Dettagli Recensione

 
Dipendenza
 
Dipendenza 2023-04-14 01:53:51 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    14 Aprile, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rovinosa caduta

Continua Il viaggio di Tove nel cuore della giovinezza, una vita che sembra ben indirizzata, l’amata scrittura nella quale perdersi, sentirsi felice, dimenticare, la stesura del primo romanzo, il matrimonio con Viggo F, editore quarantenne.
Eppure l’ amore ancora non le appartiene, forse il matrimonio aiuterà la sua carriera letteraria, di certo il marito non le restituisce affetto, tenerezza, vicinanza, abbandonata a se’ stessa e ai luoghi dell’ infanzia, a una solitudine obbligata, la lettura e la scrittura i soli momenti in cui riconoscersi.
Una pesante quotidianità non può che sfociare nel desiderio di altro, passioni fugaci in cui perdersi, il divorzio fuga e accesso a un futuro diverso.
La solitudine si riveste di fragilità, il desiderio affettivo cede a ricatti emotivi, la dipendenza dall’amore la incatena a relazioni tossiche, nel recente passato una certa inquietudine rivolta al futuro, l’ insicurezza di

…”non essere più una donna sposata che andava a fare la spesa e preparava la cena ogni giorno”….

E allora Tove rivisita quella bambina dall’esistenza incerta e transitoria, l’unione con Ebbe potrebbe restituirle serenità e una vera famiglia allargata, un marito e una figlia, ciò che desidera sin da bambina, una normalità a cui aspirare, la certezza di essere, oltre il talento per la scrittura, una persona piuttosto ordinaria, che sogna

…’ un giovanotto ordinario con un debole per le ragazze dai capelli biondi e lunghi”….

Ebbe è infedele, inconcludente, beve come una spugna, un uomo da mantenere, a Tove, indipendente e famosa, non resta che scrivere, un’astensione dal reale in un stato di comfort per dimenticare.
Nella solitudine dei giorni incontrerà Carl, una vicinanza malata che si insinuerà nelle sue debolezze riducendola a uno stato di dipendenza fisica e mentale. Quando il dolore si fa insopportabile l’ analgesia del presente impone la fuga da un male ormai cronico e onnipresente, unica strada per tollerare la vita con il rischio della dipendenza e allora…

…”nello specchio un volto segnato, invecchiato, estraneo, dalla pelle grigia desquamata con gli occhi rossi, sembro una settantenne”…
.
Il disagio psichico e la richiesta di anestetici trasformano Tove in una tossicodipendente, bugie, furti, torpore, estasi, la separazione da chi ama, dai propri figli, da se’ stessa, dalla scrittura.
Cure, ricoveri, forza di volontà, un vortice di precarietà in una sospensione apparente, l’ incubo di una ricaduta, un nuovo amore, Victor, forse per sempre, l’ adattamento alla vita per sopravvivere al flusso dell’ esistenza.

…” Ero stata salvata dalla mia annosa tossicomania ma ancora oggi si desta in me quell’antica brama, non appena mi capita di farmi fare un prelievo di sangue o di passare davanti alla vetrina di una farmacia non morirà mai del tutto, finché vivo”….

L’ ultimo capitolo della “ Trilogia di Copenaghen “ svela l’ essenza più tragica della protagonista, quella dipendenza psichica e fisica che sembra innescarsi improvvisa ma che ha origini lontane..
Fama e gloria sospese, l’ ispirazione letteraria dissolta, Tove, sopraffatta da un desiderio imprescindibile di amore e di vita, precipita in un vuoto autodistruttivo, sospensione da un reale invivibile in attesa di un quid inafferrabile.
È una dipendenza da combattere, con cui convivere, nella quale perdersi, mai del tutto sopita, un male di vivere che può segnare per sempre.
A conclusione della trilogia riconosciamo un’ anima profonda, malinconica, arguta, dotata di dolcezza e sensibilità smisurate, che sfoglia e racconta gli angoli più spigolosi e fragili della propria esistenza, di bambina, di adolescente, di donna, di scrittrice, di moglie e di mamma.
Una donna che ha desiderato intensamente il riconoscimento e la realizzazione della propria dimensione artistica in un contesto storico-socio-culturale avverso e poco amorevole riuscendovi faticosamente, che ha cercato una versione personale dell’amore per cedere a uno stato di non amore, schiava di sentimenti non ricambiati, un’ anima fragile esiliata nel proprio desiderio di normalità.
La scrittura limpida, diretta, a tratti poetica di Tove Ditlevsen coglie nel segno, l’ autrice poco ci parla della propria versione e visione letteraria, di quella musa ispiratrice che l’ha accompagnata e preservata ma, probabilmente, lo scopo dell’ opera era un altro, trasmettere se’ stessa all’ interno di una quotidianità così difficile da affrontare e da tollerare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Esaustiva recensione.
Si tratta di un ciclo di libri?
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un'estate
Le schegge
Perdersi
Dipendenza
Gioventù
Infanzia
Nuoto libero
Il ragazzo
Gli anni
Le inseparabili
Abbandono
Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Primo sangue