Infanzia Infanzia

Infanzia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nella sua prima traduzione italiana Infanzia, il volume che inaugura la trilogia di Copenaghen di Tove Ditlevsen: tre romanzi autobiografici riscoperti di recente e giustamente celebrati a livello mondiale come capolavori. La piccola Tove vive con i genitori e il fratello maggiore in un quartiere operaio di Copenaghen. Il padre, uomo schivo dalle simpatie socialiste, si barcamena passando da un impiego saltuario all’altro. La madre è distante, irascibile e piena di risentimento: non è facile prevedere i suoi stati d’animo e soddisfare i suoi desideri. A scuola Tove si tiene in disparte, dentro di sé è convinta di essere incapace di stabilire veri rapporti con i coetanei; fa però amicizia con la selvaggia Ruth, una bambina del suo quartiere che la inizia ai segreti degli adulti. Eppure anche con lei Tove indossa una maschera, non si svela né all’amica né a nessun altro. La verità è che desidera soltanto scrivere poesie: le custodisce in un album gelosamente nascosto, soprattutto da quando il padre le ha detto che le donne non possono essere scrittrici. Sempre più chiara, in Tove, è la sensazione di trovarsi fuori posto: la sua capacità di osservazione, lucida, inesorabile, ma al tempo stesso sensibilissima, le fa apparire estranea l’infanzia che sta vivendo, come se fosse stata pensata per un’altra bambina. Le sta stretta, quest’infanzia, eppure comincerà a rimpiangerla nell’attimo stesso in cui se la lascerà alle spalle.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Infanzia 2022-11-24 07:07:23 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    24 Novembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sopravvivenza dissimulata

…” Leggo dal mio quaderno di poesia, mentre la notte passa davanti alla finestra e senza che io me ne renda conto l’ infanzia cade in silenzio sul fondale della memoria, che è la biblioteca della mente, dalla quale attingerò conoscenza ed esperienza per tutto il resto della vita”…

Danimarca, anni’ 20 del ‘900, la giovane Tove abbandona l’ infanzia in compagnia di un quaderno e dell’ amata scrittura, unica compagna in una nebbia famigliare che l’ha costretta a dissimulare per sopravvivere. Cerca di evadere da un reale deludente, banale, invisa agli occhi altrui, al cospetto di una madre che non ha mai conosciuto, bella e intoccabile, solitaria e piena di segreti, costantemente attraversata dai propri afflati umorali, di un padre che vive di precariato, che l’ha avviata precocemente ai piaceri letterari e che ne ostacola il desiderio di scrivere, di un fratello maggiore bello e talentuoso, il cocco e l’ orgoglio di casa, suo punto di riferimento.
A Tove non resta che circondarsi di solitudine, inascoltata, violata, umiliata nella propria essenza, così per tutta l’ infanzia, decisa a non rivelare mai più i propri sogni.
L’ incupimento di un destino deciso da altri, una stagione della vita che diventa …”una striscia scura “…, da sempre un certo talento per la scrittura, nessuno per i giochi.
E allora quell’ infanzia per molti unica e gioiosa per Tove è…” lunga e stretta come una bara”… impossibile abbandonarla, …” appiccicata alla pelle come un odore”….
Per sfuggire la propria condizione non le resta che indossare una maschera di stupidità, un modo di anestetizzare e combattere quel male che assorbe e patisce dal mondo mentre il suo cuore si riempie di un caos di rabbia, dolore, compassione, un senso di nausea che la prende ogni volta che sua madre, come lei spaventata dal mondo, la pugnala pubblicamente alla schiena.
…” Nessun adulto sopporta il canto del mio cuore e le ghirlande di parole della mia mente, ma sanno che esistono”... anni bui che inevitabilmente ritornano, una sensibilità forgiata da cotanta durezza, una vita che non piace e non serve a nessuno, giorni silenziosi, furtivi, circospetti, costruiti per un’ altra bambina.
Ed eccola affidarsi allla dimensione del sogno, amico prezioso, con l’ idea di qualcuno che possa ascoltarla e capirla, con cui parlare di certe cose, a cui leggere le proprie poesie che sorvolano sul reale, qualcuno che pare esistere solo nei libri.
Tove è attraversata da un prematuro senso di morte, i versi coprono le crepe e custodiscono il segreto della sua infanzia, un irrinunciabile anelito del cuore, anche se non potrà mai essere una scrittrice.
Il giorno della cresima e l’ ingresso nell’ età adulta porteranno a cambiamenti, obiettivi già noti, un mondo inviso, temuto, odiato, filtrato dagli occhi di un’ infanzia rubata conservata all’ interno dei cassetti della propria memoria.
Primo volume autobiografico della trilogia di Copenaghen, “ Infanzia “ ci guida nella sfera autobiografica di Tove Ditlevsen, così vera e cruda nella minuziosa descrizione della propria sofferta quotidianità e strabordante di eleganza e poesia nel trasmetterci l’ essenza della protagonista.
I suoi occhi indagano e riflettono una visione di adulta nella scrittura e di bambina nella propria memoria sensibile, lo stile è limpido, essenziale, lineare nel rendere l’ inquietudine e il senso di solitudine di una voce introversa e ipersensibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gioventù
Infanzia
Nuoto libero
Gli anni
Le inseparabili
Abbandono
Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Primo sangue
Voglio sappiate che ci siamo ancora
Niente paura
Guarda le luci, amore mio
Greenlights
Ad occhi aperti