Narrativa straniera Romanzi autobiografici L'ultima estate di Hiroshima
 

L'ultima estate di Hiroshima L'ultima estate di Hiroshima

L'ultima estate di Hiroshima

Letteratura straniera

Classificazione

Editore


"Hara Tamiki era a Hiroshima il 6 agosto 1945, quando sulla città fu sganciata la bomba atomica. Da quel momento in poi, ha posto il disastro atomico alla base del suo discorso letterario e della sua stessa vita. Il terrore e la disperazione che le armi nucleari hanno causato agli esseri umani non saranno ricompensati né cancellati, finché esse non saranno eliminate. Noi tutti stiamo in piedi su questa terra completamente nudi e privi di alcuna possibilità di superare il terrore e la disperazione delle armi nucleari. E intanto sogniamo un futuro lontano ignorando se ci porterà distruzione o salvezza. Ed è quindi superfluo spiegare ancora perché io riponga la mia speranza individuale, che è poi di tutti gli uomini, nel proposito di avvicinare i giovani alle opere di Hara Tamiki. (Oe Kenzaburò, premio Nobel per la letteratura)



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ultima estate di Hiroshima 2014-09-09 12:32:38 C.U.B.
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    09 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La visione di un fiore

Hara Tamiki nacque ad Hiroshima nel 1905 ed alla bomba atomica sopravvisse, nell'agosto del 1945. Gia' fortemente segnato l'anno precedente dalla scomparsa dell'amata moglie, il dramma atomico delineo' il destino letterario di questo scrittore e poeta che decise di impiegare le sue opere nella divulgazione di cio' che avvenne quel giorno maledetto. La  traduzione dei suoi libri in italiano e' misera e si limita purtroppo al qui presente L'ultima estate di Hiroshima, un estratto dall'opera completa curata da Kenzaburo Oe in cui il Nobel ha raccolto tutta la produzione di Hara Tamiki successiva allo scoppio.

Il breve volume include tre tra i suoi piu' famosi racconti , che di fatto potrebbero essere un unico testo vista la continuita' temporale proposta. 
"Preludio alla devastazione" ci offre pagine di quotidianita' di una Hiroshima ancora inconscia del suo imminente destino, pagine di routine di uomini e donne in guerra, tra i bombardamenti e lo sfollamento. Due pulcini cantano nel misero pollaio, i raggi del sole incidono il terreno. La pace di un giorno qualunque di guerra; quaranta ore e loro non sanno, non sanno che esplodera' la prima bomba atomica della storia.
Il secondo racconto "Fiori d'estate" esordisce con un uomo sulla tomba della moglie, fiori di campo, incensi profumati e acqua sulla pietra rovente. Poi un boato, una luce tremenda, emergere delle macerie e scoprire che non esiste piu' nulla. Vagando nella citta' distrutta e contaminata, spettri umani, morti viventi.
Infine " Dalle rovine" ci lascia a tu per tu con una persona diversa, quasi nata su questa terra assieme all'atomica. Dopo i corpi straziati dal fuoco, e' tempo dell'assassinio radioattivo.

Prosa semplice eppure d'effetto, Hara Tamiki in così poche pagine emoziona, la sua testimonianza diviene  missione, si percepisce una vena fortemente intima e personale pulsare tra le righe.
Come ho iniziato concludo, con un appiglio alla biografia dell'autore. Terminato di scrivere la missione che aveva nel cuore, disperato e forse rasentando la pazzia, egli ritenne di non riuscire a continuare senza la sua amata moglie, all'alba della guerra di Corea, incapace di convivere con le mostruosita' dell'uomo . Si suicido' il 13 marzo del 1951 a Tokyo.
A Hiroshima i suoi lettori lo ricordano con un epitaffio, scitto sul granito accanto all'unico edificio il cui scheletro resistette a Little Boy : 

"Inciso nella roccia tanto tempo fa
Perduto nelle sabbie mobili
Nel centro di un mondo che si sgretola
La visione di un fiore"

Delicato, drammatico, quasi confidenziale, di mole poco impegnativa. Io consiglio, buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri