Dipendenza Dipendenza

Dipendenza

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Dopo Infanzia e Gioventù, ecco il terzo capitolo dell’acclamata trilogia di Copenaghen di Tove Ditlevsen, che chiude in bellezza la sua opera autobiografica toccando vette d’intensità ancora mai raggiunte. Tove ha soltanto vent’anni, ma è già una poetessa conosciuta, sta scrivendo il suo primo romanzo ed è la moglie di un editore molto più grande di lei. Il suo cammino nella vita sembra indirizzato verso la felicità, eppure qualcosa scricchiola: a pensarci bene, suo marito non l’ha mai presa tra le braccia; la notte dorme sul divano perché lui non è disposto a condividere il letto e a colazione non può rivolgergli la parola mentre lui legge il giornale. La prima esperienza matrimoniale non è certo idilliaca, ma la giovane non ha idea delle battaglie che ancora l’aspettano: relazioni amorose tormentate, fallimenti artistici, gravidanze indesiderate. Soprattutto, però, l’uomo davvero sbagliato non ha ancora incrociato la sua strada. Dal momento in cui lo farà, niente sarà più come prima: mano nella mano, quest’individuo subdolo la trascinerà in un baratro profondo, dal quale sarà molto difficile riemergere. Con il passare degli anni, la tensione centrale della vita di Tove viene dolorosamente messa a fuoco: il terribile richiamo della dipendenza, in tutte le sue forme. Considerato il capolavoro dell’autrice, Dipendenza completa l’indimenticabile, bruciante ritratto del viaggio di una donna attraverso l’amore, l’amicizia, l’ambizione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Dipendenza 2024-04-16 12:45:20 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    16 Aprile, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dipendenze

Tove ci racconta Tove, la sua necessità di scrivere. Gli unici momenti in cui si sente serena sono quelli passati alla macchina da scrivere. La sua felicità non è legata al successo di critica o di pubblico, che comunque ottiene, ma al magico allontanamento dal mondo per entrare in un territorio di pura bellezza. Da come ne parla, la sua scrittura è veloce, sicura e senza ripensamenti. Anche il rapporto con l'editore e l'ambiente letterario non sembrano darle troppi problemi o troppe delusioni e non sembrano avere nemmeno troppa importanza se non per il fatto di costituire una fonte sicura di reddito. Invece nella vita affettiva Tove non ha la stessa facilità e felicità di scelta. Non sembra nemmeno guardarsi intorno. Ogni volta si lega al primo che le capita con una rapidità spensierata e sorprendente, che tradisce un bisogno assoluto e impellente di sicurezza affettiva. Fin da ragazza Tove ha un forte desiderio di una relazione stabile di amore vero (non riesce a guardare le coppie di fidanzati o le coppie con bambini). Eppure passa da una relazione priva di ogni comunicazione con un uomo troppo anziano e egoista a una relazione con un narcisista ancora più egoista. Infine si lega a Ebbe, uomo debole e incapace di esserle di aiuto in nessun modo, che la spinge a un aborto clandestino. Credo che questa esperienza porti poi al passo successivo, cioè alla necessità di qualcosa che la renda felice in modo più stabile e sicuro, e cioè alla dipendenza da sostanze chimiche. Allo stesso tempo Tove sembra volersi autopunire privandosi di Ebbe che in qualche modo ama, tuffandosi in una relazione peggiore di tutte le precedenti. In mezzo a tante fragilità, debolezze, in mezzo a tanto disastro spicca la figura forte e confortante della prima figlia Elle, in grado di osservare le cose con saggezza e di prendersi cura della famiglia e dei fratelli più piccoli, che suggerisce quale relazione sia buona e quale da tagliare con uno spirito di osservazione sorprendente in una bambina così piccola. Tove ci descrive anche il suo cammino per uscire da queste dipendenze. Ce la fa, perchè rispetto ad altri ha più ragioni di vita: figli, un nuovo amore e la scrittura, incompatibili tutte con la dipendenza da farmaci.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Dipendenza 2023-04-14 01:53:51 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    14 Aprile, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rovinosa caduta

