Narrativa straniera Romanzi autobiografici Il lavoro di una vita. Sul diventare madri
 

Il lavoro di una vita. Sul diventare madri Il lavoro di una vita. Sul diventare madri

Il lavoro di una vita. Sul diventare madri

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il racconto preciso come una lama di cosa significhi diventare madre. Cosa succede a una donna - occidentale, emancipata, lavoratrice - quando diventa madre? Di quell'evento destabilizzante che è la nascita di un figlio si parla sempre in termini di dissimulazione e autoinganno, con immagini di madri traboccanti di felicità e amore. Rachel Cusk, invece, raccontando la sua esperienza di maternità, dalla scoperta di essere incinta fino al primo anno di vita della figlia, si confronta con la dimensione ambivalente e conflittuale che investe ogni donna che diventa madre. Impreparata alle trasformazioni del corpo, della mente e della propria vita, descrive con impietosa sincerità e feroce ironia il passaggio da convegni e cocktail party in abito da sera alle notti insonni nel tentativo di placare i pianti della figlia: un incubo a occhi aperti che viene vissuto come un martellante atto d'accusa, e che la porta a sondare i sentimenti più crudeli e inconfessabili che l'hanno attraversata. Tra folgoranti divagazioni letterarie e vita reale, Rachel Cusk ci consegna un saggio ricco e profondo, un viaggio ai limiti dell'amore, della solitudine, della notte.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il lavoro di una vita. Sul diventare madri 2021-04-30 05:02:14 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    30 Aprile, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tormento ed estasi

La maternità vista e vissuta grazie agli occhi critici di Rachel Cusk, una scrittrice addentratasi nel complesso e indigesto universo della genitorialita’ per ritornare cambiata e diversa.
Non si tratta di un saggio ne’ di un manuale d’ uso, non si danno consigli alle future mamme, è un racconto scritto nell’ immediatezza della propria esperienza, generato da un iniziale senso di vuoto ( il proprio se’ allontanato e deposto ), da due unità inconciliabili ( mamma e figlia ) che finiscono con il fondersi, è un incontro-scontro che pareva orribile, detestabile, diverso, una guerra in atto che assapora la crescita di una relazione e l’ insostituibilità di una presenza .
È una lettera indirizzata alle donne, nella speranza che trovino una qualche compagnia, include riflessioni sui romanzi letti che danno voce al tema trattato, è una rivisitazione di se’ e del proprio mondo, nella difficile accezione madre-figlia.
Emily, scrittrice e donna di cultura, pervasa da un egocentrismo che vede nella maternità una sorta di steccato escludente, progetta una fuga da una prigione di concretezza, tra notti insonni e giorni sottratti ai desideri, trascinata in un mondo manualistico di semplici e ripetuti gesti, un’ insopportabile e insormontabile contrapposizione tra la propria creatività e l’ altrui bisogno di vicinanza.
Dopo la gravidanza sarà la sua personale esperienza culturale e letteraria a cambiare profondamente, rendendola più umana nella propria pulsione produttiva e creativa.
L’ inquietante miscela di fatti e sentimenti, implicita nella maternità, un insopportabile affollamento della propria intimità, darà vita a una coppia, l’ inizio accostava la gravidanza alla menzogna, un luogo popolato da moralisti e maniaci del controllo.
C’è una fredda esperienza del parto e un irresistibile desiderio di possesso fisico a incarnare un senso di vuoto, una stasi per scoprire quello che si possiede.
C’è una frattura tra la madre e il se’ per comprendere cosa sia realmente una madre.
Occorre esserci, tralasciando il resto, un amore genitoriale che è replica, verifica, indagine dell’ amore di se’, rivisitazione della propria vulnerabilità e impotenza.
Il tempo porterà un legame paritario, una coscienza rivale che ha generato un senso del dovere, l’ oggetto principale delle proprie cure, quel corpicino luminoso che giostra tra le rovine del proprio corpo.
Nel momento in cui si sente allontanata dal pensiero e dal mondo l’autrice rileggerà una poesia di Coleridge, “ Gelo a mezzanotte “, una poesia sullo stare immobili, su come i figli fungano da ancora per il corpo e per la mente, ricordando un passato di affetti perduti e solitudini lontane in attesa che entri qualcuno da amare. È lì, in quella stanza, nella statica vicinanza padre-figlio, che la propria vita trova riparo ignara di qualsiasi separazione subita.
Ed e’ li’ che questo amore genera un luogo nuovo, la reclusione si fa libertà, la bruttezza bellezza, la genitorialita’ e’ redentiva, trasformativa, creativa, infrangendo e ampliando i propri limiti.
Ecco allora che

...” le madri sono i paesi da cui veniamo “... e ...” la transazione avvenuta ha fatto di me una madre “....

Un racconto intimo ( nei sentimenti ) e corale ( nella raffigurazione dell’esperienza ), un viaggio curativo e rigenerante, un’ esplosione vivida che genera un nuovo senso laddove prevalevano rabbia e risentimento, delusione e rassegnazione.
Gli occhi dello scrittore faticano ad abbandonare certezze e privilegi acquisiti, tendono al narcisismo, criticano e scrutano l’ ignaro piccolo mondo che li sovrasta, ma sanno anche dubitare, leggere e donarsi a un’ altra storia, specchiarsi nell’altro, così uguali e diversi, figli di una stessa madre, in una neo dimensione arricchita dalla condivisione e dalla gioia di un rinnovato entusiasmo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri