Nuoto libero Nuoto libero

Nuoto libero

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Gli amanti del nuoto libero sanno che la loro amatissima piscina sotterranea è un luogo quieto, perfetto per il relax e la concentrazione, dove ciascuno gestisce il suo corpo e il suo tempo lontano dal mondo di superficie. È il loro spazio, la loro zona di conforto, la fonte di un benessere superiore. La loro è una vita appartata e felice, vasca dopo vasca, virata dopo virata. Fino al giorno in cui la comparsa di una crepa sul fondo della piscina incrina le certezze di tutti, soprattutto di Alice. Alice, madre della narratrice, soffre anche lei, in parallelo, per le crepe insanabili che minacciano la sua memoria. Senza la piscina a strutturare il suo tempo, la sua vita intera scivola nella confusione, nello scompiglio, nell'incertezza. Sua figlia la osserva, e ricostruisce per lei un passato che la memoria non trattiene più: l'infanzia, il campo di concentramento per giapponesi, il lungo matrimonio, la morte della prima figlia neonata, l'esperienza di madre nippoamericana in California. Con una scrittura essenziale e con indicibile grazia e profonda tenerezza, Julie Otsuka osserva il declino di una madre imparando a orientarsi in un rapporto difficile e insieme ad amarla come mai prima.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nuoto libero 2022-12-04 16:36:35 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    04 Dicembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il respiro acquatico nel dolore della dimenticanza

La vita è il respiro di parole e di gesti essenziali, giorni che si riempiono di ricordi, di nostalgia e rimpianti al cospetto del dolore di una perdita inevitabile, e allora, in questi momenti, non resta che uno sguardo, laddove le parole sono scomparse, e …” quando arriva al tuo viso ti guarda negli occhi con meraviglia. Il suo sguardo ripete più volte questo giro. La fotografia, il tuo nome scritto sotto, il tuo nome sulla targhetta, il tuo viso. E ogni volta, quando arriva al tuo viso, sembra sul punto di parlare”…
Alice, l’ anziana madre dell’ autrice, sta perdendo la memoria, dimentica pezzi del proprio passato, confonde i volti, scambia gli oggetti, non riconosce i luoghi, non ricorda quando ha iniziato a dimenticare, sa solo che sta dimenticando. Una malattia della quale si sono ignorati i sintomi iniziali, che la accompagnerà verso la fine, quando il vuoto della memoria si allargherà e lei inevitabilmente diverrà un foglio bianco.
Allora vivrà nell’ attesa, e la casa di Cura Bellavista sarà il capolinea, un luogo dove spersonalizzarsi e giorno dopo giorno dimenticare sempre più cose, presto completamente spoglia, uno spazio vuoto, per la prima volta libera, nel qui e nell’ ora.
Alice non guarda più dalla finestra, non chiede più di suo marito, a volte i giorni scorrono senza una parola, sua figlia, scrittrice di fama, in tutti gli anni di lontananza, non l’hai mai invitata, ne’ scritto, ne’ chiamata il giorno del suo compleanno, ora che è tornata è troppo tardi, sua madre sta scomparendo.
Il passato e’ un luogo avvolto totalmente nell’ acqua, una piscina nella profondità della terra, qui Alice veniva perché ci è sempre venuta, qui sapeva cosa fare. In piscina si scordano i problemi della terraferma, si ritrova il vecchio spirito giovanile, è un luogo di culto, totalmente proprio, fa stare bene, restituisce un senso di benessere che manca nella propria vita di superficie.
Qui sembra di stare altrove, in un universo parallelo, l’ acqua è vita, scelta, destino, assenza di gravità, fa volare, vi si vive il puro piacere di nuotare, i bisogni si dissolvono, liberi, sospesi, estasiati, euforici, in uno stato di grazia ipnotico, cadono i confini con il mondo, tra il corpo e l’acqua, è il nirvana.
La piscina metafora di un’ interiorità intensamente vissuta, lì senti il suono rilassante del tuo respiro, il ritmo delle bracciate, ascolti i pensieri mentre scivoli nell’ acqua fresca, trasparente.
Nuotare è rito, abitudine, esigenza imprescindibile, vita, secondo regole e convenzioni, nuotare è benessere, equilibrio, oblio. Un giorno si scoprirà una crepa nella profondità della vasca, un fessura inquietante, silente, preoccupante, che, come uno stato di malattia, verrà negata, ignorata, posposta, indagata, con la quale si proverà a convivere e alla quale, alla fine, ci si dovrà arrendere.
Un romanzo ricco nella propria essenzialità, crudo nella rappresentazione di una malattia invalidante, poetico nella descrizione di un preciso stile di vita, dolce nel respiro di una bracciata, sofferto nella constatazione della perdita dei propri giorni, amorevole nella accettazione dell’ impossibile, duro nella ammissione di una colpa pregressa. Una piacevole scoperta, un tema difficile da trattare perché riguarda una dimensione intima e assai dolorosa, la paura di dimenticare e di essere dimenticati, laddove l’ acqua conserva e preserva la vita…

Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gioventù
Infanzia
Nuoto libero
Gli anni
Le inseparabili
Abbandono
Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Primo sangue
Voglio sappiate che ci siamo ancora
Niente paura
Guarda le luci, amore mio
Greenlights
Ad occhi aperti