Continua Il viaggio di Tove nel cuore della giovinezza, una vita che sembra ben indirizzata, l’amata scrittura nella quale perdersi, sentirsi felice, dimenticare, la stesura del primo romanzo, il matrimonio con Viggo F, editore quarantenne.
Eppure l’ amore ancora non le appartiene, forse il matrimonio aiuterà la sua carriera letteraria, di certo il marito non le restituisce affetto, tenerezza, vicinanza, abbandonata a se’ stessa e ai luoghi dell’ infanzia, a una solitudine obbligata, la lettura e la scrittura i soli momenti in cui riconoscersi.
Una pesante quotidianità non può che sfociare nel desiderio di altro, passioni fugaci in cui perdersi, il divorzio fuga e accesso a un futuro diverso.
La solitudine si riveste di fragilità, il desiderio affettivo cede a ricatti emotivi, la dipendenza dall’amore la incatena a relazioni tossiche, nel recente passato una certa inquietudine rivolta al futuro, l’ insicurezza di

…”non essere più una donna sposata che andava a fare la spesa e preparava la cena ogni giorno”….

E allora Tove rivisita quella bambina dall’esistenza incerta e transitoria, l’unione con Ebbe potrebbe restituirle serenità e una vera famiglia allargata, un marito e una figlia, ciò che desidera sin da bambina, una normalità a cui aspirare, la certezza di essere, oltre il talento per la scrittura, una persona piuttosto ordinaria, che sogna

…’ un giovanotto ordinario con un debole per le ragazze dai capelli biondi e lunghi”….

Ebbe è infedele, inconcludente, beve come una spugna, un uomo da mantenere, a Tove, indipendente e famosa, non resta che scrivere, un’astensione dal reale in un stato di comfort per dimenticare.
Nella solitudine dei giorni incontrerà Carl, una vicinanza malata che si insinuerà nelle sue debolezze riducendola a uno stato di dipendenza fisica e mentale. Quando il dolore si fa insopportabile l’ analgesia del presente impone la fuga da un male ormai cronico e onnipresente, unica strada per tollerare la vita con il rischio della dipendenza e allora…

…”nello specchio un volto segnato, invecchiato, estraneo, dalla pelle grigia desquamata con gli occhi rossi, sembro una settantenne”…
.
Il disagio psichico e la richiesta di anestetici trasformano Tove in una tossicodipendente, bugie, furti, torpore, estasi, la separazione da chi ama, dai propri figli, da se’ stessa, dalla scrittura.
Cure, ricoveri, forza di volontà, un vortice di precarietà in una sospensione apparente, l’ incubo di una ricaduta, un nuovo amore, Victor, forse per sempre, l’ adattamento alla vita per sopravvivere al flusso dell’ esistenza.

…” Ero stata salvata dalla mia annosa tossicomania ma ancora oggi si desta in me quell’antica brama, non appena mi capita di farmi fare un prelievo di sangue o di passare davanti alla vetrina di una farmacia non morirà mai del tutto, finché vivo”….

L’ ultimo capitolo della “ Trilogia di Copenaghen “ svela l’ essenza più tragica della protagonista, quella dipendenza psichica e fisica che sembra innescarsi improvvisa ma che ha origini lontane..
Fama e gloria sospese, l’ ispirazione letteraria dissolta, Tove, sopraffatta da un desiderio imprescindibile di amore e di vita, precipita in un vuoto autodistruttivo, sospensione da un reale invivibile in attesa di un quid inafferrabile.
È una dipendenza da combattere, con cui convivere, nella quale perdersi, mai del tutto sopita, un male di vivere che può segnare per sempre.
A conclusione della trilogia riconosciamo un’ anima profonda, malinconica, arguta, dotata di dolcezza e sensibilità smisurate, che sfoglia e racconta gli angoli più spigolosi e fragili della propria esistenza, di bambina, di adolescente, di donna, di scrittrice, di moglie e di mamma.
Una donna che ha desiderato intensamente il riconoscimento e la realizzazione della propria dimensione artistica in un contesto storico-socio-culturale avverso e poco amorevole riuscendovi faticosamente, che ha cercato una versione personale dell’amore per cedere a uno stato di non amore, schiava di sentimenti non ricambiati, un’ anima fragile esiliata nel proprio desiderio di normalità.
La scrittura limpida, diretta, a tratti poetica di Tove Ditlevsen coglie nel segno, l’ autrice poco ci parla della propria versione e visione letteraria, di quella musa ispiratrice che l’ha accompagnata e preservata ma, probabilmente, lo scopo dell’ opera era un altro, trasmettere se’ stessa all’ interno di una quotidianità così difficile da affrontare e da tollerare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un'estate
Le schegge
Perdersi
Dipendenza
Gioventù
Infanzia
Nuoto libero
Il ragazzo
Gli anni
Le inseparabili
Abbandono
Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Primo sangue