L'uccello dipinto L'uccello dipinto

L'uccello dipinto

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Ambientato durante la seconda guerra mondiale in un paese dell'Europa dell'Est, "L'uccello dipinto" è la storia di un bambino e della sua miracolosa ricerca della salvezza. Allo scoppio del conflitto, la famiglia lo nasconde in un villaggio di campagna e lo affida alle cure di un'anziana bambinaia, sperando di risparmiargli le violenze dell'esercito invasore; ma dopo la morte della donna inizia per lui un solitario vagabondare nel tentativo di ricongiungersi ai genitori. Tra le atrocità dei soldati tedeschi e quelle dei contadini - che lo credono un ebreo o uno zingaro con poteri malefici - il bambino scoprirà sulla natura umana molto più di quanto la sua giovane età avrebbe dovuto consentirgli. Fin dalla sua uscita, nel 1965, "L'uccello dipinto" destò scalpore su entrambi i lati della Cortina di Ferro, divenendo uno dei libri più controversi nell'era della guerra fredda. Cinquant'anni dopo, caduto il velo delle ideologie, questo romanzo insieme autobiografico e universale continua a parlarci, con il coraggio dei grandi classici, del problema della libertà individuale e della violenza della società. Con un'introduzione dell'autore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uccello dipinto 2017-08-04 07:57:42 Romina
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Romina    04 Agosto, 2017

Le grandi ombre dell'uccello dipinto

Attenzione, contiene spoiler

Paragonerei questo romanzo a Storia di Neve di Corona, per la durezza con cui affronta tematiche difficili, dolorose, strazianti, come la perdita dell'umanità, la bestialità e l'ignoranza. Ma mentre Corona, nella sua nera poesia, intravede un sottile raggio di speranza, così non è per Kosinski.

Il romanzo tratta delle vicende picaresche di un bambino nei territori dell'Est, falcidiati sia dall'occupazione tedesca, che dall'ignoranza brutale e dalla superstizione dei contadini. In questo romanzo di formazione al contrario assistiamo con gli occhi del bambino, ma con la maturità a tratti illuminante dell'autore, ad efferatezze terribile, come violenze, tortura, stupri, unioni turpi e morti senza pietà.

è un'atmosfera atroce, in cui la parola pietà non esiste per nessuno, che forgia un bambino, tanto che, tornato a casa, non riuscirà mai a tornare ciò che era... perchè la violenza sarà penetrata in lui e la vita gli ha insegnato che o si è vittime, o si è carnefici. E lui è solo, l'amore non lo può più salvare...

Eppure qualcosa ancora desidera, non è infelice: ha scoperto in uno spirito di corpo incarnato da un "eroe" vendicatore comunista un'identità volta al dominio, alla prevaricazione, ma con quella rigidità e quella rispettabilità che desidera. Come l'uccello dipinto cacciato dallo stormo, lui troverà dunque i suoi simili, verso una strada che conduce solo all'inferno. Dove non c'è un solo filo di speranza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Sconsigliato ai teneri di cuore e a coloro che non intendono leggere un romanzo emotivamente forte
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'uccello dipinto 2016-12-07 06:52:21 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    07 Dicembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pulp Dickens

Ho iniziato la lettura nella convinzione che il romanzo fosse autobiografico. Ma la storia sembra troppo feroce e cruda per essere vera; se fosse vera, è davvero meglio diventare albero come nel romanzo La vegetariana piuttosto che appartenere alla razza umana. In ogni caso la valutazione del libro è legata all'autenticità della storia. Se vera, quindi se è una testimonianza il punteggio sul contenuto salirebbe a 5 . Se la storia non è vera, d'altra parte, non capisco dove sia diretto tutto questo fiume di violenza e bestialità disumana che permea ogni pagina dalla prima all'ultima facendo pensare alla camera a gas come a una sorte di benevola forma di eutanasia per cui bisognerebbe ringraziare.
Il titolo dà perfettamente l'idea del romanzo. In Polonia era un divertimento per gli abitanti del villaggio catturare un uccello, dipingere le sue piume e poi lasciarlo libero. Lo stormo lo faceva a pezzi. In questo romanzo l'ebreo, il narratore (un bambino di 7 anni all'inizio del romanzo e di 11 alla fine) hanno la stessa funzione di quell'uccello. Ma se l'uccello-uomo non muore per la violenza degli attacchi dei suoi simili non gli resta che adeguarsi e imparare la violenza fino a passare all'uso della violenza come difesa (uso quasi involontario e comunque necessario) alla violenza come forma di potere. Il romanzo è inquietante. C'è una escalation di depravazione, di torture che il bambino deve subire e di violenze a cui assiste. C'è anche una descrizione dettagliata di come una persona possa arrivare a vendere l'anima al diavolo e cosa possa sperare di ricavarne. L'arrivo dei calmucchi al villaggio e l'orgia di violenza che ne segue è quasi insopportabile. Il finale è pseudo-Dickensiano. Ma ormai dopo tutto quello che è successo non dà al lettore nessun sollievo ma la sensazione di desolazione per la lepre che spontaneamente va verso la gabbia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri