Come mio fratello Come mio fratello

Come mio fratello

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

La storia autentica di una famiglia tedesca si trasforma in una vicenda esemplare e in un gioiello letterario nel nuovo libro di uno dei più grandi scrittori europei contemporanei. Lo spunto biografico è la vicenda di suo fratello Karl-Heinz, arruolatosi volontario nelle ss quando Uwe aveva solo due anni e morto sul fronte russo appena diciannovenne, nel 1943. Dopo sessant'anni lo scrittore può finalmente cercare di capire che cosa abbia significato e come sia stato possibile arrivare a essere "come mio fratello". E ci consegna un libro che nasce da un gesto di grande onestà intellettuale ed emotiva, oltre che di consapevolezza storica, scavando nella colpa e nella memoria il ritratto di una famiglia che diventa ritratto della generazione che ha reso possibile il nazismo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Come mio fratello 2019-01-30 13:28:44 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    30 Gennaio, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Con assenso disinformato

"L'hai protetto, sei rimasta sveglia ogni volta che aveva la febbre; quanto amore, quanta dedizione e fatica ti sono costate farlo crescere, e poi viene spedito là, semplicemente viene mutilato e muore".

La letteratura tedesca contemporanea ci offre questo libro bello e interessantissimo di U. Timm, fra i più grandi autori europei di oggi.
Alla base dell'opera, gli scritti (diario, lettere) del fratello, arruolatosi come volontario nelle SS e morto diciannovenne sul fronte russo nel '43.
Lo scrittore aveva allora tre anni e di lui ricorda solo un ragazzo alto e biondo che lo sollevava da terra.
Il libro è anche un resoconto sulle responsabilità di persone comuni, oltre che del potere, nelle tragedie della Seconda Guerra Mondiale. Ci sono domande senza sconti e dettagli che, pur nella pacatezza del racconto, sgomentano.
Si tratta di un'indagine acuta e impietosa nel microcosmo della propria famiglia, quasi specchio della società tedesca, uno scavo che dà nuovo senso alla pietas verso persone acritiche, responsabili e vittime di un'immane catastrofe.

Com'è stato possibile che quel ragazzo trasognato "a cui non è mai piaciuto giocare con i soldatini", si sia catapultato nel gorgo della tragedia?
Secondo la madre, contraria all'arruolamento, i capi "avevano abusato dell'idealismo del giovane".
E i padre? Qui il discorso si deve inoltrare fra varie e pericolose ambiguità.
U. Timm sa penetrare molto in profondità: scandaglia i cosiddetti 'valori' che serpeggiavano nella mentalità comune, qui trasmessa dal genitore nella formazione del Super-Io di famiglia.
Il padre, che pur non si era mai iscritto al Partito nazista e non ne amava i "modi troppo da teppisti", non metteva affatto in discussione "dovere e tradizione", e neppure il 'coraggio', che però non prevedeva il coraggio di dire di no.

Gli scritti del fratello sono piuttosto reticenti, benché talvolta implicitamente eloquenti : "...mi limito a seguire gli ordini". Ad un tratto compare un Russo, e come una pugnalata giunge la frase: "a 75 metri Ivan fuma una sigaretta, un boccone per la mia mitragliatrice".
Il narratore, mentre conduce le proprie indagini, legge libri di Primo Levi e altri autori che raccontano gli orrori subiti dalle vittime : è il momento perché lui, appartenente a una generazione a cui era proibito piangere, pianga "tutte le lacrime soffocate".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Indipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri