Narrativa straniera Romanzi autobiografici Gli amanti. Romeo e Giulietta in Afghanistan
 

Gli amanti. Romeo e Giulietta in Afghanistan Gli amanti. Romeo e Giulietta in Afghanistan

Gli amanti. Romeo e Giulietta in Afghanistan

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


20 marzo 2014. Verso mezzanotte una ragazza di diciotto anni abbandona la casa rifugio dove è scampata alla furia dei persecutori per fuggire con il suo innamorato. Fuori, se avrà fortuna, l'attende una precaria sopravvivenza, fatta di stenti, incertezze e paure. Ma se qualcosa andasse storto, rischia l'arresto, violenze di ogni genere e, quasi sicuramente, la morte. Soprattutto se la polizia la consegnerà alla sua famiglia. Perché Zakia, ragazza afghana di etnia tagika, musulmana sunnita, ha osato rifiutare il matrimonio combinato dai famigliari per amore di Ali, un ragazzo di etnia hazara, musulmano sciita. La madre l'ha maledetta, e il padre e i fratelli sono disposti a tutto pur di lavare col sangue la macchia del disonore. Quella fuga cambierà irreversibilmente non solo la vita dei due ragazzi, ma anche quella di molte altre persone, tra cui il giornalista americano Rod Nordland, che si troverà sempre più coinvolto nella vicenda di cui ci offre un appassionato resoconto, fino a oltrepassare i limiti posti dalla deontologia professionale e diventare «complice» di due latitanti. Alle prese con le incertezze, le ipocrisie e le ambiguità della politica, con l'intreccio di inconfessabili interessi che accompagnano ogni guerra, Nordland scoprirà la propria impotenza, l'incapacità, nonostante la sua posizione privilegiata e le risorse di cui dispone, di garantire non solo il lieto fine della storia d'amore, ma anche la stessa incolumità dei due amanti, a loro volta confusi e sospettosi di fronte a un mondo che continuano a sognare, ma dal quale temono di scoprirsi irrimediabilmente esclusi (come quando si accorgono della «cecità» a cui li condanna il loro analfabetismo). Attorno alla vicenda di Zakia e Ali, la società afghana sembra rischiare un drammatico ripiegamento su se stessa. Dopo anni di impegno e di ingenti investimenti statunitensi nella lotta per l'«eguaglianza di genere», i signori della guerra con cui l'Occidente si è alleato per combattere il terrorismo islamista si sono rivelati, sotto il profilo della violenza contro le donne, degni eredi dei talebani. A conferma che il vero motore della spasmodica resistenza all'invasione sovietica prima, e alla coalizione occidentale poi, è stato in realtà il «jihad contro le donne», cioè il disperato e feroce tentativo di autoconservazione della rigida società patriarcale e maschilista, profondamente radicata nella cultura tradizionale afghana.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli amanti. Romeo e Giulietta in Afghanistan 2017-12-05 10:14:15 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    05 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

'Na fuitina

Scelgo sempre i libri d’impulso, in base ad una combinazione, direi chimica, titolo-copertina-colpo di fulmine, senza soffermarmi troppo a leggere la storia di cui parla. Quando ho scelto questo, pensavo ad una storia romanzata ed un po’ strappa-lacrime, anche se non amo molto la narrativa cosiddetta “rosa”. Il fatto che la storia fosse ambientata in Afghanistan mi aveva attirato, perché speravo ed immaginavo che non fosse un romanzo così “rosa”. Non mi aspettavo che però fosse una storia vera e, men che meno, che fosse raccontata da un giornalista, che è stato toccato sul vivo da questa vicenda e che l’ha raccontata, appunto, dal punto di vista giornalistico, nonché personale, perchè, quando ne è stato toccato, non è riuscito a prenderne le distanze, infrangendo la propria deontologia professionale. Forse lo stile è un po’ troppo schematico, un po’ troppo cronologico, un po’ troppo freddo. Perché se è vero che è una storia che nasce dal potere dei sentimenti, è una storia in cui il calore dei sentimenti si sente veramente molto poco. L’intento era un altro, era quello di raccontare anche tutto il contorno che ha spinto questi giovani ragazzi a sfidare il loro mondo e le loro famiglie. Un punto di vista comunque bello, originale, inaspettato, per raccontare una storia dei giorni nostri. Vera. E quanto abbiamo bisogno di storie vere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Finché morte non sopraggiunga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'angelo di vetro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri