla sua prigionia, sfida Phèdre a trovarla, facendo leva sul suo senso del dovere e su quel dardo di Kushiel che chiede di essere scagliato ancora una volta. Ed è per questo che la nostra eroina decide di rimettersi in gioco, tornando al servizio di Namaah: sfortunatamente la sua decisione allargherà la crepa nel suo rapporto con Joscelin, che proprio non riesce ad accettare la sua natura di anguisette, una crepa già presente per aver infranto i suoi giuramenti a Cassiel a causa di lei. Per questo motivo e per altri, al di sopra delle loro volontà, lui e Phèdre rimarranno separati per la maggior parte della narrazione.
Ma chi è il complice di Mélisande?Perché l’ha aiutata ad evadere? E cosa c’è in ballo? Queste sono le risposte che lei cerca: ogni nome sarà vagliato, ogni personaggio può essere il colpevole e nessuno è esente dall’essere in dubbio, in un gioco in cui tutti sospettano di tutti.
La sua ricerca della verità la porta alla Serenissima, in mezzo ad altri intrighi di corte, lotte per il seggio del doge e oracoli che si riveleranno profetici: “troverà quel che cerca nell’ultimo posto in cui guarderà”. Il filo di questa matassa porterà la narrazione al più grande colpo di scena della storia: il tradimento è al di sopra di ogni ragionevolezza, ancor più perverso di quello che ci si poteva aspettare; un tradimento che riguarda le sorti di un regno.
Dopo in infruttuoso gioco dei se, Phèdre si ritroverà prigioniera, ma è in queste difficoltà che si trova la sua forza e la sua grandezza: apparentemente accondiscendente e debole, riesce invece a ribaltare le sorti della sua vita e a mantenere fede alla promessa di scoprire i traditori.
La mancanza di Joscelin si sentirà, ma non tanto quanto previsto: al suo fianco troveremo nuovi amici, espliciti e non, come il pirata Kazan, Glaukos, la signora di Marsilikos, il capitano Rousse, la kore di Minosse Pasifae, l’arconte di Phaistos, il principe Severio Stregazza e i suoi zii, Ricciardo e Allegra; lei ammalierà tutti loro e in virtù di questo sentimento la affiancheranno nelle dure prove che dovrà sostenere.
La risoluzione degli enigmi è brillante e tiene col fiato sospeso e, cosa che ho apprezzato tantissimo, le spire dell’ombra che macchiavano il finale del primo libro, si allungheranno così tanto da invadere anche il finale del secondo: pur non essendo presente “fisicamente” durante quasi tutta la narrazione, Mélisande è una protagonista tanto quanto Phèdre; la amerete, la odierete, la maledirete e alla fine non potrete che meravigliarvi della sua astuzia e della sottigliezza della sua malvagità.
Un personaggio potente, complesso, dalle mille sfaccettature.
Il miglior pregio della Carey, a mio avviso, sta proprio nella stratificazione dei personaggi: Mélisande è una spina nel fianco, Joscelin è davvero combattuto tra l’amore e il dovere, e Phèdre, è il personaggio più raffinato, elegante e delizioso di sempre.
Nel primo capitolo della serie, ho avuto qualche perplessità riguardo le ampie parti dedicate alle discendenze, ai tanti nomi, alla descrizione delle parentele nobili e sono felice di dire che tutto ciò, in questo secondo volume, viene contestualizzato e per questo non risulta più tanto ostico. Eliminata quest’unica pecca che avevo riscontrato, il racconto diventa davvero piacevolissimo: questo non esclude il fatto che sia un libro impegnativo, in cui bisogna riflettere e sui cui tanti personaggi bisogna ritornare spesso per ricordarsi dove e quando sono stati già nominati. Ma una volta sciolta questa fitta rete di intrecci, posizionando al loro posto tutti i nomi, tutto diventa più semplice.
La scorrevolezza della narrazione perciò risulta migliore; inoltre, alcune scene del libro sono talmente potenti che sembrano cinematografiche: non ho avuto nessuna difficoltà a costruire con esse delle sequenze “da film”. E Phèdre? Bé, lei entra di diritto, con delicatezza e in punta di piedi, nella mia lista immaginaria dei personaggi letterari preferiti di sempre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La prescelta e l'erede 2012-11-05 05:27:16 Rizzolini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rizzolini Opinione inserita da Rizzolini    05 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

stupendo, ma...

ho deciso di aspettare qualche giorno prima di scrivere questa recensione in modo da poter metabolizzare la storia.
tra me e questa trilogia c'è un rapporto di amore e odio.
Amore perchè come trama è sicuramente stupendo, anche più del primo e questo perchè, conoscendo già ambientazione e personaggi, l'autrice ha potuto far partire la storia fin dalle prime pagine.
Non si può non amare la protagonista, dove si trova un altra donna con un coraggio come il suo?!? credo da nessuna parte!
è stregante come libro, non appena lo inizi non riesci a fare altro che leggerlo e, quando proprio non puoi farlo, capita che ti vengano in mente scene del libro mentra stai facendo altro!

però è un mattone! non per il numero di pagine perchè ho letto ben di peggio, ma per tutte le divagazioni che fa l'autrice quando si mette a descrivere!! se togliessimo tutte le descrizioni avremmo in mano un romanzo da 400 pagine, stupendo come la versione "integrale".
e questo è un peccato perchè la Carey ha sicuramente perso tutta quella fetta di lettori che se trova appena qualche difficoltà nella lettura, subito lo abbandona!
Ora ho già il terzo e ultimo libro della serie sul comodino, già pronto da leggere, ma credo che lascerò passare almeno una settimana per far sbollire del tutto il mio cervello prima di prenderlo in mano! :)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
fantasy
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
La prescelta e l'erede 2010-09-26 14:22:03 rondinella
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    26 Settembre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La prescelta e l'erede

Ecco il secondo capitolo della storia di Phedrè no Delunay, Contessa di Montrève e cortigiana più famosa di Terre d'Ange.

Io amo lo stile e la fantasia della Carey, sebbene a mio parere è la scrittrice che riesce a farsi apprezzare così tanto.
La Carey ha creato un sequel degno delle avventure della controversa ed affascinante Phèdre, un personaggio così complesso e pieno di sfaccettature che è impossibile da abbandonare.

Adoro questa saga, perchè al suo interno c'è di tutto e di più, perchè credo che si renda facilmente adatta ad ogni gusto letterario.
La parte fantasy-avventura è eccellente come solo la Carey sa fare: la scrittrice riesce sempre a trovare idee nuove ed originali, perciò non ci sono né ripetizioni e né banalità che possono annoiare il lettore. La parte erotica eccede spesso nella volgarità ma quasi non sembra, e il mistery e la suspence sono dosati nella maniera giusta, cosicché il testo diventa piacevolmente imprevedibile e pieno di colpi di scena. E sfido a non ritrovare nello scenario europeo riferimenti storici e mitoligici molto interessanti.
I personaggi sono il prodotto più riuscito della mente del testo. Si fanno amare e odiare, come se non fossero solo parole su carta, ma veri e propri esseri umani.
Esistono libri più belli di questo, ma non posso escluderlo dai miei preferiti. Mi ha coinvolto fino alla fine, mi ha emozionato e arricchito anche culturalmente. Non so cercare di meglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Il dardo e la rosa, fantasy e libri erotici
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri