Legami feroci Legami feroci

Legami feroci

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Due donne camminano per le strade di New York. Due donne come tante: una madre e una figlia che ricordano il passato e inevitabilmente si scontrano. Poche volte, però, ci è dato di ascoltare da vicino una conversazione tanto intima, ma qui è possibile perché la figlia è Vivian Gornick e "Legami feroci" è il suo primo memoir, un libro diventato di culto e annoverato tra i più significativi del suo genere. E lei che ripercorre una vita segnata dalle continue lotte per l'indipendenza dalla madre, quella che le cammina accanto, intelligente pur se non istruita, prigioniera della perdita prematura del marito ma determinata ad affermare ancora e ancora il suo ruolo di leader non solo in famiglia, ma anche nella piccola comunità dove per anni hanno vissuto. Arguta, feroce, stravagante, questa madre è una gigantessa domestica con cui il confronto è sempre estremo. Vivian Gornick racconta in rigoroso disordine la sua vita con e contro una donna ingombrante, difficile, certo indimenticabile, in un libro che, come scrive Jonathan Lethem nella sua introduzione, "chiama l'applauso che si deve all'opera di un tecnico sopraffino."



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Legami feroci 2017-01-28 08:01:58 Natalizia Dagostino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Natalizia Dagostino Opinione inserita da Natalizia Dagostino    28 Gennaio, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Relazioni familiari

Conosco con questo romanzo Vivian Gornick e, dalle prime pagine, apprezzo la scrittura indipendente e autonoma di questa scrittrice, legata liberamente al movimento americano femminista degli anni ottanta.

p.151

Il romanzo offre una testimonianza del carattere attivo e volontario della memoria. Immaginare il futuro non significa soltanto tenere a bada il passato che ringhia, ma presuppone l’analisi, la capacità critica, il discernimento, attraverso le tracce recuperate.

Nella memoria delle donne che diventano adulte, talvolta, gli uomini sono vagamente presenti. La protagonista ricorda il condominio “tutto ebreo” dove vive, da sei a ventuno anni, negli anni ’40 e ’50.

Ricorda i genitori vicini al partito comunista e le donne fiere, furbe, incontrollabili, illetterate, sboccate, ognuna assorbita come cloroformio. Donne che salvano, che perseguitano, che sono vittime. Come sua madre, capo del Comitato degli inquilini, con l’obiettivo di evitare gli sfratti per morosità.

Vivian Gornick riconosce la rabbia erotica come energia per esistere, per offrirsi attenzione, per prendersi cura di sé e delle altre. Con una prosa ironica e dolcemente pungente, l’autrice ricorda a sé e scrive storie di donne in via di liberazione dai mariti distrattamente violenti, dalla cultura maschilista e aggressiva, dai vicini ignoranti e arroganti.

I legami sono feroci perché vivi. Essi creano una intimità pedagogica: gli sguardi, le parole ascoltate, i fatti vissuti ampliano la coscienza del presente. “Qui una delle due di questo legame ci muore, pensai quel pomeriggio” (p.110).

È solo attraverso la relazione con la propria madre che si procede verso la coscienza e la conoscenza di sé e dell’alterità, anche attraverso gli ordini perentori: “i figli non vogliono bene ai genitori come a miei tempi”. “Tu sei mia figlia. Sei forte. Devi essere forte”. Questa madre tiene sotto controllo il dolore ed è “una cuoca di una competenza noiosa, puliva con la furia di un turbine, lavava come in preda al demonio.”(p.21)

Il delle donne esprime sempre la storia dell’attaccamento fra madre e figlia. La violenza è povertà, l’odio è difesa, il racconto è un antidoto alla paura, sì, “bisogna lasciarla vivere, l’infelicità, perché possa succedere qualcosa.” (p.38)

“Pensa come sarebbe bello se… immagina che…”: è un esercizio di sopravvivenza, è un modo per farsi compagnia e diviene uno strumento di libertà per ognuna di noi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri