Le bestie di Rechnitz Le bestie di Rechnitz

Le bestie di Rechnitz

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La notte del 24 marzo 1945, la contessa Margit Batthyamy-Thyssen e il marito, ricchi eredi di una tra le dinastie più in vista della Germania nazista, danno una festa principesca per le SS del distaccamento locale nel loro castello di Rechnitz, al confine tra Austria e Ungheria. Intorno alla mezzanotte, la furia dei nazisti - e forse di tutti gli ospiti - si abbatte su un gruppo di ebrei ungheresi rinchiusi vicino alla proprietà in attesa di essere deportati. Vengono uccisi in centottanta, dopo aver scavato lo propria fossa, mentre al castello il ricevimento continua, si balla e ci si ubriaca. Ma uno dei peggiori crimini nazisti della fine della Seconda guerra mondiale è per l'autore una questione personale: la "padrona di casa dell'inferno" è Margit, una zia di cui in famiglia non si parla mai. Era presente all'eccidio? Vi ha partecipato? Che cosa è veramente accaduto quella notte? Per rispondere a queste domande Sacha Batthyany, guidato dal diario della nonna che a sua volta nasconde un segreto inconfessabile, intraprende un viaggio alla ricerca della verità, dalla Svizzera in cui è cresciuto all'Ungheria delle origini della sua famiglia, dall'Austria del dopoguerra alla Siberia dei Gulag, fino a Buenos Aires, nel salotto di una sopravvissuta di Auschwitz, dove scopre il segreto che cambierà lo sua vita e il suo destino. "È il patto segreto di noi discendenti, nipoti dei carnefici o delle vittime. Tutti noi andiamo a prenderci qualcosa, un pezzo di esistenza."

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le bestie di Rechnitz 2018-09-26 19:31:21 luvina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
luvina Opinione inserita da luvina    26 Settembre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E che cosa ha a che fare con me?

“Le bestie di Rechnitz” è il romanzo autobiografico di Sacha Batthyany, giornalista svizzero e discendente per parte di padre della nobile famiglia ungherese dei Batthyany e per parte di madre di una importante famiglia di latifondisti ungheresi; una sua prozia era una Batthyany- Thyssen. Perché tutto questo è rilevante? Perché attraverso la storia della sua famiglia Sacha Batthyany ci racconta la Storia (con la s maiuscola) di un paese, l’Ungheria, e di un mondo, quello dell’Europa orientale, che non c’è più. Nato e cresciuto in Svizzera, l’autore non si è mai dovuto scontrare con la realtà di un Paese che avesse un passato di guerre o invasioni (-Niente fallimenti collettivi, né crisi, all’infuori di quella delle banche. La Svizzera ha conosciuto solo periodi di benessere, di sicurezza e di serenità…si potrebbe dire che un tale idillio influenzasse ogni cosa-) fino a quando nel 2006 non avviene l’episodio che fa da causa scatenante: una sua collega gli fa leggere un articolo di giornale nel quale si accusa la sua prozia Margit Batthyany-Thyssen di aver avuto una parte nell’eccidio di 180 ebrei a Rechnitz mentre nel suo castello si stava tenendo una festa. Da quel momento in poi Sacha Batthyany (servendosi anche dei diari di sua nonna Maritta e della sua amica ebrea Agnes) inizia la sua personale indagine sul passato della sua famiglia che lo manderà per otto anni in psicoterapia e lo porterà a viaggiare dalla Russia all’Ungheria, dall’Austria all’Argentina, per riannodare fili, per cercare di capire ma soprattutto per dare una risposta alla domanda che fa da motivo conduttore del libro: Quanto la storia passata della propria famiglia può condizionare il nostro essere attuale? Quanto il dolore o le colpe dei nostri familiari influiscono sui nostri comportamenti?. Questo è un bel romanzo che ha più piani di lettura, infatti può essere letto come un Bildungsroman, un romanzo di formazione, come un racconto storico degli ultimi 70 anni dell’Europa dell’Est ed infine come ricordo di fatti e dolori che ancora ci toccano da vicino. Ad un certo punto l’autore abbandona l’eccidio di Rechnitz per spostarsi su un terreno più ampio quello delle colpe (la nonna tacque sull’uccisione di due ebrei genitori di una sua amica, ugualmente colpevole rispetto alla prozia Margit) e quello dei dolori (il nonno fu prigioniero per dieci anni in un Gulag russo). A leggerlo con lo sguardo lungo questo libro ci fa conoscere l’Ungheria e il perché del successo di Orban, un Paese che da nazista (le famose Croci Uncinate), dopo la fine della II Guerra Mondiale fu smembrato, finì sotto l’asfissiante dominio sovietico che segnò anche la fine di un’epoca quella dei nobili e dei latifondisti e dove si soffrì più che altrove della mancanza di libertà. Fa molto riflettere il brano in cui l’autore scrive che sui social e sui blog noi ci esprimiamo a favore o contro qualcosa, difendiamo cause che ci sembrano giuste ma sempre virtualmente: cosa succederebbe se ci trovassimo a difendere o a rischiare nel reale? -Siamo davvero perbene come ci presentiamo virtualmente? Quanto siamo coerenti?....e scrissi quella frase: “ Daresti rifugio a degli ebrei?” e sotto la risposta: “No”-.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri